28 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/04/2017, 09.43

    SIRIA

    La Chiesa di Aleppo in aiuto alle giovani coppie: spose in guerra, futuro di speranza del Paese

    Ibrahim Alsabagh*

    La famiglia è segno di speranza in un contesto di guerra e violenze. La parrocchia latina lancia un programma di sostegno “spirituale e materiale”. P. Ibrahim: Una iniziativa che abbraccia tutti i riti e le confessioni cristiane e non dimentica “i fratelli musulmani”. Anche papa Francesco (e la Curia) hanno voluto donare 100mila euro. I riferimenti bancari per aderire alla campagna.

     

    Aleppo (AsiaNews) - Una famiglia rappresenta il futuro di una società, anche e soprattutto in un contesto di guerra e di violenze come quello che si respira in Siria dal marzo 2011. “Noi la vogliamo sostenere” sul piano “spirituale e materiale”, incoraggiandola e accompagnandola “nella sua missione per il Paese e la Chiesa stessa”. È quanto racconta p. Ibrahim Alsabagh, 44enne francescano, guardiano e parroco della parrocchia latina di Aleppo, presentando una iniziativa dedicata alle giovani coppie della seconda città per importanza della Siria, un tempo capitale economica e commerciale del Paese. In queste settimane “circa 740 coppie di tutti i riti, che hanno ricevuto il sacramento del matrimonio dopo il 2012” hanno ricevuto aiuti fra cui cibo, medicine e fornitura di corrente elettrica, senza dimenticare di aiutare “anche i fratelli e le famiglie musulmane che versano in difficoltà”. 

    “Molto più che un mero ‘accompagnamento materiale’ - scrive il sacerdote - dentro questo progetto vi è anche il tentativo di promuovere degli incontri di ‘formazione permanente’ per queste famiglie, nel contesto di incontri mensili di formazione post-matrimoniale”. Una iniziativa sostenuta con forza dallo stesso papa Francesco, che insieme alla Curia romana durante gli ultimi esercizi spirituali della Quaresima ha voluto donare 100mila euro. “Aleppo, così come tutta la Siria, è come una barca - racconta p. Ibrahim - nel bel mezzo di una tempesta fortissima. E in questa tempesta, noi cerchiamo con questo progetto di proteggere le giovani coppie, le quali rappresentano il nostro avvenire futuro”.

    A fine pagina, al termine della testimonianza, potrete trovare i riferimenti della parrocchia latina di Aleppo e le modalità per aderire all’iniziativa con una donazione. 

    Ecco, di seguito, il racconto di p. Ibrahim: 

    “La Chiesa è la famiglia e la famiglia è una piccola Chiesa…” - Papa Francesco

    Lo scorso venerdì 20 gennaio la nostra parrocchia ha vissuto una giornata molto importante: una celebrazione eucaristica ha contraddistinto l’inaugurazione di un nuovo progetto ecumenico per quest’anno. Si tratta del sostegno a giovani coppie cristiane di tutti i riti, sposatesi durante la guerra. Alla cerimonia hanno partecipato i vescovi e i sacerdoti di tutte le comunità cristiane di Aleppo.

    Era davvero impressionante vedere la chiesa colma di fedeli, e in particolar modo i giovani. I loro volti esprimevano la sofferenza e la tristezza della guerra, l’inquietudine; come fondare una famiglia senza risorse economiche, in un contesto in cui la disoccupazione è enorme. E quando i prezzi sono così elevati? Anche se entrambi i coniugi hanno una occupazione, gli stipendi non sono sufficienti per vivere. Tuttavia, nel loro sguardo emerge anche una luce di speranza e di gioia, perché essi sanno che non sono soli, che la Chiesa non si è scordata di loro, che Essa è al loro fianco.

    Una famiglia giovane rappresenta il futuro della società. La famiglia fondata sui valori cristiani è l’avvenire della Chiesa. Noi la vogliamo sostenere sia sul piano spirituale che materiale, all’interno del nostro Paese, anche se sta attraversando momenti di difficoltà. Noi vogliamo incoraggiarla e accompagnarla nella sua missione per il Paese e per la Chiesa stessa.

    Questo progetto per le giovani coppie è nato dalla realtà attuale della famiglia ad Aleppo, e dei suoi bisogni. Circa 740 coppie di tutti i riti, che hanno ricevuto il sacramento del matrimonio dopo il 2012, sono già inserite all’interno di questo programma, ma la lista non è ancora del tutto completata. Dopo circa tre mesi questo progetto è stato allargato per inglobare anche le coppie che hanno convolato a nozze dopo il 2010. In questi tre mesi, tutte le giovani famiglie hanno ricevuto: un pacco alimentare; aiuti per quanto concerne la fornitura di energia elettrica; un sostegno per il fabbisogno medico, in special modo in tema di maternità per le donne incinte.

    Questo progetto ecumenico ha ricevuto la benedizione di tutti i responsabili delle comunità cristiane, cattoliche e ortodosse. La comunità della Chiesa latina, servita dai Frati francescani minori, si è assunta questa iniziativa di responsabilità per l’avvenire dei cristiani ad Aleppo e non solo per quelli di rito latino, senza peraltro dimenticare di aiutare anche i fratelli e le famiglie musulmane che versano in difficoltà.

    Fino ad ora non abbiamo potuto beneficiare di una fonte economica tale da coprire per intero questo progetto, ma il Signore ci ha sempre insegnato a fare il primo passo, che poi interviene Lui mediante la Provvidenza.

    Queste giovani famiglie che vivono in tempo di guerra sono una componente fragile della società, sui cui incombono molteplici minacce di crisi. Esse hanno bisogno di essere protette e accompagnate a livello spirituale e materiale. La nostra iniziativa è una risposta pratica, un tentativo di accompagnare la famiglia, soprattutto le giovani famiglie di Aleppo. Ed è una modalità di accompagnamento che, per via della guerra, è diminuita in modo considerevole negli ultimi anni. Molto più che un mero “accompagnamento materiale”, dentro questo progetto vi è anche il tentativo di promuovere degli incontri di “formazione permanente” per queste famiglie, nel contesto di incontri mensili di formazione post-matrimoniale.

    Questa attività, o meglio, questo modo di vivere la comunione, attraverso l’aiuto spirituale e materiale, non è certo un qualcosa di nuovo all’interno della Chiesa. Si tratta di una applicazione pratica del modello proposto dalla prima comunità cristiana, come essa viene presentata da San Luca all’interno degli Atti degli Apostoli. Una comunità che si nutre sia della Parola, dei sacramenti, della preghiera, così come della carità quotidiana nella sua applicazione pratica.

    Il più grande incoraggiamento che abbiamo ricevuto sinora per questo progetto è stato quello di papa Francesco e della Curia romana. Durante il ritiro spirituale per la Quaresima, il pontefice e i cardinali hanno ascoltato dei brani tratti dal mio libro “Un istante prima dell’alba”. Il Santo Padre ha confessato al padre predicatore che è stato difficile per loro ingoiare i bocconi di cibo, dopo aver ascoltato e appreso in quali condizioni vivono gli abitanti di Aleppo. Egli ha per questo inviato, a nome suo e dei partecipanti al ritiro spirituale, una donazione di 100mila euro alla nostra parrocchia, che presta servizio umanitario a tutta la città di Aleppo, senza distinzioni. Dopo aver ricevuto questa notizia, ho subito pensato a questo progetto dedicato alle giovani coppie.

    Tutti noi siamo molto riconoscenti nei confronti del Santo Padre per questo gesto di tenerezza paterna e, insieme a lui, vogliamo ringraziare tutti i membri della Curia che hanno partecipato a questa donazione. Aleppo, così come tutta la Siria, è come una barca nel bel mezzo di una tempesta fortissima.

    E in questa tempesta, noi cerchiamo con questo progetto di proteggere le giovani coppie, le quali rappresentano il nostro avvenire futuro.

    Parrocchia Latina di San Francesco ad Aleppo, Siria:
    Facebook:
    Latin Parish: https://www.facebook.com/latinparish.aleppo/
    Children in prayer for peace: https://www.facebook.com/st.francis.parish.aleppo/
    Twitter:
    Latin Parish Aleppo @LatinParish 
    Conto corrente bancario per le donazioni (in Euro):
    Causale: Per i poveri/For the poor
    BANCA POPOLARE ETICA SCPA
    FILIALE DI MILANO
    IBAN: IT74E05018 01600 000000242411

    * Sacerdote francescano, guardiano e parroco della parrocchia latina di Aleppo

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/03/2016 11:44:00 SIRIA
    Parroco di Aleppo: La Pasqua è pace e misericordia per una comunità ferita dalla guerra

    Ad AsiaNews p. Ibrahim racconta una comunità partecipe che abbellisce le chiese “con fiori e addobbi”. La visita ai malati e alle famiglie “spezzate” dal conflitto. La fragile tregua fonte di “nuova speranza”. Dopo anni il lunedì di Pasqua prevista una gita per le classi del catechismo. Per il sacerdote la guerra “ha fatto tornare tante famiglie alla Chiesa”. 



    31/03/2016 10:42:00 SIRIA
    Caritas Siria: dopo le violenze della guerra, a Damasco una Pasqua di pace e risurrezione

    In una lettera ad AsiaNews la responsabile comunicazione Caritas racconta le giornate di festa, fonte di “speranza”. Gli occhi dei fedeli “colmi di gioia”, dalla barbarie del conflitto l’insegnamento sul “vero significato della resurrezione”. Per i cristiani la Siria “è molto più di una casa”, essa rappresenta “la nostra identità. La Siria è in noi e noi siamo la Siria”.



    23/12/2016 10:07:00 SIRIA
    Il Natale di pace dei bambini di Aleppo, in preghiera per Siria e il mondo (VIDEO)

    Ieri l’esercito siriano ha assunto il pieno controllo della città. L’ultimo gruppo ribelle ha abbandonato l’area. P. Ibrahim. “Tutte le chiese e tutte le moschee hanno festeggiato”. È un “sogno” che “si è realizzato”. La gente è “in festa” e questo è “il regalo più bello che abbiamo mai immaginato”. In un video gli auguri di Natale di bambini della parrocchia latina.

     



    21/09/2013 SIRIA
    Francescani in prima linea per assistere cristiani e musulmani, vittime della guerra
    P. Halim, ex provinciale della Custodia di Terra Santa, racconta ad AsiaNews la situazione dei cristiani siriani, sempre più in pericolo e perseguitati. I villaggi in mano ai ribelli sono interdetti a non islamici. Gli 11 francescani rimasti in Siria soffrono insieme alla popolazione e offrono sostegno materiale e spirituale senza distinzione di fede.

    04/10/2016 12:51:00 SIRIA
    Francescani: in Siria “zone di sicurezza” Onu. Vicario Aleppo: dai bambini un milione di firme per la pace

    In un messaggio congiunto il ministro generale dei Francescani e il Custode di Terra Santa rilanciano l’appello del papa. Contro le armi e le violazioni ai diritti umani nel Paese. Come San Francesco, oggi in Siria serve un “profeta di pace”. Mons. Georges Abou Khazen: situazione drammatica, bombardamenti continui. Ad Aleppo 700 bambini cristiani e musulmani si incontrano per parlare di pace.

     





    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®