27 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/06/2012
PAKISTAN
Karachi: dall’incontro coi francescani la vocazione al sacerdozio
di Joseph Laldin
È la storia di Asif Shafique, 27enne ingegnere civile, che ha partecipato di recente a una giornata di animazione vocazionale dell’Ordine. Il padre, un medico, ha visitato spesso l’istituto per verificare la salute dei religiosi. Nell’esperienza quotidiana di vita, è nato il desiderio del giovane di dedicare la vita agli altri, nella preghiera e nella spiritualità.

Karachi (AsiaNews) - "Mi hanno impressionato i tre valori dei Francescani: castità, povertà e obbedienza". Così il 27enne cristiano Asif Shafique, ingegnere civile e fisioterapista, racconta ad AsiaNews l'incontro con l'Ordine e il desiderio di rispondere alla chiamata al sacerdozio. Egli ha partecipato di recente a una giornata di animazione vocazionale, organizzata dai Francescani nell'arcidiocesi di Karachi, insieme ad altri 28 giovani provenienti da 22 diverse parrocchie. "La mia famiglia" aggiunge il futuro prete "affronta a fatica la crisi economica, ma ha accolto con estrema gioia la mia decisione". Shafiq aggiunge con una nota di orgoglio che i genitori "mi hanno dato il loro benestare e fatto i migliori auguri per la mia futura vita consacrata". 

Al termine dell'incontro vocazionale, il 27enne cristiano pakistano (nella foto, in bianco, al centro) racconta di essere rimasto "impressionato" dai valori francescani di "castità, povertà e obbedienza", che ha conosciuto negli anni avendo accompagnato spesso il padre - un medico - nel corso delle visite alla sede dell'Ordine per verificare lo stato di salute dei religiosi. Nelle giornate trascorse accanto ai frati, racconta il giovane ad AsiaNews, "ho scoperto la mia vocazione per la vita francescana". "L'attenzione alla cura e l'amore incondizionato dei francescani per la gente - aggiunge Shafiq - mi hanno convinto a dedicare la vita agli altri". Egli spera di poter prestare la propria opera al servizio dei malati e bisognosi, sulle orme di San Francesco d' Assisi.

Alla giornata vocazionale promossa a Karachi hanno aderito ragazzi di età diversa e professionalità, uniti dal desiderio di scoprire il significato di una vita consacrata. Secondo p. Victor Savera, giovane francescano, all'evento erano presenti "giovani cattolici, non cattolici, infermieri, operai, studenti e ingegneri civili". Obiettivo dell'incontro, aggiunge il religioso, è quello di "superare la penuria di vocazioni fra i giovani pakistani" dedicando programmi specifici rivolti a loro e "incoraggiandoli a partecipare alle iniziative della chiesa", oltre che "usare le moderne tecnologie per avvicinarli alla fede cristiania".

P. Victor spiega che "la crisi finanziaria, la mancanza di una guida, i media e i social network" sono gli elementi di sfida principali per "nuove vocazioni" e non nasconde il proprio disappunto per la media di due nuove ordinazioni all'anno. "La leadership della Chiesa" aggiunge "deve concentrare i suoi sforzi su questo punto".

Ad oggi vi sono "solo" 45 padri francescani in tutto il Pakistan. Shafiq si unirà a loro a partire dal prossimo mese di settembre; al momento è impegnato a studiare la vita e gli insegnamenti di San Francesco. "Voglio essere forte - conclude il novizio - nella preghiera e sviluppare una profonda esperienza di spiritualità".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/06/2006 LAOS
Oltre mille fedeli alla prima ordinazione di un Oblato dopo 30 anni in Laos
27/11/2004 VATICANO - ASIA
Giappone e Corea, le sfide della vita consacrata
09/01/2012 PAKISTAN
Faisalabad in festa per i 50 anni di sacerdozio di p. Bonnie Mendes
di Shafique Khokhar
24/02/2014 INDONESIA
Bogor, migliaia di cattolici in festa per la consacrazione del nuovo vescovo
di Mathias Hariyadi
27/08/2011 INDONESIA
East Java: cattolici indonesiani in festa per l’ordinazione di sette sacerdoti
di Mathias Hariyadi

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate