26 Gennaio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/12/2010
VIETNAM
L’ambasciatore Usa a Hanoi: “Preoccupante la situazione dei diritti umani”
Michael Michalak, rappresentante americano ad Hanoi, scrive sul sito web dell’ambasciata: “Nel Paese ancora enormi violazioni ai diritti della popolazione. Libertà religiosa leggermente migliorata, ma i casi delle parrocchie cattoliche preoccupano”.

Hanoi (AsiaNews) – Gli Stati Uniti “sono ancora preoccupati per la situazione dei diritti umani in Vietnam. Il governo continua a inibire la libertà di espressione, a reprimere i dissidenti e a considerare terroristi tutti i partiti politici che non siano di ispirazione comunista”. È la forte denuncia apparsa sul sito dell’ambasciata americana in Vietnam e firmato dall’ambasciatore Usa a Hanoi, Michael Michalak. L’articolo prende spunto dalla Giornata internazionale per i diritti umani che si è celebrata in tutto il mondo lo scorso 10 dicembre.
 
Un avvocato di Hanoi racconta ad AsiaNews: “Dopo la conferenza Asean che si è svolta proprio qui in Vietnam, le autorità locali hanno ripreso la repressione contro dissidenti, avvocati, intellettuali, attivisti per la democrazie e tutti coloro che criticano il governo”. Michalak, che ha quasi concluso il mandato, aggiunge: “Nel 2010 sono stati arrestati 24 dissidenti ed altre 14 persone sono state condannate per la loro ricerca di giustizia tramite la non violenza”.
 
Per l’ambasciatore, “molti intellettuali hanno detto la verità rispetto alla società in cui vivono, ma sono stati considerati contrari al governo e imprigionati. Inoltre, il 2010 è stato l’anno della grande guerra contro internet: moltissimi siti sono stati distrutti, e altrettanti blogger sono stati arrestati per l’impegno sulla Rete”.
 
Michalak sostiene che il Paese abbia compiuto “passi avanti” nella libertà religiosa, ma sottolinea: “Il governo ha usato la violenza nei casi delle parrocchie di Dong Chiem e Con Dau, e questo ha provocato dei sospetti sull’amministrazione e sull’uso della legge da parte del governo. Questo modo di fare ha danneggiato anche i passi avanti compiuti nel campo della libertà religiosa”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/06/2005 VIETNAM-USA
Il premier vietnamita a Wall Street, cuore del capitalismo
22/09/2005 VATICANO - VIETNAM
Il Card. Sepe visiterà il Vietnam in novembre
15/01/2013 VIETNAM
Diaspora vietnamita: libertà per i giovani cattolici ingiustamente condannati
31/12/2012 VIETNAM
Rischiano la pena di morte 14 cattolici attivisti in Vietnam
di Joseph Dang
06/08/2012 VIETNAM
Hanoi, comunismo "preistorico" e "moderno": arresta cattolici e attivisti, promette matrimonio per i gay
di Nguyen Hung

In evidenza
IRAQ
I bambini di Mosul e il futuro: il campo profughi "a cinque stelle"
di Bernardo CervelleraNel giardino della parrocchia di Mar Elia accanto alle tende ci sono container che servono da aule per i ragazzi e da biblioteca. Un altro serve da stanza per il ricamo. Un coro di bambini. P. Douglas: "preoccuparsi dei profughi non significa solo pensare al mangiare, al bere, alle medicine, le iniezioni, le vaccinazioni... Le persone rifugiate hanno bisogno di fare qualcosa e di coltivare la speranza".
IRAQ
Via Crucis: i profughi di Mosul oltre l'emergenza
di Bernardo CervelleraSono almeno mezzo milione le persone che si sono rifugiate in Kurdistan per sfuggire all'ISIS. Nello Shlama Mall a Erbil: 350 persone vivono nello scheletro di un edificio in costruzione, con panni stesi e coperte a fare da pareti. L'ordinazione sacerdotale di un giovane, anch'egli profugo dimostra che con la fuga, c'è qualcosa che non è stato distrutto: la fede, le tradizioni, il sacerdozio.
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate