17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/11/2009, 00.00

    INDIA

    Karnataka: indù si infiltrano tra i cristiani per accusarli di forzare alla conversione

    Nirmala Carvalho

    Il fenomeno denunciato dall’ex parlamentare H T Sangliana. È un espediente per creare “psicosi” tra i cristiani e “avvelenare” l’opinione pubblica. Oltre 70 denunce di conversioni forzate non hanno mai trovato riscontro. Il Global Council of Indian Christians denuncia discriminazioni anche nella distribuzione degli aiuti agli alluvionati.
    Bangalore (AsiaNews) - I fondamentalisti indù infiltrano loro membri nelle comunità cristiane per poi inscenare false accuse di conversioni forzate. Ad affermarlo è H T Sangliana, già parlamentare nel Lok Sabha e patron del Karnataka Missions Network.
     
    Il politico cristiano, eletto nel 2004 tra le file del Bharatiya Janata Party ed oggi militante dell’Indian National Congress, afferma che questo espediente è ormai diffuso e viene usato dalle frange più radicali degli indù per creare “psicosi” tra i cristiani e “avvelenare” l’opinione pubblica.
     
    Le accuse di conversioni forzate sono sempre più frequenti nel Karnataka. L’ultima, presentata da due studentesse ospiti del Bethel Boarding Hostel di Udyavara, si è risolta all’inizio di novembre con un nulla di fatto. Le ragazze affermavano di essere state costrette a leggere la Bibbia dalla rettrice dell’ostello e di aver visto i responsabili della struttura portare con regolarità una trentina di bambini nella chiesa di Ajjarkad con l’intento di convertirli. La polizia non ha trovato prove ed i 63 imputati nella vicenda sono stati sollevati da ogni accusa.
     
    Sangliana, che tra l’altro è un ex ufficiale dell’Indian Police Service,afferma che presso gli uffici della polizia sono depositate 74 denunce di conversione per le quali gli agenti non hanno trovato alcun riscontro.
     
    Al fenomeno delle false accuse di conversione si aggiungono le violenze e le discriminazioni verso i cristiani del Karanataka, che con 53 casi registrati dal 2008 ad oggi è lo Stato indiano più segnato da casi di estremismo indù, dopo l’Orissa.
     
    È del 9 novembre l’ennesimo atto di vandalismo contro la chiesa di Sant’Antonio a Kavalbyrasandra, il secondo in un mese. Ignoti hanno fatto irruzione nel luogo di preghiera dissacrando il tabernacolo e rubando offerte e oggetti liturgici in sacrestia (nella foto).
     
    Il mese scorso, sconosciuti hanno compiuto atti vandalici nella chiesa di Hebbagodi, nei sobborghi di Bangalore, danneggiando le statue di Gesù e Maria. Ma le violenze non si limitano ai luoghi di culto e colpiscono anche singole persone. La più recente, riportata dal Global Council of Indian Christians (Gcic), riguarda un giovane handicappato cristiano attaccato il 6 novembre scorso nel distretto di Shimoga,
     
    Il Gcic denuncia discriminazioni verso i cristiani anche nella distribuzione degli aiuti alle vittime delle alluvioni nel Karnataka. Sajan K George, presidente del Gcic, afferma che nei distretti di Raichur, Bellary, Bijapur e Gulbarga cristiani e dalit non sono stati nemmeno ammessi alla distribuzione dei viveri “necessari per la loro sopravvivenza”. E aggiunge: “Questo dimostra una completa deficienza di buon governo nello Stato del Karnatka”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/12/2009 INDIA
    Nuovo attacco contro una chiesa del Karnataka. È il quarto in quattro giorni
    Presa a sassate la grotta di Sant’Antonio nel villaggio di Kolaigiri. È la 66ma aggressione contro una comunità cristiana del Karnataka. Per il Global Council of Indian Christians negli Stati governati dal Bjp le autorità ignorano “il diffondersi della cultura di violenza e terrore contro le comunità della minoranza cristiana”.

    11/12/2009 INDIA
    Estremisti indù bruciano una chiesa nell’Andhra Pradesh
    Attacco alla chiesa evangelica Jesus Lights Manna nel villaggio di Metpally. La polizia ha arrestato il locale leader del Bharatiya Janata Party e alcuni militanti del Rashtriya Swayamsevak Sangh. Il Global Council of Indian Christians ha registrato 21 attacchi contro luoghi di culto cristiani nello Stato.

    03/06/2009 INDIA
    Orissa: estremisti indù bruciano le case di tre cristiani del Kandhamal
    Le vittime hanno riconosciuto il capo degli attentatori, ma la polizia suggerisce loro di non nominarlo nella denuncia. L’attentato è avvenuto il 31 maggio, giorno in cui è iniziato il ritiro delle compagnie militari dislocate nella zona a protezione dei cristiani.

    19/11/2009 INDIA
    Attacco ad una chiesa nel Karnataka. È il 56mo caso nel 2009
    Scardinate le porte di ingresso, distrutte finestre e arredi, divelta anche la croce dalla sommità dell’edificio. Il presidente del Global Council of Indian Christians: “L’ondata di incidenti contro i cristiani sta aumentando nel Karantaka e in altri Stati governati dal Bharatiya Janata Party (Bjp)”. C’è un clima di “crescente intolleranza religiosa”.

    11/07/2011 INDIA
    Andhra Pradesh, accoltellato un pastore pentecostale. Gcic: Lo Stato è “complice”
    Quattro radicali indù lo accusavano di conversioni forzate. Per Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), l’aggressione è una “vergogna” per uno Stato laico come l’India. Anche in Karnataka e in Orissa non c’è pace per i cristiani.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®