26 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/10/2004, 00.00

    ISRAELE - PALESTINA

    Il parlamento israeliano approva il ritiro da Gaza



    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) – La Knesset, il parlamento israeliano, ha approvato martedì 26 ottobre il piano del primo ministro Ariel Sharon che prevede il ritiro unilaterale dalla Striscia di Gaza e dalla zona nord della West Bank. I voti favorevoli sono stati 67, i contrari 45, gli astenuti 7.

    Secondo il piano Israele non deve essere più presente nella Striscia di Gaza e nel nord della West Bank entro la fine del 2005, eccetto per la Philadelphi ruote, una strada che si trova sul confine fra Egitto e Gaza. Il piano può essere fermato da un referendum pubblico; il governo deve ancora decidere se, dove e quando dare l'ordine di evacuare gli insediamenti nei Territori.

    Analisti ritengono che il piano di ritiro da Gaza proposto dal premier Sharon possa avere 2 possibili conseguenze: una guerra civile e scontri all'interno della società israeliana, e una crescita di gruppi fondamentalisti in Palestina, ad esempio di Hamas.

    Saeb Erekat, ministro palestinese, ha commetanto con amarezza la decisione: "Abbiamo visto i parlamentari israeliani discutere sul nostro futuro, sul futuro dei nostri figli e di noi palestinesi, con un problema: noi eravamo assenti".

    Il voto della Knesset è stato accolto in maniera positiva dall'amministrazione americana: "Il piano di ritiro può essere qualcosa di storico" ha affermato il portavoce della Casa Bianca Trent Duffy. "Noi lo riteniamo un passo importante nella realizzazione della visione del presidente Bush di 2 stati che vivano fianco a fianco in pace e sicurezza".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/09/2005 israele - palestina
    Palestinesi in trionfo sulle rovine degli insediamenti ebraici di Gaza


    03/04/2005 ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
    Mons. Sabbah: Papa sempre vicino alle sofferenze dei popoli di Terra Santa


    03/04/2005 TERRA SANTA – VIAGGI IN ASIA - SCHEDA
    Giubileo: il papa in Terra Santa celebra il bimillenario di Cristo


    08/02/2005 israele - palestina
    Gerusalemme, dove non c'è posto per gli arabi
    La politica urbanistica israeliana dimostra la volontà di escludere la presenza araba dalla Città santa.

    18/12/2004 ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
    Natale, vigilia confusa per la popolazione e per i governi d'Israele e Palestina

    Le elezioni palestinesi, la cancellazione della candidatura di Barghouti, la crisi del governo Sharon, accrescono il senso di impotenza e precarietà dei due popoli. Il nostro corrispondente a Gerusalemme fa il punto sulla situazione in Terra Santa, alla vigilia del Natale.





    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®