01 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/12/2010, 00.00

    CINA - VATICANO

    L’Assemblea patriottica cinese vota la sua leadership. Un grave danno per la Chiesa

    Zhen Yuan

    Ma Yinglin, vescovo illecito, è presidente del Consiglio dei vescovi; Fang Xinyao (un vescovo in comunione col papa) è presidente dell’Associazione patriottica. Nella leadership vi sono tre vescovi illeciti. In futuro vi potranno essere molte più ordinazioni senza mandato papale. Un sacerdote: “Il governo ha creato il caos in modo deliberato”.
    Pechino (AsiaNews) –All’Ottava Assemblea dei rappresentanti cattolici si è giunti alla votazione della nuova leadership. Questa mattina sono stati eletti: Giuseppe Ma Yinglin, vescovo (illecito) di Kunming (v. foto), come nuovo presidente del Consiglio dei vescovi cinesi; mons. Johan Fang Xinyao di Linyi è invece il nuovo capo dell’Associazione patriottica. L’Assemblea, il Consiglio e l’Associazione sono organismi i cui scopi rimangono inconciliabili con la fede cattolica.
     
    La vicepresidenza del Consiglio dei vescovi è affidata a: Fang Xinyao di Linyi; Zhan Silu di Mindong (illecito); Fang Jianping di Tangshan; Li Shan di Pechino; Pei Junmin di Liaoning; Yang Xiaoting di Yanan.
     
    Il segretario generale del Consiglio dei vescovi è Guo Jincai, il vescovo ordinato in modo illecito a Chengde lo scorso 20 novembre. In precedenza il posto era tenuto da Ma Yinglin.
     
    I vicepresidenti dell’Ap sono: I vescovi Ma Yinglin, Guo Jincai, Shen Bin di Haimen, Meng Qinglu di Hohhot; i sacerdoti Lei Shiyin di Leshan, Huang Bingzhang di Shantou, Yue Fusheng di Harbin; suor Wu Lin (dell’Hubei) e il laico Shu Nanwu di Nanchang.
     
    L’ex vice-presidente dell’Ap, Antonio Liu Bainian – il regista dell’Assemblea e delle ordinazioni illecite di questi anni – è stato eletto presidente onorario di entrambi gli organismi, assieme all’anziano mons. Jin Luxian di Shanghai.
     
    Fra i consiglieri dell’Ap e del Consiglio dei vescovi vi sono: i prelati Tu Shihua, Liu Jinghe di Tangshan, Li Mingshu di Qingdao, Yu Runchen di Hanzhong; i laici Yu Jiadi di Anhui, Lu Guocun del Guangdong, Zhou Xiaowu di Shanghai, Liu Deshen di Chongqing.
     
    Nella nuova leadership, due dei membri sono vescovi ordinati quest’anno con mandato papale; uno ordinato in modo illecito.
     
    Nel suo discorso di chiusura, Ma Yinglin ha affermato che la nuova leadership dell’Ap e del Consiglio unirà i cattolici nel seguire i principi di indipendenza, auto-organizzazione e democrazia per guidare la Chiesa e per camminare con la Chiesa universale per essere testimoni di Dio. I cattolici, ha aggiunto, “potranno scrivere un nuovo capitolo sul lavoro patriottico della Chiesa cinese”.
     
    Davanti a una leadership intrecciata di vescovi illegittimi, alcuni cattolici hanno espresso ad AsiaNews i loro timori: poiché adesso il presidente, un vicepresidente e il segretario generale sono vescovi illeciti, c’è il pericolo che in futuro vi saranno molte ordinazioni episcopali illegittime.
    Un sacerdote fa notare che la Chiesa è sempre stata controllata dall’Ap; con gli eventi ultimi [ordinazione illecita e Assemblea –ndr] e la nuova leadership, in modo deliberato, il governo sembra aver voluto creare un certo caos nella Chiesa.
     
    Questa situazione – ha detto un’altra fonte di AsiaNews – può rendere ancora più difficile per il Vaticano di nominare ed eleggere nuovi vescovi in comunione col papa.
     
    Un altro sacerdote ha detto che per la Chiesa sembra di tornare al passato, quando il governo la controllava con pugno di ferro e si domanda come mai il governo non osa far guidare il Consiglio dei vescovi da questi vescovi in comunione col pontefice.
     
    Secondo il sito web dell’Ufficio affari religiosi, l’Assemblea ha revisionato gli scorsi sei anni di lavoro della Chiesa e ha prospettato gli scopi e gli obbiettivi dei prossimi cinque anni, studiando anche le revisioni alle costituzioni dell’Ap e del Consiglio dei vescovi.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/12/2010 CINA - VATICANO
    Ritorna la Rivoluzione Culturale: vescovi cinesi imprigionati o ricercati come criminali
    Associazione patriottica e governo vogliono forzare i pastori a partecipare all'imminente Assemblea dei rappresentanti cattolici, un organismo contrario alla fede cattolica. Un vescovo è scomparso e ricercato come "pericoloso criminale"; un altro è stato rapito dall'episcopio dove era stato condotto e difeso dai fedeli dopo giorni di isolamento.

    17/12/2010 VATICANO - CINA
    Coraggio e profezia: il Davide-Vaticano e il Golia-Cina
    Le violenze sui vescovi e l’opposizione alla Santa Sede sono un segno di paura nell’affrontare il bivio su cui si trova la Cina: allentare la morsa e procedere verso la democrazia, o rimanere immobili riproponendo lo stile di Mao e delle Guardie rosse. Ma questo rischia di portare alla distruzione il Paese e lo stesso sviluppo economico di cui Pechino è tanto fiera.

    07/12/2010 CINA - VATICANO
    Vescovi cinesi deportati per partecipare all’Assemblea patriottica
    Il raduno, inconciliabile con la fede dei cattolici, dovrebbe eleggere i presidenti dell’Associazione patriottica e del Consiglio dei vescovi. Alcuni prelati si sono nascosti per non parteciparvi; altri sono stati portati contro la loro volontà. Il vescovo di Hengshui, sequestrato e strappato alla difesa dei fedeli, è stato portato a Pechino.

    07/12/2010 CINA - VATICANO
    Al via l'Assemblea patriottica cinese: per una Chiesa indipendente, che resista al Vaticano
    Molti vescovi sono stati deportati per farli partecipare al raduno. Presenti due vescovi le cui ordinazioni sono illecite. Elogio del Partito comunista che “rispetta la religione dei cattolici”. A Hong Kong Giustizia e pace accusa le violazioni alla libertà religiosa e chiede la liberazione di due vescovi e alcuni sacerdoti in prigione.

    22/11/2010 VATICANO - CINA
    Card. Zen: In Cina non c’è libertà religiosa
    Assoluto controllo sulle comunità ufficiali; sofferenze delle comunità sotterranee; manipolazioni e corruzione sui vescovi, che rischiano di esprimere verso il papa solo un ossequio formale. I problemi della Chiesa in Cina provengono anche dai tentennamenti di parte cattolica. Si rischia di far scivolare tutto verso la schiavizzazione dei pastori e di dimenticare le indicazioni di Benedetto XVI nella sua Lettera ai fedeli della Chiesa in Cina. La relazione del card. Zen per i suoi confratelli cardinali e per il papa prima del Concistoro.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®