1 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/12/2010
VIETNAM
L’ambasciatore Usa a Hanoi: “Preoccupante la situazione dei diritti umani”
Michael Michalak, rappresentante americano ad Hanoi, scrive sul sito web dell’ambasciata: “Nel Paese ancora enormi violazioni ai diritti della popolazione. Libertà religiosa leggermente migliorata, ma i casi delle parrocchie cattoliche preoccupano”.

Hanoi (AsiaNews) – Gli Stati Uniti “sono ancora preoccupati per la situazione dei diritti umani in Vietnam. Il governo continua a inibire la libertà di espressione, a reprimere i dissidenti e a considerare terroristi tutti i partiti politici che non siano di ispirazione comunista”. È la forte denuncia apparsa sul sito dell’ambasciata americana in Vietnam e firmato dall’ambasciatore Usa a Hanoi, Michael Michalak. L’articolo prende spunto dalla Giornata internazionale per i diritti umani che si è celebrata in tutto il mondo lo scorso 10 dicembre.
 
Un avvocato di Hanoi racconta ad AsiaNews: “Dopo la conferenza Asean che si è svolta proprio qui in Vietnam, le autorità locali hanno ripreso la repressione contro dissidenti, avvocati, intellettuali, attivisti per la democrazie e tutti coloro che criticano il governo”. Michalak, che ha quasi concluso il mandato, aggiunge: “Nel 2010 sono stati arrestati 24 dissidenti ed altre 14 persone sono state condannate per la loro ricerca di giustizia tramite la non violenza”.
 
Per l’ambasciatore, “molti intellettuali hanno detto la verità rispetto alla società in cui vivono, ma sono stati considerati contrari al governo e imprigionati. Inoltre, il 2010 è stato l’anno della grande guerra contro internet: moltissimi siti sono stati distrutti, e altrettanti blogger sono stati arrestati per l’impegno sulla Rete”.
 
Michalak sostiene che il Paese abbia compiuto “passi avanti” nella libertà religiosa, ma sottolinea: “Il governo ha usato la violenza nei casi delle parrocchie di Dong Chiem e Con Dau, e questo ha provocato dei sospetti sull’amministrazione e sull’uso della legge da parte del governo. Questo modo di fare ha danneggiato anche i passi avanti compiuti nel campo della libertà religiosa”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/06/2005 VIETNAM-USA
Il premier vietnamita a Wall Street, cuore del capitalismo
22/09/2005 VATICANO - VIETNAM
Il Card. Sepe visiterà il Vietnam in novembre
15/01/2013 VIETNAM
Diaspora vietnamita: libertà per i giovani cattolici ingiustamente condannati
31/12/2012 VIETNAM
Rischiano la pena di morte 14 cattolici attivisti in Vietnam
di Joseph Dang
06/08/2012 VIETNAM
Hanoi, comunismo "preistorico" e "moderno": arresta cattolici e attivisti, promette matrimonio per i gay
di Nguyen Hung

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate