27 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/03/2009, 00.00

    CINA - SUDAN

    La Cina chiede all’Onu di sospendere il mandato di arresto contro Omar al-Bashir



    Pechino esprime il timore che questo “possa peggiorare la situazione in Darfur”. Ma in anni non risulta essersi attivata per impedire il genocidio in atto, preferendo fare ottimi affari economici con Khartoum.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – La Cina ha chiesto oggi al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di sospendere l’ordine di arresto emesso ieri dalla Corte internazionale dell’Aja contro il presidente sudanese Omar Hassan al-Bashir per crimini di guerra e contro l’umanità. Il portavoce del ministro cinese degli Esteri Qin Gang ha detto che “la Cina si oppone a qualsiasi azione che possa vanificare gli sforzi per la pace in Darfur e Sudan” e ha espresso “rammarico e preoccupazione che possa peggiorare la situazione in Darfur”.

    Secondo l’Onu dal 2003 nel Darfur ci sono stati circa 300mila morti e 2,7 milioni di profughi, soprattutto civili. Il presidente al-Bashir è accusato di favorire il genocidio della popolazione. Khartoum parla di soli 10mila morti e ha sempre negato coinvolgimenti del governo e dell’esercito nei massacri e nelle violenze contro civili. Mahjoub Fadul, portavoce del presidente, ha subito parlato di “decisione priva di valore” che non sarà applicata.

    Reazioni favorevoli del Segretario di Stato Usa Hillary Clinton, mentre la Cina, l’Unione Africana e la Lega Araba hanno espresso il timore che questa decisione possa destabilizzare la regione e peggiorare il conflitto.

    Pechino è il maggior partner commerciale del Sudan (nella foto: al-Bashir a Pechino con il presidente cinese Hu Jintao), dal quale compra grandi quantità di petrolio e materie prime, ed è molto criticata perché non usa la sua influenza economica sul governo per ottenere la fine della guerra civile, mentre trae vantaggio dall’embargo deciso da molti Paesi per il genocidio. Quale membro permanente del Consiglio di sicurezza Onu, la Cina ha più volte fatto uso del diritto di veto per impedire sanzioni contro il Sudan, affermando di essere contraria a ingerenze in questioni interne di altri Stati. Insieme alla Russia, che pure ha sostenuto Khartoum in sede Onu, ha violato l’embargo stabilito dalle Nazioni Unite e venduto armi leggere al Paese, che sono state usate anche nel Darfur, e ne addestra i piloti per guidare i jet cinesi Fantan A5.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/07/2008 CINA - SUDAN
    Foto satellitari e testimoni dicono che Pechino vende armi al Sudan, nonostante l'embargo
    Un’indagine della Bbc fornisce, per la prima volta, prove di jet e armi pesanti cinesi utilizzati contro i civili, venduti nonostante l’embargo. Pechino non risponde, mentre l’Onu chiede di esaminare le prove.

    29/01/2007 CINA
    Inizia domani un difficile viaggio di Hu Jintao in Africa
    Per anni la Cina ha accaparrato materie prime presentandosi come grande amico dell’Africa. Ora le crescenti accuse di “colonialismo economico” la costringono a cercare un nuovo ruolo. In Sudan cercherà una soluzione per il genocidio del Darfur. I Paesi africani, trascurati dall’Occidente, hanno bisogno dell’aiuto esterno.

    28/05/2007 CINA - SUDAN
    “Un ruolo più costruttivo” per Pechino contro il massacro del Darfur
    L'inviato speciale cinese in Sudan non ha ottenuto risultati immediati, ma la Cina si è impegnata a intervenire per fermare il genocidio del Darfur. Pechino ha sempre dato sostegno a Khartoum, dove ottiene petrolio; ora vuole evitare che, per protesta, le Olimpiadi del 2008 siano boicottate o siano l’occasione per rimproverarle complicità.

    31/01/2007 CINA - CAMERUN
    Hu è oggi in Camerun per concludere i “soliti” accordi commerciali
    La Cina appare seguire un consolidato copione, con i suoi leader che vanno in Africa per siglare accordi già decisi. I media mondiali parlano soprattutto della visita in Sudan e attendono novità per il genocidio nel Darfur. Ma è importante seguire ogni tappa, per vedere la politica di Pechino.

    01/02/2007 CINA - AFRICA
    Grande attesa per la visita di Hu in Sudan, ma poche illusioni
    Oggi Hu è in Liberia. In Sudan si attende uno sviluppo positivo per il genocidio del Darfur, senza dimenticare che la Cina compra petrolio e vende armi a Khartoum, favorita dal bando dell’Occidente.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®