11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/02/2013, 00.00

    EGITTO

    L'islamizzazione silenziosa della società egiziana



    Una corte del Cairo consente ai poliziotti islamisti di portare la barba alla maniera islamica. Scritte inneggianti all'islam compaiono anche sui blindati dell'esercito. Il programma dei Fratelli musulmani per imporre nelle scuole anche straniere lezioni di Islam e Corano.

    Il Cairo (AsiaNews) - Dai continui attacchi contro i cristiani, alle proposte di divieto sugli alcolici e sulla danza del ventre, l'Egitto si sta trasformando sempre di più in un Paese islamico. I segnali di questo cambiamento non sono solo all'interno, dalla Costituzione basata sulla sharia, ma dall'imposizione di costumi fino ad ora appannaggio di una parte minoritaria della società. Nei giorni scorsi ha fatto scalpore la decisione di una Corte amministrativa del Cairo che consente ai poliziotti di portare la barba alla "maniera islamica" dopo quasi trent'anni di divieto. In febbraio decine di agenti sono stati sospesi per aver violato la legge. Essi hanno protestato per giorni davanti alla sede del ministero dell'interno suscitando le simpatie di diversi imam salafiti e ufficiali di polizia che hanno fatto pressioni sulla Corte per togliere il bando. Risalente al regime di Hosni Mubarak, la legge era stata introdotta per evitare l'ingresso nelle forze dell'ordine di agenti vicini all'islamismo radicale e quindi di fatto non imparziali nell'amministrare la legge. Chi sfoggiava una barba alla moda maomettana veniva sospeso.

    Secondo  il quotidiano Al Ahram, moderato, il verdetto della Corte segna una pagina importante per la società egiziana e conferma l'islamizzazione silente delle istituzioni e scatenerà nuove proteste da parte dei cristiani e dell'opposizione laica, che da mesi denunciano questo trend.

    La polizia non è l'unica a cambiare volto. Anche nell'esercito gli islamisti radicali iniziano ad emergere dopo decenni di oscurità. Nei giorni scorsi al Baladna Bel Masry talk show è stato presentato un video che ha immortalato un blindato militare con dipinta sulla fiancata la scritta: "Non Dio, ma Allah, Maometto è il messaggero di Allah". Il filmato ha fatto il giro del Paese e oggi Ahmed Mohammed Alì, portavoce del Consiglio superiore delle forze armate ha annunciato un'azione legale contro i responsabili. "Un solo veicolo - ha però sottolineato - non significa che il fenomeno riguarda tutto l'esercito".

    Tentativi di islamizzare la società egiziana riguardano anche l'educazione. Nei giorni scorsi  Kamal Mogheth, esperto di educazione, ha denunciato un progetto dei Fratelli Musulmani per imporre nelle scuole, anche quelle private, lezioni di Islam e Corano. Il movimento islamista avrebbe l'appoggio di molti istituti, anche stranieri. (S.C.)


     

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/12/2012 EGITTO
    Patriarca copto e le Chiese cristiane invitano a partecipare al referendum
    La conferma è giunta ieri sera dal Patriarca copto ortodosso Tawadros II. I fedeli saranno liberi di votare a favore o contro la bozza costituzionale, seguendo la propria coscienza. Il portavoce della Chiesa cattolica egiziana prevede una crescita del fronte del 'no' alla costituzione islamista, che non potrà essere ignorato.

    12/12/2012 EGITTO
    Il Cairo, musulmani, cristiani, laici e donne velate manifestano per la democrazia
    Centinaia di migliaia di persone in piazza Tahrir e davanti al palazzo presidenziale hanno manifestato contro il referendum costituzionale del 15 dicembre. Il fronte islamista perde consensi. I movimenti liberali la vera voce dell'Egitto.

    11/05/2012 EGITTO
    L'Egitto si ferma per il primo dibattito elettorale televisivo nella storia del Paese
    Milioni di persone hanno seguito l'evento su televisori e schermi nei locali e nelle piazze. Al confronto hanno partecipato Amr Moussa, moderato ed ex segretario della Lega araba e Aboul Fotouh, islamista indipendente. Fra le tematiche la pericolosa ascesa del radicalismo islamico e i rapporti con Israele.

    21/08/2013 EGITTO
    Giovane musulmano: Solo con i cristiani riscostruiremo l'Egitto
    Mohamed Elhariry, manager residente al Cairo, fa luce su quanto accaduto in questi mesi in Egitto. Per il giovane i Fratelli Musulmani "hanno mentito a tutti, non hanno mai voluto uno Stato democratico. Il vero Egitto è composto da tutte le fedi".

    19/08/2013 EGITTO
    Egitto, la violenza dei Fratelli Musulmani contro cristiani e oppositori
    In diversi video amatoriali gli islamisti affrontano le forze dell'ordine con fucili, lanciarazzi e pistole. Riprese anche le esecuzioni sommarie di ufficiali dell'esercito e della polizia. All'Ap una suora di Bani Suef (Alto Egitto) racconta la brutalità degli estremisti islamici durante l'assalto a una scuola cattolica. Il 14 agosto gli islamisti hanno stuprato le insegnanti e costretto tre suore a sfilare come trofei di guerra davanti alla folla.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®