22/12/2012, 00.00
IRAQ – VATICANO
Invia ad un amico

Imam di Kirkuk: la visita dell’inviato del Papa in moschea, momento “storico e forte”

di Joseph Mahmoud
Nell’omelia della preghiera del venerdì Ahmad Hami Amin ricorda l’incontro col card Sandri. Il leader islamico sottolinea la gratitudine per l’evento, che “esprime il rispetto dei cristiani per i musulmani”. Egli ha portato “il messaggio di pace” di Benedetto XVI e l’invito al dialogo per “risolvere i problemi”.

Kirkuk (AsiaNews) - Un momento "storico e forte", del quale "gli siamo grati". Così l'imam della grande moschea di Kirkuk Ahmad Hami Amin, nell'omelia tenuta ieri in occasione del venerdì di preghiera islamico, ha voluto ricordare la recente visita dell'inviato del Papa. Il 16 dicembre scorso il card Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese orientali, il nunzio apostolico in Iraq mons. Giorgio Lingua e l'arcivescovo mons. Louis Sako hanno incontrato le più alte personalità musulmane sunnite e sciite della città, assieme a moltissimi fedeli. Il porporato vaticano è stato inoltre ricevuto da Najm Alddin Karim, governatore di Kirkuk, città del nord - ricca di giacimenti petroliferi e gas naturali - al centro di un'aspra contesa fra arabi, curdi e turcomanni.

Nel suo intervento di ieri, il leader islamico ha sottolineato che la visita è stata un "momento storico e forte", che "esprime il rispetto dei cristiani per i musulmani". L'imam della grande moschea cittadina ha quindi preso, come esempio, un fatto che risale ai tempi di Maometto. "Questo incontro - ha detto Ahmad Hami Amin - è equiparabile alla visita dei cristiani di Etiopia al profeta Maometto, durante il soggiorno a Medina all'inizio dell'islam".

Per il massimo rappresentante della moschea di Kirkuk, il cardinale Sandri ha portato - nel contesto di una più ampia missione pastorale e diplomatica in Iraq - a "tutti gli irakeni, a nome del Papa [Benedetto XVI] il messaggio di pace", incoraggiando le diverse parti "al dialogo per risolvere i problemi".

Ahmad Hami Amin ricorda infine "l'appello lanciato" dal porporato a "musulmani e cristiani", invitandoli a essere sempre più "fattori per la Pace". "Dobbiamo imparare continuamente a costruire la pace - ha concluso il leader islamico - soprattutto in questo tempo difficile e pieno di tensioni". 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Kirkuk: il card Sandri in moschea, evento “storico” per cristiani e musulmani
18/12/2012
Rami, profugo a Erbil: "Non possiamo fuggire, il futuro dei cristiani è in Iraq"
09/01/2015
Lo Stato islamico contro il Natale, festa “eretica”. A Kirkuk profanati due cimiteri cristiani
23/12/2015
India, il fondamentalismo indù contro il Natale
20/12/2017 12:34
Patriarca caldeo: Natale, dai cristiani irakeni preghiere e solidarietà per Gerusalemme
20/12/2017 10:27