10 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/06/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Karachi: dall’incontro coi francescani la vocazione al sacerdozio

    Joseph Laldin

    È la storia di Asif Shafique, 27enne ingegnere civile, che ha partecipato di recente a una giornata di animazione vocazionale dell’Ordine. Il padre, un medico, ha visitato spesso l’istituto per verificare la salute dei religiosi. Nell’esperienza quotidiana di vita, è nato il desiderio del giovane di dedicare la vita agli altri, nella preghiera e nella spiritualità.

    Karachi (AsiaNews) - "Mi hanno impressionato i tre valori dei Francescani: castità, povertà e obbedienza". Così il 27enne cristiano Asif Shafique, ingegnere civile e fisioterapista, racconta ad AsiaNews l'incontro con l'Ordine e il desiderio di rispondere alla chiamata al sacerdozio. Egli ha partecipato di recente a una giornata di animazione vocazionale, organizzata dai Francescani nell'arcidiocesi di Karachi, insieme ad altri 28 giovani provenienti da 22 diverse parrocchie. "La mia famiglia" aggiunge il futuro prete "affronta a fatica la crisi economica, ma ha accolto con estrema gioia la mia decisione". Shafiq aggiunge con una nota di orgoglio che i genitori "mi hanno dato il loro benestare e fatto i migliori auguri per la mia futura vita consacrata". 

    Al termine dell'incontro vocazionale, il 27enne cristiano pakistano (nella foto, in bianco, al centro) racconta di essere rimasto "impressionato" dai valori francescani di "castità, povertà e obbedienza", che ha conosciuto negli anni avendo accompagnato spesso il padre - un medico - nel corso delle visite alla sede dell'Ordine per verificare lo stato di salute dei religiosi. Nelle giornate trascorse accanto ai frati, racconta il giovane ad AsiaNews, "ho scoperto la mia vocazione per la vita francescana". "L'attenzione alla cura e l'amore incondizionato dei francescani per la gente - aggiunge Shafiq - mi hanno convinto a dedicare la vita agli altri". Egli spera di poter prestare la propria opera al servizio dei malati e bisognosi, sulle orme di San Francesco d' Assisi.

    Alla giornata vocazionale promossa a Karachi hanno aderito ragazzi di età diversa e professionalità, uniti dal desiderio di scoprire il significato di una vita consacrata. Secondo p. Victor Savera, giovane francescano, all'evento erano presenti "giovani cattolici, non cattolici, infermieri, operai, studenti e ingegneri civili". Obiettivo dell'incontro, aggiunge il religioso, è quello di "superare la penuria di vocazioni fra i giovani pakistani" dedicando programmi specifici rivolti a loro e "incoraggiandoli a partecipare alle iniziative della chiesa", oltre che "usare le moderne tecnologie per avvicinarli alla fede cristiania".

    P. Victor spiega che "la crisi finanziaria, la mancanza di una guida, i media e i social network" sono gli elementi di sfida principali per "nuove vocazioni" e non nasconde il proprio disappunto per la media di due nuove ordinazioni all'anno. "La leadership della Chiesa" aggiunge "deve concentrare i suoi sforzi su questo punto".

    Ad oggi vi sono "solo" 45 padri francescani in tutto il Pakistan. Shafiq si unirà a loro a partire dal prossimo mese di settembre; al momento è impegnato a studiare la vita e gli insegnamenti di San Francesco. "Voglio essere forte - conclude il novizio - nella preghiera e sviluppare una profonda esperienza di spiritualità".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/06/2006 LAOS
    Oltre mille fedeli alla prima ordinazione di un Oblato dopo 30 anni in Laos

    Il 18 giugno a Vientiane fr. Somphone Vilavongsy è diventato il primo sacerdote oblato ordinato nel Paese dal 1975. Alla cerimonia: il vicario apostolico, le autorità civili e circa 1500 fedeli.



    27/11/2004 VATICANO - ASIA
    Giappone e Corea, le sfide della vita consacrata


    09/01/2012 PAKISTAN
    Faisalabad in festa per i 50 anni di sacerdozio di p. Bonnie Mendes
    Impegnato nel campo dei diritti umani e del dialogo interreligioso, egli è un esempio per tutti i cattolici pakistani. Egli definisce la sua missione “un dono prezioso ricevuto da Dio”. Oltre un migliaio di persone alla messa di ringraziamento. Mons. Coutts: come Giovanni Battista ha preparato il terreno agli altri.

    24/02/2014 INDONESIA
    Bogor, migliaia di cattolici in festa per la consacrazione del nuovo vescovo
    Alla cerimonia hanno partecipato il Nunzio apostolico, 41 vescovi e 185 sacerdoti provenienti da tutto il Paese. Presenti anche alti funzionari di governo ed esponenti della comunità musulmana. Negli ultimi anni la zona è stata teatro di abusi e discriminazioni dell’ala islamista verso cattolici, protestanti e Ahmadi.

    27/08/2011 INDONESIA
    East Java: cattolici indonesiani in festa per l’ordinazione di sette sacerdoti
    La cerimonia si terrà nella cattedrale del Sacro Cuore e sarà presieduta da mons. Vinsentius Sutikno Wisaksono, vescovo di Surabaya. Per i fedeli le vocazioni sono “segni della benedizione di Dio”. Nel Borneo occidentale in programma l’ordinazione di tre diaconi. Il vescovo “estremamente felice” per le nuove vocazioni.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®