7 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 14/06/2012
RUSSIA
L'icona della Madonna di Czestochowa a Vladivostok: "da oceano ad oceano" si prega per la vita, contro l'inverno demografico
Cattolici e ortodossi uniti nella devozione alla Madre di Dio e contro l'aborto. L'icona viaggerà dall'oceano Pacifico fino all'Atlantico, passando per 22 Paesi. Polonia e Ungheria subiscono pressioni dal parlamento europeo e da organizzazioni anti-famiglia per attuare legislazioni abortive. La Russia, prima nazione al mondo a legalizzare l'aborto, lo vede ora come una piaga sociale.

Vladivostok (AsiaNews) - Una copia dell'icona della Madonna di Czestochowa (la famosa "Madonna nera") è giunta ieri a Vladivostok, nell'estremo confine orientale siberiano, e in questi giorni riceve l'onore e le preghiere di centinaia di fedeli. L'immagine, cara a cattolici ed ortodossi, è giunta su un camioncino che, partito dalla Polonia, ha attraversato il Kazakistan e la Cina per giungere in Siberia. Da qui l'icona sarà portata in altre città russe fino al 20 luglio. Il percorso è parte di un grande pellegrinaggio dal titolo "Da oceano ad oceano", che ha come scopo la preghiera della Madre di Dio per il sostegno alla famiglia e alla vita.

Ideatori del progetto sono due personalità pro-vita: Ewa Kowalewska (Polonia), di Human Life International,  e Igor Beloborodov (Russia), responsabile dell'Istituto di ricerche demografiche di Mosca (a sinistra nella foto).  

Da Vladivostok, dopo un giro nella Russia, l'icona arriverà fino a Fatima (Portogallo), passando per altri 20 Paesi: Bielorussia (20-28 luglio); Lettonia ( 28 luglio- 5 agosto); Lituania (5-12 agosto); Polonia (12-26 agosto); Repubblica ceca (26-31 agosto); Slovacchia (31 agosto - 7 settembre); Ungheria e Romania (7-16 settembre); Slovenia (16-20 settembre); Croazia (20-25 settembre); Italia (25-29 settembre); Austria (29 settembre - 14 ottobre); Lichtenstein (14-15 ottobre); Svizzera (15-24 ottobre); Germania (24 ottobre - 2 novembre); Belgio (2-5 novembre);  Gran Bretagna (5-16 novembre); Irlanda (16-26 novembre); Francia (26 novembre - 10 dicembre); Spagna (10 dicembre -?).

Secondo gli organizzatori, uno degli scopi di questa campagna-pellegrinaggio è di sostenere Paesi che hanno una legislazione pro-life, come l'Ungheria e la Polonia, che subiscono aggressive pressioni politiche dal Parlamento europeo e da gruppi anti-famiglia. Ma lo scopo fondamentale è far maturare un sentimento di rispetto per la vita umana contro l'aborto.

Tutti i Paesi europei, compresa la Russia, sono segnati dall'invecchiamento della popolazione e dall'aborto, che sono fra i fattori della crisi economica. In Russia, il problema dell'aborto è divenuto da anni una piaga sociale (v.: 06/07/2011 Mosca, vietato pubblicizzare l'aborto senza avvertire le donne dei rischi;  02/04/2008 Aborto in Russia, cresce l'opposizione morale).

Gli organizzatori sottolineano che la Russia è stata la prima nazione al mondo a legalizzare l'aborto; ora essi sperano che la popolazione russa sia fra le prime a lottare contro questo male.

Ricevendo l'icona a Vladivostok, p. Aleksandr Talko, dell'Eparchia locale, ha garantito che tutti i giorni, davanti alla "miracolosa icona, vi saranno preghiere per rafforzare la vita familiare" (v.: http://www.vladivostok.eparhia.ru/news/2012/?ID=7394).


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/08/2004 russia - vaticano
I cattolici russi chiedono di pregare davanti all'icona di Kazan
29/08/2004 RUSSIA - VATICANO
Alessio II: "Ortodossi e cattolici insieme contro la secolarizzazione"
27/08/2004 russia - vaticano
Il ritorno dell'icona di Kazan, fra antiche guerre e nuove speranze
06/01/2004 russia - vaticano
Natale 2004: il trionfo di Aleksij e della Ortodossia politica
di Vladimir Rozanskij
06/07/2011 RUSSIA
Mosca, vietato pubblicizzare l’aborto senza avvertire le donne dei rischi
di Nina Achmatova

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate