2 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 25/08/2011
INDIA
Karnataka: i radicali indù minacciano nuovi pogrom anticristiani
Secondo il Centro per i diritti umani Prashanti i cristiani dello Stato temono che le violenze del 2008 si ripetano. L’atteggiamento ambiguo della polizia, che sta schedando i pastori protestanti.

Mangalore (AsiaNews) – Il Centro per i diritti umani Prashanti testimonia della paura dei cristiani, a tre anni dai sanguinosi pogrom dell’Orissa, in un altro Stato indiano dove la presenza dei radicali indù è particolarmente aggressiva e si è manifestata con attacchi e violenze nel settembre 2008. Il panico si sta diffondendo fra i cristiani del Karnataka, ed è dovuto a voci secondo cui i fondamentalisti indù stanno programmando una nuova ondata di violenze. (21/08/2007 Karnataka, manifesti indù incitano al massacro dei cristiani).

Le voci hanno cominciato a circolare e a prendere consistenza all’inizio della settimana, quando la polizia ha cominciato a telefonare a parecchi pastori, il 18 agosto, chiedendo loro di registrare le loro case di preghiera alla stazione di polizia più vicina, ha detto oggi il segretario generale del Forum dei cristiani uniti del Karnataka, p. Ronnie Prabhu, sj. Il sacerdote ha detto che la polizia voleva che i pastori avessero il permesso dal commissario di distretto per tenere assemblee, e si chiedeva inoltre quante persone erano presenti in genere alle riunioni.

Il presidente del Forum, Walter Maben, ha detto che 70 pastori sono stati chiamati, ed è stato detto loro che senza registrazione la polizia non sarebbe in grado di proteggere le loro case e che le riunioni sarebbero considerate illegali. “Ai pastori è stato detto di seguire le istruzioni alla lettera, o sarebbero stati in pericolo”, ha dichiarato p. Prabhu. Ma comunque quando un pastore di una “chiesa non affiliata” si è recato dal commissario di distretto, gli è stato detto che non erano stati emessi ordini di registrazione.

P. Prabhu ha citato fonti di polizia che hanno affermato che alcuni gruppi indù volevano celebrare l’anniversario dei pogrom del 2008 ripetendo le violenze. Secondo il sacerdote la polizia apparentemente voleva mostra preoccupazione, ma sembrava anche “porre delle condizioni tali da non poter essere ritenuta responsabile” nel caso che vi fosse qualche attacco.

La violenza che si è scatenata nel settembre 2008 ha visto una serie di attacchi contro i cristiani e contro 24 chiese. Gli estremisti indù accusavano i cristiani di operare conversioni nello Stato. Nell’aprile di quest’anni radicali indù hanno attaccato tre case cristiane per bambini. La scorsa settimana un gruppo di 20 estremisti ha attaccato un pastore pentecostale, Sangappa Hosamani Shadrak, mentre stava celebrando nella sua casa. (22/08/2011 Karnataka: chiese saccheggiate, pastori picchiati da radicali indù).

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
06/05/2011 INDIA
Massacri del 2008 in Orissa: i cristiani digiunano per chiedere giustizia
di Nirmala Carvalho
18/02/2011 INDIA
Digiuno e sit-in di vescovi e fedeli contro un falso rapporto sulle violenze in Karnataka
di Nirmala Carvalho
27/08/2008 INDIA
Fedeli uccisi, case e chiese bruciate, migliaia in fuga: il pogrom dei cristiani indiani (SCHEDA)
29/07/2011 INDIA
Un radicale indù uccide un cristiano: ha testimoniato nei pogrom di Kandhamal
di Nirmala Carvalho
19/04/2011 INDIA
Orissa, fondamentalisti attaccano un indù troppo amico dei cristiani
di Santosh Digal

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate