3 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/09/2009
GIAPPONE
L’export di Tokyo scende del 36%
La domanda mondiale ristagna ancora. Ridotte le esportazioni verso Usa, Cina e Europa. I segni positivi del secondo trimestre dovuti allo stimolo governativo. Anche le importazioni sono in discesa. La compagnia aerea Jal chiede per la quarta volta i sussidi dal governo.

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Le esportazioni del Giappone sono scese per l’11° mese consecutivo rendendo più lontano il superamento della crisi economica.

L’export è sceso del 36% in un anno; lo scorso luglio la perdita era del 36,5%. Le cifre sono state fornite oggi dal ministero delle Finanze. Tutte le analisi stanno ad indicare che i segni positivi registrati nel secondo trimestre erano più dovuti agli stimoli dati dal governo, che non a un vero e proprio superamento della crisi.  Secondo gli esperti, il recupero nelle esportazioni è ancora molto lento, dato che la domanda mondiale è debolissima.

L’economia giapponese è molto provata perché la crisi mondiale ha ridotto di molto la domanda nel settore dell’auto e dell’elettronica. Le esportazioni verso gli Usa sono diminuite in un anno del 34,4%; quelle verso la Cina (il mercato più grosso per il Giappone) del 27,6%; le vendite in Europa sono scese del 45,9%.

A penalizzare le esportazioni, vi è pure un apprezzamento del 7% dello yen rispetto al dollaro, avvenuto negli ultimi sei mesi.

Anche le importazioni sono in discesa: meno 41,3% nell’arco di un anno.

Una vittima illustre di questa crisi è la compagnia di bandiera giapponese. La Japan Airlines, la più indebitata delle compagnie aeree asiatiche, ha chiesto per la quarta volta dal 2001 un sostegno dal governo. Lo scorso giugno aveva ricevuto il terzo. Nel primo trimestre del 2009 , la Jal ha avuto perdite per 99 miliardi di yen (circa 740 milioni di euro), la più grande negli ultimi sei anni. La crisi economica hanno ridotto di molto i viaggi turistici e quelli in business.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/01/2010 GIAPPONE
La Japan Airlines annuncia la bancarotta
20/04/2009 CINA
Bene il salone dell’auto a Shanghai; male la Fiera di Canton
22/04/2009 GIAPPONE
Deficit negli scambi commerciali del Giappone: è la prima volta dal 1980
23/09/2010 CINA - USA
L'allarme di Wen Jiabao: Se tocchiamo lo yuan, rischiamo la rivolta sociale
13/11/2008 GIAPPONE
La crisi economica mondiale è un problema morale. Parola di Nakasone
di Pino Cazzaniga

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate