18 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/04/2007, 00.00

    UZBEKISTAN - KAZAKISTAN

    L’Ue in Asia centrale per parlare di diritti e petrolio



    Ieri sono terminati i tre giorni di colloqui tra la delegazione europea e l’Uzbekistan. Altri incontri con Stati dell’Asia centrale nei giorni precedenti

    Tashkent (AsiaNews/Agenzie) – L’Unione europea discute con le autorità uzbeke la situazione dei diritti umani. La visita in Asia centrale di una delegazione di alto livello, guidata dal ministro tedesco degli Esteri, vuole costituire l’inizio di maggiori rapporti diretti con questi Stati, per un cooperazione economica ed energetica ma anche nel campo dei diritti umani.

    Il massimo riserbo circonda i colloqui del 2-4 aprile tra delegazione Ue e funzionari del governo e della giustizia uzbeka. In agenda anche incontri con avvocati di attivisti detenuti e con gli stessi detenuti. L’Ue a maggio deve decidere se confermare le sanzioni contro Tashkent, dopo che questa ha di nuovo rifiutato un’indagine indipendente sul massacro di Andijan del maggio 2005.

    In precedenza, il 27 e 28 marzo ad Astana (Kazakistan), in un incontro  della delegazione Ue con gli Stati dell’Asia centrale (Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan), il ministro uzbeko degli Esteri, Vladimir Norov, ha ribadito che il suo governo “non intende spiegare le sue azioni a nessuno” e si è richiamato alla “non interferenza negli affari interni” di uno Stato sovrano.

    Il delegato Ue Pierre Morel, con fare conciliante, ha osservato che è comunque importante la partecipazione di Norov agli incontri e ha auspicato che il dialogo e il confronto continuino. Analisti temono che la necessità delle fonti  energetiche possa prevalere sulla tutela dei diritti.

    Al Kazakistan l’Ue propone di costruire un oleodotto attraverso l’Ucraina, da Odessa sul Mar Nero a Brody vicino al confine polacco. Ma il presidente Nursultan Nazarbaev ha chiarito che parteciperà solo a un progetto  in cui sia coinvolta la Russia. Il Paese già trasporta 15 milioni di tonnellate di greggio annui per l’oleodotto Atyrau-Samara attraverso la Russia, verso la quale ha una grossa dipendenza economica. Inoltre il trasporto del petrolio con il nuovo oleodotto attraverso il Caucaso sarebbe più costoso e, quindi, non vantaggioso. Per questo il ministro kazako per l’Energia, Baktykozha Izmukhambetov, parla invece di portare il petrolio dal porto russo di Novorrossiisk sul Mar Nero a quello bulgaro di Burgas e da lì con un oleodotto di 280 chilometri fino alla greca Alexandroupolis.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/05/2007 RUSSIA - ASIA CENTRALE
    Putin rinsalda il controllo sull’energia dell’Asia centrale
    Russia, Kazakistan e Turkmenistan concordano un nuovo gasdotto per portare il gas turkmeno in Russia. Deluse le speranze europee di un gasdotto sotto il Mar Caspio. Il presidente turkmeno assicura che, comunque, studia anche altre via. Esperti: è la Cina il vero antagonista della Russia nella zona.

    18/09/2009 ASIA CENTRALE - RUSSIA
    Sempre più complesso il puzzle per l’energia dell’Asia centrale
    Si è svolto un incontro tra Russia, Kazakistan, Azerbaigian e Turkmenistan per discutere di energia e oleodotti. I Paesi dell’Asia centrale, ricchi di energia, sono contesi tra Russia, Europa e Cina e cercano di ottenere il massimo vantaggio.

    05/05/2006 KAZAKISTAN - STATI UNITI - UNIONE EUROPEA
    Cheney in Kazakistan per un progetto di gasdotto che non passi per la Russia

    Dovrebbe passare sotto il Mar Caspio, fino alla Turchia. Usa e Ue vogliono realizzare vie che non passano per la Russia.



    02/07/2008 KAZAKISTAN
    La ricerca di un passaggio nel Caucaso per portar greggio in Europa
    L’80% del greggio kazako passa per la Russia, ma Mosca non vuole potenziarne il trasporto e mira a mantenere il controllo del mercato. Astana cerca altre vie verso l’Europa. I problemi con Baku e le offerte di Pechino e Teheran.

    05/01/2011 CINA – ASIA CENTRALE
    Pechino, la “pacifica” invasione dell’Asia Centrale
    Da anni la Cina accresce rapporti con gli Stati della regione con le sue merci, costruisce ferrovie e oleodotti, acquista energia. Stretta collaborazione anche militare e finanziaria. Gli Stati Uniti rischiano di essere sempre più estromessi dai Paesi ex sovietici.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®