26 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/06/2012
PAKISTAN
Karachi: dall’incontro coi francescani la vocazione al sacerdozio
di Joseph Laldin
È la storia di Asif Shafique, 27enne ingegnere civile, che ha partecipato di recente a una giornata di animazione vocazionale dell’Ordine. Il padre, un medico, ha visitato spesso l’istituto per verificare la salute dei religiosi. Nell’esperienza quotidiana di vita, è nato il desiderio del giovane di dedicare la vita agli altri, nella preghiera e nella spiritualità.

Karachi (AsiaNews) - "Mi hanno impressionato i tre valori dei Francescani: castità, povertà e obbedienza". Così il 27enne cristiano Asif Shafique, ingegnere civile e fisioterapista, racconta ad AsiaNews l'incontro con l'Ordine e il desiderio di rispondere alla chiamata al sacerdozio. Egli ha partecipato di recente a una giornata di animazione vocazionale, organizzata dai Francescani nell'arcidiocesi di Karachi, insieme ad altri 28 giovani provenienti da 22 diverse parrocchie. "La mia famiglia" aggiunge il futuro prete "affronta a fatica la crisi economica, ma ha accolto con estrema gioia la mia decisione". Shafiq aggiunge con una nota di orgoglio che i genitori "mi hanno dato il loro benestare e fatto i migliori auguri per la mia futura vita consacrata". 

Al termine dell'incontro vocazionale, il 27enne cristiano pakistano (nella foto, in bianco, al centro) racconta di essere rimasto "impressionato" dai valori francescani di "castità, povertà e obbedienza", che ha conosciuto negli anni avendo accompagnato spesso il padre - un medico - nel corso delle visite alla sede dell'Ordine per verificare lo stato di salute dei religiosi. Nelle giornate trascorse accanto ai frati, racconta il giovane ad AsiaNews, "ho scoperto la mia vocazione per la vita francescana". "L'attenzione alla cura e l'amore incondizionato dei francescani per la gente - aggiunge Shafiq - mi hanno convinto a dedicare la vita agli altri". Egli spera di poter prestare la propria opera al servizio dei malati e bisognosi, sulle orme di San Francesco d' Assisi.

Alla giornata vocazionale promossa a Karachi hanno aderito ragazzi di età diversa e professionalità, uniti dal desiderio di scoprire il significato di una vita consacrata. Secondo p. Victor Savera, giovane francescano, all'evento erano presenti "giovani cattolici, non cattolici, infermieri, operai, studenti e ingegneri civili". Obiettivo dell'incontro, aggiunge il religioso, è quello di "superare la penuria di vocazioni fra i giovani pakistani" dedicando programmi specifici rivolti a loro e "incoraggiandoli a partecipare alle iniziative della chiesa", oltre che "usare le moderne tecnologie per avvicinarli alla fede cristiania".

P. Victor spiega che "la crisi finanziaria, la mancanza di una guida, i media e i social network" sono gli elementi di sfida principali per "nuove vocazioni" e non nasconde il proprio disappunto per la media di due nuove ordinazioni all'anno. "La leadership della Chiesa" aggiunge "deve concentrare i suoi sforzi su questo punto".

Ad oggi vi sono "solo" 45 padri francescani in tutto il Pakistan. Shafiq si unirà a loro a partire dal prossimo mese di settembre; al momento è impegnato a studiare la vita e gli insegnamenti di San Francesco. "Voglio essere forte - conclude il novizio - nella preghiera e sviluppare una profonda esperienza di spiritualità".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/06/2006 LAOS
Oltre mille fedeli alla prima ordinazione di un Oblato dopo 30 anni in Laos
27/11/2004 VATICANO - ASIA
Giappone e Corea, le sfide della vita consacrata
09/01/2012 PAKISTAN
Faisalabad in festa per i 50 anni di sacerdozio di p. Bonnie Mendes
di Shafique Khokhar
24/02/2014 INDONESIA
Bogor, migliaia di cattolici in festa per la consacrazione del nuovo vescovo
di Mathias Hariyadi
27/08/2011 INDONESIA
East Java: cattolici indonesiani in festa per l’ordinazione di sette sacerdoti
di Mathias Hariyadi

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate