19 Aprile 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/09/2009 10:30
GIAPPONE
L’export di Tokyo scende del 36%
La domanda mondiale ristagna ancora. Ridotte le esportazioni verso Usa, Cina e Europa. I segni positivi del secondo trimestre dovuti allo stimolo governativo. Anche le importazioni sono in discesa. La compagnia aerea Jal chiede per la quarta volta i sussidi dal governo.

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Le esportazioni del Giappone sono scese per l’11° mese consecutivo rendendo più lontano il superamento della crisi economica.

L’export è sceso del 36% in un anno; lo scorso luglio la perdita era del 36,5%. Le cifre sono state fornite oggi dal ministero delle Finanze. Tutte le analisi stanno ad indicare che i segni positivi registrati nel secondo trimestre erano più dovuti agli stimoli dati dal governo, che non a un vero e proprio superamento della crisi.  Secondo gli esperti, il recupero nelle esportazioni è ancora molto lento, dato che la domanda mondiale è debolissima.

L’economia giapponese è molto provata perché la crisi mondiale ha ridotto di molto la domanda nel settore dell’auto e dell’elettronica. Le esportazioni verso gli Usa sono diminuite in un anno del 34,4%; quelle verso la Cina (il mercato più grosso per il Giappone) del 27,6%; le vendite in Europa sono scese del 45,9%.

A penalizzare le esportazioni, vi è pure un apprezzamento del 7% dello yen rispetto al dollaro, avvenuto negli ultimi sei mesi.

Anche le importazioni sono in discesa: meno 41,3% nell’arco di un anno.

Una vittima illustre di questa crisi è la compagnia di bandiera giapponese. La Japan Airlines, la più indebitata delle compagnie aeree asiatiche, ha chiesto per la quarta volta dal 2001 un sostegno dal governo. Lo scorso giugno aveva ricevuto il terzo. Nel primo trimestre del 2009 , la Jal ha avuto perdite per 99 miliardi di yen (circa 740 milioni di euro), la più grande negli ultimi sei anni. La crisi economica hanno ridotto di molto i viaggi turistici e quelli in business.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/01/2010 GIAPPONE
La Japan Airlines annuncia la bancarotta
20/04/2009 CINA
Bene il salone dell’auto a Shanghai; male la Fiera di Canton
22/04/2009 GIAPPONE
Deficit negli scambi commerciali del Giappone: è la prima volta dal 1980
23/09/2010 CINA - USA
L'allarme di Wen Jiabao: Se tocchiamo lo yuan, rischiamo la rivolta sociale
13/11/2008 GIAPPONE
La crisi economica mondiale è un problema morale. Parola di Nakasone
di Pino Cazzaniga

In evidenza
SIRIA
Gesuita siriano: Mi manchi, p. Frans. Hai ispirato tutti noi
di Tony Homsy*Un giovane sacerdote della Compagnia ricorda la vita e l'operato di p.Frans van der Lugt, ucciso a Homs dopo aver rifiutato di abbandonare la popolazione piagata da fame e guerra: "Ha dato e continua a dare tutto per la Chiesa, per la Siria, per la pace. La sua testimonianza e le sue doti ne hanno fatto un missionario e un testimone del Vangelo eccezionale". Per gentile concessione del "thejesuitpost" (traduzione a cura di AsiaNews).
FRANCIA - IRAQ
Patriarca caldeo: il futuro fosco dei cristiani d'Oriente, ricchezza in via di estinzione per Occidente e Islam
di Mar Louis Raphael I SakoLe guerre in Iraq, Libia e Afghanistan hanno peggiorato la condizione dei popoli, in particolare le minoranze. Le politiche fallimentari promosse dall'Occidente. Cresce il fondamentalismo, la Primavera araba svuotata dagli estremismi. Il ruolo delle autorità musulmane nella tutela di diritti e libertà religiosa. La presenza dei cristiani in Medio oriente è fondamentale per i musulmani.
CINA-EU
Xi Jinping torna dall'Europa sazio di contratti e di silenzi
di Bernardo CervelleraIl presidente cinese ha firmato accordi per decine di miliardi di euro con Francia, Germania, Olanda, Belgio. Ma non ha mai voluto incontrare i giornalisti per una conferenza stampa. Al Collegio dell’Europa a Bruges, egli sogna una Via della Seta per un volume di commercio pari a 1000 miliardi. Ma mette in chiaro che in Cina il monopolio del potere rimane al Partito. Fine del sogno delle riforme politiche per la Cina. Ma gli internauti non sono d’accordo con lui.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate