5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/10/2004
Cina - Vaticano
Il governo promette più libertà alle religioni
Fonti ecclesiali ad AsiaNews: "Solo un'operazione di cosmesi. La libertà religiosa è un diritto innato, non una concessione del governo".

Hong Kong (AsiaNews) – Qualcosa si muove per dare più libertà alle religioni in Cina? In un seminario su "Religioni e legge", ieri, un rappresentante del governo ha detto che lo stato sta studiando le vie per togliere lo stretto controllo del governo sulle religioni, limitare le interferenze arbitrarie, dando più autonomia alle comunità. Fonti ecclesiali ad Hong Kong hanno però detto ad AsiaNews che i passi del governo in questo campo "non sono sostanziali, ma solo un'operazione di cosmesi, tesa a riparare la Cina dalle critiche internazionali verso la sua aspra politica religiosa".

Zhang Xunmou, direttore del settore legale dell'Ufficio affari religiosi, ha affermato che la gestione degli affari religiosi attraverso ordini amministrativi e regolamenti è ormai alla fine ed è giunto il tempo in cui anche i rappresentanti del governo devono ubbidire a delle regole che pongono limiti precisi al loro potere. Se essi abusano del loro autorità, potranno anche essere perseguiti. La nuova politica – ha detto Zhang – pone gli "amministratori" (il governo) e gli "amministrati" (le religioni), sullo stesso piano, ognuno con i suoi diritti e doveri. "Questo – ha concluso – è un salto molto significativo": limitare i poteri dello stato sulle religioni – ha spiegato Zhang – è un concetto rivoluzionario per la Cina.

Da sempre, nella Cina imperiale e nella Cina comunista, tutte le religioni sono sempre state sottomesse al potere politico. Sotto Mao Zedong, vennero stabilite 5 religioni ufficiali (taoismo, buddismo, islam,cattolica, protestante), mettendo fuorilegge tutti i gruppi religiosi popolari o che rifiutavano il controllo dello stato; le chiese, sospettate di essere in combutta con le potenze occidentali, furono obbligate ad affermare il loro "patriottismo" seguendo i principi politici delle Tre autonomie" (di giurisdizione, di economia, di missione). Secondo Zhang questi 3 criteri sono stati più una reazione contro il potere delle chiese straniere in Cina, che contro le Chiese in sé.

Zhang ha concluso dicendo che il governo sta pensando a una "legge comprensiva sulle religioni", ma non ha precisato alcuna scadenza per l'attuazione. Egli ha anche spiegato che è tempo che le religioni si sostengano da sé, senza aiuti economici dello stato. Nello stesso tempo, poiché molti gruppi religiosi sono sempre più affluenti, essi dovrebbero pagare le tasse per sostenere le entrate fiscali dei municipi.

Fonti di AsiaNews ad Hong Kong commentano: "Una legge comprensiva sulle religioni è un fatto positivo ma solo se il governo riconosce la libertà religiosa come un diritto innato della persona, non – come è ora -  una concessione dello stato. Per salvaguardare questo diritto il governo dovrebbe sbarazzarsi delle Associazioni patriottiche che sono un elemento politico nel corpo delle religioni. Oppure dovrebbero mettere le Associazioni patriottiche sotto l'autorità dei vescovi e dei leader religiosi, non – come è ora – al si sopra di essi".

Vari esperti sottolineano che lo stato è sempre più in difficoltà nel rapporto con le diverse religioni. Il paese assiste a una rinascita religiosa mai vista: le cifre ufficiali dicono che vi sono 100 milioni di credenti, ma nel numero non sono calcolati i gruppi che seguono religioni popolari e gruppi sotterranei o non riconosciuti dal governo. Secondo AsiaNews, una stima complessiva porta il numero di fedeli religiosi ad almeno 500 milioni.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/03/2005 cina - vaticano
Statistiche della Chiesa cattolica in Cina (2004-stime)*
05/03/2005 cina - vaticano
La lista dei vescovi e sacerdoti in prigione, in isolamento, condannati al lager
05/03/2005 cina - vaticano
Petizione al Parlamento cinese: liberate vescovi e sacerdoti
20/12/2004 CINA - VATICANO
Nuovi regolamenti per il controllo delle religioni
di Bernardo Cervellera
16/12/2004 CINA
Pechino, marcia indietro sui biglietti per la messa di Natale

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate