5 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/09/2009
GIAPPONE
L’export di Tokyo scende del 36%
La domanda mondiale ristagna ancora. Ridotte le esportazioni verso Usa, Cina e Europa. I segni positivi del secondo trimestre dovuti allo stimolo governativo. Anche le importazioni sono in discesa. La compagnia aerea Jal chiede per la quarta volta i sussidi dal governo.

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Le esportazioni del Giappone sono scese per l’11° mese consecutivo rendendo più lontano il superamento della crisi economica.

L’export è sceso del 36% in un anno; lo scorso luglio la perdita era del 36,5%. Le cifre sono state fornite oggi dal ministero delle Finanze. Tutte le analisi stanno ad indicare che i segni positivi registrati nel secondo trimestre erano più dovuti agli stimoli dati dal governo, che non a un vero e proprio superamento della crisi.  Secondo gli esperti, il recupero nelle esportazioni è ancora molto lento, dato che la domanda mondiale è debolissima.

L’economia giapponese è molto provata perché la crisi mondiale ha ridotto di molto la domanda nel settore dell’auto e dell’elettronica. Le esportazioni verso gli Usa sono diminuite in un anno del 34,4%; quelle verso la Cina (il mercato più grosso per il Giappone) del 27,6%; le vendite in Europa sono scese del 45,9%.

A penalizzare le esportazioni, vi è pure un apprezzamento del 7% dello yen rispetto al dollaro, avvenuto negli ultimi sei mesi.

Anche le importazioni sono in discesa: meno 41,3% nell’arco di un anno.

Una vittima illustre di questa crisi è la compagnia di bandiera giapponese. La Japan Airlines, la più indebitata delle compagnie aeree asiatiche, ha chiesto per la quarta volta dal 2001 un sostegno dal governo. Lo scorso giugno aveva ricevuto il terzo. Nel primo trimestre del 2009 , la Jal ha avuto perdite per 99 miliardi di yen (circa 740 milioni di euro), la più grande negli ultimi sei anni. La crisi economica hanno ridotto di molto i viaggi turistici e quelli in business.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/01/2010 GIAPPONE
La Japan Airlines annuncia la bancarotta
20/04/2009 CINA
Bene il salone dell’auto a Shanghai; male la Fiera di Canton
22/04/2009 GIAPPONE
Deficit negli scambi commerciali del Giappone: è la prima volta dal 1980
23/09/2010 CINA - USA
L'allarme di Wen Jiabao: Se tocchiamo lo yuan, rischiamo la rivolta sociale
17/03/2010 CINA - USA
Gli Usa attaccano: Rivalutate lo yuan o colpiremo le esportazioni

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate