17/02/2020, 10.35
CINA-VATICANO
Invia ad un amico

Il vescovo di Nanyang, 98 anni, è il paziente più vecchio guarito dal coronavirus (Video)

Mons. Zhu Baoyu si era ammalato dal 3 febbraio scorso, ora è fuori pericolo. Il “Quotidiano del popolo” gli ha dedicato un articolo e un video. Il ricordo di un missionario del Pime.

Roma (AsiaNews) - L’anziano vescovo di Nanyang, mons. Giuseppe Zhu Baoyu è il più vecchio paziente guarito dal coronavirus. Il 98enne pastore si era ammalato di polmonite da Covid-19 lo scorso 3 febbraio. Dal 12 febbraio è risultato negativo ai test e il 14 febbraio i suoi polmoni non erano più infettati. Mons. Zhu è stato curato all’ospedale centrale di Nanyang e presentava oltre al virus anche altre malattie come aritmia e versamenti pleurici. È guarito grazie a un catetere per il drenaggio del torace. La guarigione di mons. Zhu ha dell’eccezionale: finora tutti i dottori e gli epidemiologi avevano detto che il coronavirus è fatale per le persone anziane e per i pazienti che sono affetti da altre malattie.

La guarigione di mons. Zhu è divenuta un caso in Cina e il “Quotidiano del popolo” gli ha dedicato un articolo e un video.

P. Sergio Ticozzi, missionario del Pime, da oltre 50 anni nel mondo cinese, che conosce personalmente il vescovo, ci ha rilasciato questo commento:

“La notizia della guarigione di Mons. Giuseppe Zhu Baoyu dal coronavirus mi è stata fonte di gioia.  Quando ho incontrato il vescovo due anni fa, era in carrozzella e viveva nel convento delle suore diocesane. A prima vista non mi ha riconosciuto ma quando una suora gli ha detto il mio nome, mi ha sorriso e mi ha salutato “Mio vecchio amico”.  È stato un incontro commovente. 

 Ho conosciuto Mons. Zhu quando era ancora semplice sacerdote nei primi anni del 1990 e ho ammirato la sua prestanza fisica vedendolo girare in bicicletta a visitare i fedeli, nonostante le sofferenze passate negli anni di prigionia e di lavoro rieducativo. L’ho rivisto altre volte. Il suo predecessore, Mons. Giuseppe Jin Dechen mi ha consegnato la lettera di richiesta di averlo come suo ausiliare da far avere a Roma. È stato ordinato vescovo il 19 marzo 1995, festa del suo patrono. 

 Anche da vescovo ha continuato il suo ministero quotidiano con semplicità e umiltà fin quando la salute lo ha costretto a ritirarsi. Faceva molta attenzione ai bisogni degli altri. Ricordo in una mia visita a Nanyang, nella conversazione, avevo manifestato la mia intenzione di recarmi da Nanyang a Zhumadian. Si è interessato con che mezzo intendevo andarci e subito ha telefonato a un suo amico di attendermi alla stazione del bus. Ho apprezzato molto la sua premura. Gioisco della sua guarigione e prego il Signore di benedirlo e di conservarlo in salute ancora a lungo”.

La diocesi di Nanyang (Henan), un tempo affidata ai missionari del Pime, ad oggi conta circa 20mila cattolici, con una ventina di sacerdoti e centinaia di suore della congregazione di san Giuseppe. Pur essendo molto anziano, mons, Zhu è riconosciuto dal governo come vescovo ordinario e solo un anno fa Pechino ha riconosciuto per lui un vescovo coadiutore, mons. Pietro Jin Lugang. Per la Santa Sede, mons. Jin è l’ordinario; mons. Zhu è vescovo emerito.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mons. Pietro Jin Lugang di Nanyang e il dilemma dell’Associazione patriottica. Una precisazione
13/02/2019 08:28
Il governo cinese riconosce mons. Pietro Jin Lugang vescovo coadiutore di Nanyang
30/01/2019 15:01
Pechino conferma 889 nuovi contagi e 118 morti per coronavirus
21/02/2020 09:16
Coronavirus, mai così pochi nuovi casi in un giorno dall’inizio della crisi
20/02/2020 08:59
Coronavirus, il bilancio delle vittime rompe la soglia delle 2mila
19/02/2020 08:57