29 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 14/06/2012
RUSSIA
L'icona della Madonna di Czestochowa a Vladivostok: "da oceano ad oceano" si prega per la vita, contro l'inverno demografico
Cattolici e ortodossi uniti nella devozione alla Madre di Dio e contro l'aborto. L'icona viaggerà dall'oceano Pacifico fino all'Atlantico, passando per 22 Paesi. Polonia e Ungheria subiscono pressioni dal parlamento europeo e da organizzazioni anti-famiglia per attuare legislazioni abortive. La Russia, prima nazione al mondo a legalizzare l'aborto, lo vede ora come una piaga sociale.

Vladivostok (AsiaNews) - Una copia dell'icona della Madonna di Czestochowa (la famosa "Madonna nera") è giunta ieri a Vladivostok, nell'estremo confine orientale siberiano, e in questi giorni riceve l'onore e le preghiere di centinaia di fedeli. L'immagine, cara a cattolici ed ortodossi, è giunta su un camioncino che, partito dalla Polonia, ha attraversato il Kazakistan e la Cina per giungere in Siberia. Da qui l'icona sarà portata in altre città russe fino al 20 luglio. Il percorso è parte di un grande pellegrinaggio dal titolo "Da oceano ad oceano", che ha come scopo la preghiera della Madre di Dio per il sostegno alla famiglia e alla vita.

Ideatori del progetto sono due personalità pro-vita: Ewa Kowalewska (Polonia), di Human Life International,  e Igor Beloborodov (Russia), responsabile dell'Istituto di ricerche demografiche di Mosca (a sinistra nella foto).  

Da Vladivostok, dopo un giro nella Russia, l'icona arriverà fino a Fatima (Portogallo), passando per altri 20 Paesi: Bielorussia (20-28 luglio); Lettonia ( 28 luglio- 5 agosto); Lituania (5-12 agosto); Polonia (12-26 agosto); Repubblica ceca (26-31 agosto); Slovacchia (31 agosto - 7 settembre); Ungheria e Romania (7-16 settembre); Slovenia (16-20 settembre); Croazia (20-25 settembre); Italia (25-29 settembre); Austria (29 settembre - 14 ottobre); Lichtenstein (14-15 ottobre); Svizzera (15-24 ottobre); Germania (24 ottobre - 2 novembre); Belgio (2-5 novembre);  Gran Bretagna (5-16 novembre); Irlanda (16-26 novembre); Francia (26 novembre - 10 dicembre); Spagna (10 dicembre -?).

Secondo gli organizzatori, uno degli scopi di questa campagna-pellegrinaggio è di sostenere Paesi che hanno una legislazione pro-life, come l'Ungheria e la Polonia, che subiscono aggressive pressioni politiche dal Parlamento europeo e da gruppi anti-famiglia. Ma lo scopo fondamentale è far maturare un sentimento di rispetto per la vita umana contro l'aborto.

Tutti i Paesi europei, compresa la Russia, sono segnati dall'invecchiamento della popolazione e dall'aborto, che sono fra i fattori della crisi economica. In Russia, il problema dell'aborto è divenuto da anni una piaga sociale (v.: 06/07/2011 Mosca, vietato pubblicizzare l'aborto senza avvertire le donne dei rischi;  02/04/2008 Aborto in Russia, cresce l'opposizione morale).

Gli organizzatori sottolineano che la Russia è stata la prima nazione al mondo a legalizzare l'aborto; ora essi sperano che la popolazione russa sia fra le prime a lottare contro questo male.

Ricevendo l'icona a Vladivostok, p. Aleksandr Talko, dell'Eparchia locale, ha garantito che tutti i giorni, davanti alla "miracolosa icona, vi saranno preghiere per rafforzare la vita familiare" (v.: http://www.vladivostok.eparhia.ru/news/2012/?ID=7394).


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/08/2004 russia - vaticano
I cattolici russi chiedono di pregare davanti all'icona di Kazan
29/08/2004 RUSSIA - VATICANO
Alessio II: "Ortodossi e cattolici insieme contro la secolarizzazione"
27/08/2004 russia - vaticano
Il ritorno dell'icona di Kazan, fra antiche guerre e nuove speranze
06/01/2004 russia - vaticano
Natale 2004: il trionfo di Aleksij e della Ortodossia politica
di Vladimir Rozanskij
06/07/2011 RUSSIA
Mosca, vietato pubblicizzare l’aborto senza avvertire le donne dei rischi
di Nina Achmatova

In evidenza
VATICANO
Il Papa su Medio Oriente, Iraq, Ucraina: "Fermatevi, ve lo chiedo con tutto il cuore! Fermatevi!"Il ricordo dei bambini, vittime delle guerre, "ai quali si toglie la speranza di una vita degna". Affrontare "ogni diatriba con la tenacia del dialogo e del negoziato e con la forza della riconciliazione". Domani, i 100 anni dallo scoppio della Prima guerra mondiale, "un giorno di lutto". Imparare le lezioni della storia. Il Vangelo ti fa conoscere Gesù vero, vivo; ti parla al cuore e ti cambia la vita, come per san Francesco di Assisi. "La gioia di avere trovato il tesoro del Regno di Dio traspare, si vede. Il cristiano non può tenere nascosta la sua fede".
IRAQ - VATICANO
Patriarca di Baghdad: Il cuore "sanguina" per gli innocenti in lraq, Siria e Gaza. Ed è "triste" per la timidezza del mondo civilizzatoMar Louis Sako invia un messaggio al card. Barbarin, in occasione della marcia di solidarietà con i cristiani dell'Iraq, che si tiene oggi a Lione. "Non ci dimenticate!".
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate