19 Aprile 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/01/2007 10:19
VATICANO - CINA
Incontro in Vaticano sulla Chiesa in Cina
di Bernardo Cervellera
Domani inizia un incontro di alcuni dicasteri vaticani sulla situazione della Chiesa in Cina. A tema le ambiguità di Pechino; i vescovi ordinati in modo illecito; l’unità della Chiesa ufficiale e sotterranea e, soprattutto, come eliminare l’influenza dell’Associazione Patriottica.

Roma (AsiaNews) – Un incontro “privato” e “sub secreto” è stato indetto dal Vaticano a partire dal 19 gennaio. Esso sarà preceduto stasera da una cena comune nel collegio santa Marta. A tema vi è la situazione della Chiesa in Cina e i rapporti fra la Santa Sede e il governo cinese.  All’incontro partecipano i vertici della Segreteria di stato e della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, oltre a diverse personalità legate alla missione verso la Cina: il card. Joseph Zen, vescovo di Hong Kong; il card. Paul Shan, vescovo emerito di Kaohsiung (Taiwan); mons. José Lai Hung-seng, vescovo di Macao. Da Hong Kong sono giunti anche mons. John Tong, vescovo ausiliare, e il dott. Anthony Lam, esperto dell’Holy Spirit Study Centre, il centro diocesano di teologia e di documentazione sulla Cina.

 L’ambiguità del governo cinese

 Secondo voci raccolte da AsiaNews, il problema non è tanto quello annoso dei rapporti diplomatici, ma la situazione che si è prodotta con le 3 ordinazioni episcopali illecite avvenute durante il 2006.

Esse sono avvenute in un momento di distensione, preceduti da una serie di segnali positivi del governo cinese, disposto a voler ricostruire i rapporti diplomatici. Né va dimenticato il fatto che ormai le ordinazioni episcopali procedevano secondo un accordo non scritto fra governo e Santa Sede, come nel caso delle ordinazioni di Suzhou, Shanghai, Xian, Wanxian, Shenyang.

 Le ordinazioni illecite di Kunming (30 aprile), Anhui (3 maggio) e Xuzhou (30 novembre) sono invece avvenute con un intervento molto pesante dell’Associazione Patriottica (Ap) e del Ministero degli affari religiosi. All’ultima ordinazione – a cui secondo alcune fonti erano presenti Liu Bainian, vice presidente dell’Ap, e  Ye Xiaowen, direttore dell’Ufficio affari religiosi, giunti da Pechino – l’Ap ha rapito due vescovi per farli presenziare al rito, ha minacciato candidato e vescovi concelebranti di ridurli in miseria e di colpire le loro famiglie se non si fossero sottoposti alla cerimonia; ha promesso soldi a tutti i fedeli per farli partecipare al rito.

 Pressioni, minacce, ricatti e menzogne  - in alcuni casi l’Ap ha proclamato in pubblico di essere d’accordo con la Santa Sede - sono avvenuti anche nelle altre ordinazioni, tanto che la Santa Sede ha denunciato queste operazioni come una “grave violazione della libertà religiosa”.

Dopo tutte queste ordinazioni, l’ambasciatore cinese a Roma è giunto fino a “scusarsi” con il Vaticano, ma il problema per la Santa Sede è quello di capire quale fiducia dare a un governo che da una parte promette distensione, dall’altra permette – se non approva – pesanti violazioni ai diritti umani e religiosi.

 Il peso della scomunica

All’interno della Chiesa il problema è come trattare i vescovi ordinati in modo illecito e quelli che hanno partecipato alle cerimonie. Le dichiarazioni vaticane contro le ordinazioni ( 4 maggio 2006; 2 dicembre 2006) citano la scomunica latae sententiae, ma lasciano aperta la possibilità che esse siano avvenute nella non piena volontà e nella costrizione dei diretti interessati, salvando in qualche modo la (buona) fede dei nuovi pastori.

 Le dichiarazioni vaticane dicono pure che  esse creano “divisioni nelle comunità diocesane” e tormentano “la coscienza di molti ecclesiastici e fedeli”. Fino ad ora la Santa Sede ha scusato tutti, ma fra i fedeli, i sacerdoti e i vescovi cinesi vi sono molti che si chiedono se non è giunto il tempo di rispondere alle pressioni dell’Ap con maggiore decisione. E pur non abbandonando i vescovi implicati, suggerire ed esigere che essi non esercitino il ministero per alcuni anni.

 Il problema è ancora più acuto nella chiesa sotterranea: i suoi vescovi, per essere fedeli alla Santa Sede, hanno subito per decenni prigionia e torture, rapimenti, controlli serrati e isolamento. Alcuni fedeli della chiesa clandestina, scrivendo ad AsiaNews hanno detto: “Non è tempo che anche i sacerdoti della Chiesa ufficiale abbiano il coraggio di soffrire per la fedeltà alla Santa Sede, come è nella tradizione di tanti martiri della Chiesa in Cina?”.

È possibile che la Santa Sede dia in questo campo indicazioni più precise, per tenere più uniti i due rami della Chiesa - quella ufficiale e quella sotterranea – che negli ultimi 10 anni si sono sempre più riconciliate. Alcuni cattolici e vescovi della Cina hanno perfino chiesto che vi sia una lettera del Papa sull’unità della Chiesa in Cina.

 Eliminare l’Associazione Patriottica

 In ogni caso, governo cinese e Santa Sede si trovano di fronte a un bivio per valutare quale sia la funzione dell’Ap. Essa, nata come organismo di controllo delle attività religiose, è ormai divenuta la “proprietaria” della vita della Chiesa, colei che gestisce ordinazioni di vescovi e preti, insegnamento nei seminari, trasferimenti di personale, finanze e proprietà della Chiesa, venendo a snaturare la stessa esperienza spirituale delle comunità. Va oltretutto ricordato che l’Ap ha come punto del suo statuto il fine di creare una Chiesa nazionale, indipendente e separata dal papa.

 La dichiarazione vaticana del 2 dicembre 2006 afferma che l’ordinazione illecita (di Xuzhou) è “frutto e conseguenza di una visione della Chiesa, che non corrisponde alla dottrina cattolica e sovverte principi fondamentali della sua struttura gerarchica”. Ma questo si può applicare a tutta l’attività dell’AP. Secondo alcuni cattolici cinesi è giunto il tempo di rifiutare in blocco, per tutti - cattolici ufficiali e sotterranei -  l’appartenenza all’Ap, ferma restando  la volontà di registrare tutte le comunità presso il governo. A tutt’oggi alcuni vescovi sotterranei  stanno tentando questa strada: si fanno registrare presso il governo, ma rifiutano di aderire all’Ap. Ma non sempre tutto ciò è tranquillo.

Da parte del governo – e soprattutto dal Ministero degli Esteri – si capisce come la struttura dell’Ap sia divenuta ormai obsoleta e un peso. Non passa giorno senza che qualche governo straniero accusi la Cina di violare i diritti religiosi delle comunità, e questo diventa una pubblicità negativa a un Paese che vuole mostrarsi moderno e aperto, e che vuole avere successo alle prossime Olimpiadi 2008. L’Ap è divenuta una fonte di tensioni in molte regioni della Cina, fino a tradire l’idea della “società armoniosa” tanto cara al presidente Hu Jintao. É anche vero che l’Ap è una delle strutture più tradizionali del maoismo, la cui nascita si fonde con la storia del Partito comunista. Per molti membri del Partito, attaccare l’Ap o emarginarla significa criticare se stessi.

 Alcuni nella Chiesa pensano che il Vaticano non dovrebbe aprire alle relazioni diplomatiche con Pechino fino a che la Chiesa non godrà di piena libertà religiosa, libera dall’oppressione dell’Ap. Altri suggeriscono di aprire i dialoghi con la Cina e lentamente annullare l’influenza nefasta dell’Associazione.

 É probabile che nell’incontro vaticano di questi giorni, tutti i problemi qui elencati verranno solo abbozzati. Un fatto certo – confermato da personalità vicine all’incontro – è il varo di una Commissione permanente per affrontare il dossier Cina.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/05/2006 cina - vaticano
"Schiaffo in faccia al Vaticano": nuova ordinazione episcopale senza il permesso del papa
03/05/2006 Cina – Vaticano
Ordinato il nuovo vescovo dell'Anhui senza permesso del papa
08/05/2006 cina - vaticano
Vescovi clandestini in Cina chiedono preghiere per i sacerdoti ufficiali, sotto pressioni e minacce
15/05/2006 cina - vaticano
Mons. Zhan Silu si autoinsedia e si condanna all'isolamento
15/05/2006 Cina - Vaticano
Zhan Silu, vescovo contro tutto e contro tutti
Articoli del dossier
VATICANO - CINA
Papa e cardinali: un sguardo comune al dossier Cina
VATICANO - CINA
Il Papa prepara una Lettera ai cattolici della Cina
Vaticano – Cina
Cattolici cinesi: L’Associazione patriottica è il vero ostacolo ai rapporti Cina-Vaticano

In evidenza
ITALIA - ASIA
Pasqua, la vittoria sulla morte e l'impotenza
di Bernardo Cervellera
SIRIA
Gesuita siriano: Mi manchi, p. Frans. Hai ispirato tutti noi
di Tony Homsy*Un giovane sacerdote della Compagnia ricorda la vita e l'operato di p.Frans van der Lugt, ucciso a Homs dopo aver rifiutato di abbandonare la popolazione piagata da fame e guerra: "Ha dato e continua a dare tutto per la Chiesa, per la Siria, per la pace. La sua testimonianza e le sue doti ne hanno fatto un missionario e un testimone del Vangelo eccezionale". Per gentile concessione del "thejesuitpost" (traduzione a cura di AsiaNews).
FRANCIA - IRAQ
Patriarca caldeo: il futuro fosco dei cristiani d'Oriente, ricchezza in via di estinzione per Occidente e Islam
di Mar Louis Raphael I SakoLe guerre in Iraq, Libia e Afghanistan hanno peggiorato la condizione dei popoli, in particolare le minoranze. Le politiche fallimentari promosse dall'Occidente. Cresce il fondamentalismo, la Primavera araba svuotata dagli estremismi. Il ruolo delle autorità musulmane nella tutela di diritti e libertà religiosa. La presenza dei cristiani in Medio oriente è fondamentale per i musulmani.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate