02 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/09/2006, 00.00

    INDONESIA

    Influenza aviaria: 52esima vittima in Indonesia



    È un ragazzo della provincia di West Java. Aumentano i timori per un contagio da uomo a uomo: il fratello è morto 4 giorni fa con sintomi del virus H5N1, ma non è stato possibile analizzare il suo sangue.

    Jakarta (AsiaNews/Agenzie) – Il 52esimo decesso per influenza aviaria in Indonesia accresce le preoccupazioni sul temuto contagio da uomo a uomo del virus H5N1. Le autorità sanitarie hanno comunicato oggi la morte di un giovane di 20 anni a Bandung, provincia di West Java, dove si sono già verificati molti altri casi di aviaria. Il ragazzo è morto per difficoltà respiratorie, ma i medici avevano già accertato che si trattava di influenza dei polli. Suo fratello, di 25 anni, è morto pochi giorni prima, il 24 settembre, con sintomi della stessa malattia. Il suo decesso, avvenuto prima che si potessero prelevare campioni di sangue e analizzarli, è ora nella lista dei casi sospetti.

    Nyoman Kandun, alto funzionario del ministero indonesiano della Sanità ha riferito che la sorella 15enne delle due vittime, ricoverata con febbre alta e problemi all'apparato respiratorio, è risultata negativa all'H5N1. Kandun ha aggiunto che per ora non si può parlare di contagio uomo a uomo, visto che su tre solo un caso è stato accertato come aviaria.

    Episodi come questo dei tre fratelli sono tenuti sotto stretto controllo da specialisti e autorità: si teme, infatti, che il virus possa mutare in una forma facilmente trasmissibile da uomo a uomo. Gli esperti avvertono che un contagio tra esseri umani, finora mai accertato, potrebbe generare una pandemia con milioni di morti. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, da quando si è manifestata per la prima volta in Asia 3 anni fa, l'influenza aviaria ha ucciso almeno 147 persone in tutto il mondo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/08/2006 INDONESIA
    A Jakarta la 43ma vittima di influenza aviaria

    L'arcipelago indonesiano supera il Vietnam e diventa il Paese più colpito al mondo.



    25/07/2005 INDONESIA
    Indonesia: misure speciali contro l'influenza aviaria
    Ma il governo non ha fondi sufficienti per condurre soppressioni di massa tra il pollame a rischio.

    21/08/2006 INDONESIA
    Influenza aviaria: in Indonesia muoiono madre e figlia

    Timore di un contagio diretto, anche se manca la conferma che pure la figlia avesse il virus. In un villaggio almeno 12 persone ammalate in poche settimane.



    22/09/2005 INDONESIA
    Influenza aviaria: muoiono 2 bambini, Indonesia nella paura


    04/04/2006 INDONESIA
    Influenza aviaria: sono occorsi 9 mesi per confermare un contagio in Indonesia

    Per una bambina di 8 anni, deceduta a luglio, la conferma arriva solo ieri. Cresce il timore che i casi di contagio siano più numerosi di quelli ufficiali.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin, il Vaticano e la “logica da banditi” dell’Associazione patriottica

    Gu Feng

    Un sacerdote della Cina centrale ripensa al “voltafaccia” del vescovo di Shanghai e lo paragona a Giovanni il Battista, confinato in prigione dopo le accuse a Erode. La “logica da banditi” dell’Associazione patriottica e del governo tende a eliminare la religione dal Paese. Il Vaticano rischia di contraddirsi venendo a compromessi con l’Associazione patriottica, che papa Benedetto XVI ha definito “incompatibile” con la dottrina cattolica nella Lettera ai cattolici cinesi che papa Francesco non ha smentito, anzi l’ha ribadita.


    CINA - VATICANO
    Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai

    p. Pietro dalla Cina

    Il vescovo ausiliare di Shanghai ha a cuore il benessere della sua diocesi e intende portare da solo il fardello delle sue dichiarazioni di quattro anni fa. Le precisazioni di p. Lombardi sul ruolo della Santa Sede fugano ogni dubbio: la Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa cinese è ancora valida, quindi la posizione dell’Associazione patriottica non è accettata dal Vaticano. Il commento di un sacerdote cinese, traduzione a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®