18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/01/2018, 11.38

    INDIA

    L’India ha 21 milioni di bambine ‘non volute’ e 63 milioni ‘mai nate’



    I genitori indiani hanno una “preferenza per il figlio” e mettono al mondo bambine fin quando non generano il maschio. Sebbene banditi, sono ancora diffusi i test per la determinazione del sesso del nascituro. Ogni anno “scompaiono” due milioni di bambine per aborti, malattie e malnutrizione.

    New Delhi (AsiaNews/Agenzie) – Il desiderio dei genitori indiani di avere figli maschi ha prodotto circa 21 milioni di bambine “non volute”. È il risultato del sondaggio economico annuale presentato ieri dal Ministero delle finanze dell’Unione. Gli esperti affermano l’esistenza di quella che chiamano “preferenza per il figlio”, che porta le coppie a mettere al mondo figlie femmine fino a quando non ottengono il maschio tanto desiderato.

    In India le bambine sono sempre state considerate una sorta di maledizione per le famiglie. La tradizione considera i maschi gli eredi dei beni e coloro che mantengono i nuclei familiari “portando il pane a casa”. Le figlie femmine invece sono viste come un fardello finanziario per i genitori in un Paese in cui l’istituto della dote al momento del matrimonio è molto comune.

    Il Paese ha bandito la pratica degli aborti selettivi femminili tramite test per la determinazione del sesso. Tuttavia i numeri del censimento rilevano che il feticidio femminile è ancora molto diffuso. Secondo i dati dell’ultimo sondaggio demografico del 2011, in India vivono 940 femmine ogni 1000 maschi. In alcuni Stati – come quello del Punjab e di Haryana – la proporzione tocca livelli altissimi: 1000 femmine contro 1200 maschi della stessa età. Cioè che è interessante notare, sottolineano gli analisti, è che l’aborto delle bambine è radicato anche negli Stati più ricchi e non solo nelle zone rurali, dove per i genitori è più difficile garantire loro l’istruzione.

    Il rapporto del ministero evidenzia che in tutto sono 63 milioni le bambine “scomparse”, cioè mai nate, in India e che almeno due milioni di piccole ogni anno vanno “disperse” a causa di aborti, malattie, non curanza e malnutrizione.

    Secondo gli esperti, numeri così elevati hanno prodotto una bolla demografica di eccesso di maschi. A lungo andare, tali pratiche – insieme alla “legge sul figlio unico” in Cina, abolita nel 2015 ma che fatica a sradicarsi dalla mentalità cinese – avranno effetti devastanti sul numero di crimini, sul traffico di esseri umani e sulla capacità dei maschi di trovare moglie.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/11/2012 INDIA
    India, feticidi femminili: in carcere il medico della “clinica degli orrori”
    La Corte suprema ha negato la libertà su cauzione per altri sei mesi. Insieme alla moglie, Sudam Munde aveva praticato aborti illegali al terzo, quinto, sesto e ottavo mese di gravidanza, causando anche la morte di una donna di 28 anni. Mons. Agnelo Gracias: “Ennesima atrocità verso le bambine, ma dobbiamo indignarci verso tutti gli aborti”.

    10/10/2012 INDIA
    India, per aborti selettivi e infanticidi “scomparse” 3 milioni di bambine
    Lo rivela uno studio del Centro statistico del Paese, riferendosi al 2011. Domani tutto il mondo celebra la Giornata internazionale della bambina. Medico membro della Pontificia accademia per la vita: “Governo, società civile e famiglie devono sradicare la discriminazione contro le bambine, diffusa grazie a una cultura patriarcale”. Il Maharashtra vuole far passare gli aborti selettivi sotto il reato di omicidio.

    24/01/2012 INDIA
    Giornata nazionale della bambina, contro aborti selettivi e infanticidi femminili
    Una bambina su 13 non sopravvive oltre i 6 anni di età. Per un membro della Pontificia accademia per la vita “il problema della discriminazione di genere è ancora legato a fattori socioculturali”. Le campagne e i programmi della Chiesa cattolica, “per proteggere e valorizzare la bambina”.

    26/03/2012 INDIA
    India, Giornata pro-vita: donna bruciata viva dal marito. Aveva partorito due bambine
    È accaduto ieri in West Bengal. Intanto a Mumbai, 400 persone hanno partecipato a una manifestazione per celebrare l’evento. Mons. Agnelo Gracias, presidente della Commissione diocesana per la vita umana: “È nel dare che si riceve. Gesù è morto sulla croce per darci la vita”.

    26/11/2014 INDIA
    Corte suprema dell'India: incentivi speciali per chi mette al mondo una bambina
    Il più alto tribunale del Paese ha emesso un'ingiunzione per combattere la piaga degli aborti selettivi e dei feticidi femminili, figlia di una mentalità patriarcale. La necessità di misure e politiche più ferme, per contrastare il declino delle nascite di bambine. In alcuni Stati, la media è di 800/900 femmine ogni 1.000 maschi.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®