5 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/07/2009
CINA - VATICANO
Il vescovo di Pechino sempre più prigioniero dell’Associazione Patriottica
di Wang Zhicheng
L’organizzazione che controlla la Chiesa gli lascia solo lo spazio per elogiare l’indipendenza della Chiesa cinese dalla Santa Sede. L’Ap cerca di ricondurre all’obbedienza i vescovi ufficiali dopo la Lettera del papa. La persecuzione verso vescovi ufficiali e sotterranei.

Pechino (AsiaNews) – Agli occhi dei cattolici di Pechino il vescovo della capitale appare ormai una preda del Partito e dell’Associazione patriottica (Ap). Nelle ultime settimane il prelato ha continuato a difendere la politica dell’Ap dello “alzare la bandiera dell’amare la patria e amare la Chiesa” e del “perseverare nei principi di indipendenza, autonomia e autogestione della Chiesa”. Mentre il primo aspetto è molto vicino a quanto Benedetto XVI va dicendo da sempre (i buoni cattolici sono anche buoni cittadini), il secondo esalta il principio di separazione della Chiesa cinese dalla Santa Sede portato avanti dall’Associazione patriottica, che ha spinto il papa a dichiarare gli ideali dell’Ap come inconciliabili con la dottrina cattolica (cfr. Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi n. 7 e nota 36).

Mons. Giuseppe Li Shan, 44 anni, è stato consacrato arcivescovo di Pechino il 21 settembre 2007, con l’approvazione della Santa Sede, ma da diversi mesi egli è sempre più succube dell’Ap, l’organismo che controlla la sottomissione della Chiesa  al Partito.

Secondo diversi fedeli di Pechino, il vescovo sembra aver delegato la sua missione pastorale al capo dell’Ap, il laico Antonio Liu Bainian. Per la fine dell’Anno Paolino e l’inizio dell’Anno sacerdotale, mons. Li Shan si è limitato a fare gli auguri a tutti i sacerdoti che si chiamano Pietro o Paolo e ha invitato il suo clero a un pranzo in comune.

Liu Bainian, invece, ha avuto la possibilità di fare un discorso al clero e alle religiose invitando ad “imitare l’apostolo Paolo, promuovere lo studio teologico, costruire con impegno una Chiesa inculturata di carattere cinese”. Nel suo forbito discorso – riportato in modo quasi integrale sul sito della diocesi di Pechino (http://www.tianguangbao.org/09.7.1/1.htm) – egli ha sottolineato che la Chiesa di Cina vive lo spirito e il pensiero paolino, da lui riassunto in 4 punti: a) spirito di adattamento; b) superamento della tensione fra religione e politica, ubbidendo al regime in cui ci si trova; c) spirito di solidarietà; d) vivere l’evangelizzazione.

“Come san Paolo”, egli ha condannato “le divisioni” e soprattutto quella fra Chiesa ufficiale e sotterranea che, secondo lui, è creata in modo esclusivo da qualche “potenza occidentale anticinese, che danneggia l’evangelizzazione”. Di solito nei documenti del Partito il Vaticano viene definito una “potenza occidentale (o straniera)” che cerca di immischiarsi con (“falsi”) motivi religiosi nella vita della Cina.

Liu Bainian ha offerto il suo discorso durante un seminario teologico sull’Anno Paolino organizzato dall’ Yi Hui Yi Tuan (l’insieme dell’Ap e del Consiglio episcopale cinese). All’incontro era presente anche il vescovo patriottico Ma Yingling, dichiarato illegittimo dalla Santa Sede. Mons. Ma ha presentato il significato del seminario sollecitando i fratelli sacerdoti a vivere l’Anno sacerdotale nello spirito paolino per contribuire alla missione sacra della Chiesa cattolica cinese.

Mons. Li Shan non ha fatto nemmeno una lettera ai suoi preti per l'Anno sacerdotale. A lui l’Ap chiede di parlare solo quando deve difendere l’indipendenza della Chiesa cinese dal Vaticano.

Dal 10 al 12 giugno si è tenuta nella capitale la Nona Assemblea dei Rappresentanti della Chiesa cattolica di Pechino alla presenza di 230 sacerdoti, religiose, seminaristi e laici. A mons. Li Shan è stata affidata una relazione dal titolo “Alzare la bandiera dell’amare la patria e amare la Chiesa, promuovere l’evangelizzazione della Chiesa cattolica di Pechino”.

Nella sua relazione - divisa in tre capitoli - ha percorso la storia della Chiesa di Pechino, l’esperienza degli ultimi 5 anni, la futura missione. Nella prima parte ha sottolineato l’importanza del “consolidamento dell’Ap”,  la “gestione democratica della Chiesa”, “la Chiesa al servizio della capitale, nella prospettiva generale della società”. E fra le esperienze più importanti da valorizzare vi sono il “perseverare nei principi di indipendenza e autonomia, autogestione della Chiesa; servizio alla società; amministrazione democratica della Chiesa”.

Grazie al suo essere remissivo, il vescovo è stato eletto presidente della Liang Hui, l’unione di due gruppi: l’Associazione Patriottica di Pechino e il Consiglio degli Affari cattolici della municipalità di Pechino.

Negli ultimi anni la quasi totalità dei vescovi ufficiali si era riconciliata con la Santa Sede. La Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi (27 maggio 2007) aveva rafforzato questo legame spingendo molti vescovi riconosciuti dal governo a collaborare con i vescovi sotterranei.

Ma proprio a causa della Lettera del papa e della ritrovata unità fra i vescovi cinesi, il Fronte Unito e le Associazioni patriottiche hanno lanciato da molti mesi una serie di iniziative per ricondurre all’obbedienza i vescovi ufficiali cinesi. Fronte Unito e Ap continuano a convocarli, obbligandoli a partecipare a convegni, incontri, studi, sessioni politiche, tanto da rendere molto precario il loro lavoro pastorale. I vescovi non hanno possibilità nemmeno di potersi incontrare fra loro da soli, e passano da una vita in solitudine - alla mercé dei segretari dell’Ap - a incontri comuni sotto il controllo e il lavaggio di cervello ad opera del Fronte Unito e dell’amministrazione statale degli affari religiosi.

Secondo il card. Joseph Zen, vescovo emerito di Hong Kong, il regime cinese sta attuando una persecuzione verso la Chiesa ufficiale. Allo stesso tempo, tutti i vescovi sotterranei – non riconosciuti dal governo – sono agli arresti domiciliari o sono scomparsi nelle mani della polizia.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/07/2009 CINA - VATICANO
Card. Zen: La Chiesa in Cina a due anni dalla Lettera del Papa
di Card. Joseph Zen
14/01/2009 CINA - VATICANO
Esce il volume “La Cina di Mao processa la Chiesa”
di Mons. Claudio Celli
23/05/2009 VATICANO - CINA
Il papa approva un Compendio della sua Lettera ai cattolici della Cina
di Bernardo Cervellera
15/02/2007 CINA
Caccia al prete nella diocesi di Xiwanzi
07/12/2005 Cina – Vaticano
Cina: sequestrati sacerdote e 7 diaconi cattolici sotterranei

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate