Skin ADV
10 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/08/2011, 00.00

    INDIA

    Karnataka: i radicali indù minacciano nuovi pogrom anticristiani



    Secondo il Centro per i diritti umani Prashanti i cristiani dello Stato temono che le violenze del 2008 si ripetano. L’atteggiamento ambiguo della polizia, che sta schedando i pastori protestanti.
    Mangalore (AsiaNews) – Il Centro per i diritti umani Prashanti testimonia della paura dei cristiani, a tre anni dai sanguinosi pogrom dell’Orissa, in un altro Stato indiano dove la presenza dei radicali indù è particolarmente aggressiva e si è manifestata con attacchi e violenze nel settembre 2008. Il panico si sta diffondendo fra i cristiani del Karnataka, ed è dovuto a voci secondo cui i fondamentalisti indù stanno programmando una nuova ondata di violenze. (21/08/2007 Karnataka, manifesti indù incitano al massacro dei cristiani).

    Le voci hanno cominciato a circolare e a prendere consistenza all’inizio della settimana, quando la polizia ha cominciato a telefonare a parecchi pastori, il 18 agosto, chiedendo loro di registrare le loro case di preghiera alla stazione di polizia più vicina, ha detto oggi il segretario generale del Forum dei cristiani uniti del Karnataka, p. Ronnie Prabhu, sj. Il sacerdote ha detto che la polizia voleva che i pastori avessero il permesso dal commissario di distretto per tenere assemblee, e si chiedeva inoltre quante persone erano presenti in genere alle riunioni.

    Il presidente del Forum, Walter Maben, ha detto che 70 pastori sono stati chiamati, ed è stato detto loro che senza registrazione la polizia non sarebbe in grado di proteggere le loro case e che le riunioni sarebbero considerate illegali. “Ai pastori è stato detto di seguire le istruzioni alla lettera, o sarebbero stati in pericolo”, ha dichiarato p. Prabhu. Ma comunque quando un pastore di una “chiesa non affiliata” si è recato dal commissario di distretto, gli è stato detto che non erano stati emessi ordini di registrazione.

    P. Prabhu ha citato fonti di polizia che hanno affermato che alcuni gruppi indù volevano celebrare l’anniversario dei pogrom del 2008 ripetendo le violenze. Secondo il sacerdote la polizia apparentemente voleva mostra preoccupazione, ma sembrava anche “porre delle condizioni tali da non poter essere ritenuta responsabile” nel caso che vi fosse qualche attacco.

    La violenza che si è scatenata nel settembre 2008 ha visto una serie di attacchi contro i cristiani e contro 24 chiese. Gli estremisti indù accusavano i cristiani di operare conversioni nello Stato. Nell’aprile di quest’anni radicali indù hanno attaccato tre case cristiane per bambini. La scorsa settimana un gruppo di 20 estremisti ha attaccato un pastore pentecostale, Sangappa Hosamani Shadrak, mentre stava celebrando nella sua casa. (22/08/2011 Karnataka: chiese saccheggiate, pastori picchiati da radicali indù).
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/05/2011 INDIA
    Massacri del 2008 in Orissa: i cristiani digiunano per chiedere giustizia
    Organizzato per oggi un Dharna (sit in e digiuno) a Bhubaneshwar per chiedere un’indagine a livello nazionale sulle violenze commesse dai radicali indù. Il vescovo Barwa: “Le ferite sono profonde, e il processo di guarigione non può cominciare fino a quando non sarà resa giustizia”.

    18/02/2011 INDIA
    Digiuno e sit-in di vescovi e fedeli contro un falso rapporto sulle violenze in Karnataka
    Il rapporto della commissione di giustizia Somasekhar scagiona due movimenti radicali indù dagli attacchi del 2008 a 56 chiese, contro ogni evidenza. Il presidente del Global Council of Indian Christians: “Un fascio di menzogne, teso a confondere e disinformare la gente”. Un contro-rapporto presentato oggi al governatore e al primo ministro del Karnataka.

    27/08/2008 INDIA
    Fedeli uccisi, case e chiese bruciate, migliaia in fuga: il pogrom dei cristiani indiani (SCHEDA)
    Un bilancio di AsiaNews dell’ondata di violenze che sta scuotendo l’Orissa: la comunità cristiana nel mirino dei fondamentalisti indù conta i morti, gli incendi, le devastazioni alle proprietà, le persone in fuga che cercano riparo nella foresta.

    29/07/2011 INDIA
    Un radicale indù uccide un cristiano: ha testimoniato nei pogrom di Kandhamal
    Michael Digal aveva testimoniato in tribunale per le violenze anticristiane del 2008. Un fondamentalista, scontata la pena, l’ha attirato in un tranello e assassinato. Il Global Council of India Christians chiede che i testimoni dei pogrom ricevano la protezione dello Stato.

    19/04/2011 INDIA
    Orissa, fondamentalisti attaccano un indù troppo amico dei cristiani
    Nel villaggio di Bodimunda, Kandhamal, i fondamentalisti praticano il boicottaggio sociale ed economico dei cristiani. Vogliono che siano ritirate le denunce relative ai pogrom del 2008. Un indù amico dei cristiani e la sua famiglia sono stati rinchiusi e assediati tutta la notte nella loro casa, poi saccheggiata e devastata.



    In evidenza

    RUSSIA - VATICANO
    Il Patriarca Kirill e la Chiesa russa che papa Francesco incontrerà

    Ieromonaco Ioann

    Il capo della Chiesa russo-ortodossa, che incontrerà il pontefice a Cuba il 12 febbraio prossimo, sta trasformando le sue comunità offrendo vescovi sempre più giovani e una curia funzionale. L’ispirazione del modello cattolico e l'eredità di Nikodim. Il rischio della burocratizzazione e del ripiegamento su se stessi.


    RUSSIA-VATICANO
    Francesco e Kirill, una Santa Alleanza per il futuro dei cristiani e del mondo

    Vladimir Rozanskij

    L’incontro fra il papa e il patriarca di Mosca era desiderato da Kirill da molto tempo. Atteso ai tempi di Giovanni Paolo II; sperato ai tempi di Benedetto XVI, si compie ora. Cattolici e ortodossi di fronte alle stesse sfide della persecuzione e del relativismo. Il freno del nazionalismo ortodosso, sostenuto da Putin. La crisi in Medio oriente e il rischio di isolamento della Russia spingono alla collaborazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®