24 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/01/2006, 00.00

    CINA - ARABIA SAUDITA

    La Cina comprerà più petrolio dall'Arabia Saudita



    Firmati importanti accordi di cooperazione durante la visita a Pechino di re Abdullah. L'Arabia Saudita, grande fornitore degli Stati Uniti, vuole rendere la sua economia meno dipendente da Washington e desidera rapporti più stretti con Pechino.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Cina e Arabia Saudita hanno firmato ieri, durante la visita a Pechino di re Abdullah, un accordo di "cooperazione energetica", grazie al quale Pechino riceverà petrolio e gas naturale e minerali.

    "La Cina - ha dichiarato il principe Saud al-Faysal bin Abdul Aziz al-Saud, ministro saudita degli Esteri - è uno dei maggiori acquirenti di petrolio e il petrolio dell'Arabia Saudita è una delle principali fonti di energia per la Cina". L'accordo prevede investimenti cinesi nel settore, con modalità da concordare e con l'intervento di compagnie petrolifere dei 2 Paesi.

    La Cina è il 2° consumatore mondiale di petrolio e cerca in tutto il mondo nuove fonti energetiche, necessarie per la sua crescita economica. L'arabia Saudita, che ha i maggiori giacimenti mondiali di petrolio ed è il principale fornitore nel globo, vuole diminuire la dipendenza della sua economia dalle grandi forniture che effettua agli Stati Uniti, 1° consumatore al mondo.

    Sono stati sottoscritti altri 4 accordi, in materia di cooperazione economica, commerciale e tecnica e per reciproche concessioni in materia di imposte, nonché per un prestito da parte della Saudi Arabian Development Bank per lo sviluppo urbanistico dell'occidentale città di Aksu.

    Gli scambi commerciali tra i 2 Paesi sono molto cresciuti negli ultimi anni: nei primi 11 mesi del 2005 hanno raggiunto i 14,5 miliardi di dollari Usa, con un aumento del 59% rispetto al 2004. "Una crescita stupefacente" - commenta Kong Quan, portavoce del ministro cinese degli Esteri - superiore al generale aumento degli scambi commerciali di Pechino nello stesso periodo, pari al 23%. Nei primi 11 mesi del 2005 la Cina ha importato 20,01 milioni di tonnellate di petrolio greggio dall'Arabia Saudita, circa 450 mila barili al giorno, pari al 14% dell'importazione cinese di petrolio, di cui l'Arabia Saudita è il maggior fornitore.

    E' la 1° visita in Cina di un regnante dello Stato, dalla ripresa di rapporti diplomatici nel 1990, ed è anche il 1° viaggio ufficiale all'estero del sovrano saudita dopo la sua ascesa al trono. "Questo - ha commentato il presidente Hu Jintao, dopo l'incontro di ieri - apre un nuovo capitolo di amichevole cooperazione tra Cina e Arabia Saudita nel nuovo secolo". Anche il re - definito da Hu "un rispettato e familiare vecchio amico" - ha espresso "il vivo desiderio di più stretti rapporti".

    Oggi re Abdullah incontra il premier Wen Jiabao e Wu Bangguo, presidente del Congresso nazionale del popolo. (PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/01/2017 13:05:00 STATI UNITI - A. SAUDITA - IRAN
    Trump e re Salman favorevoli a un applicazione “rigorosa” dell’accordo nucleare iraniano

    Il presidente Usa e il monarca saudita hanno discusso ieri della questione in una conversazione telefonica. L’obiettivo è “fronteggiare” le attività “destabilizzanti” di Teheran nella regione. In campagna elettorale Trump aveva minacciato di stralciare l’accordo. I due leader hanno parlato anche di terrorismo islamico e zone sicure in Yemen e Siria. 

     



    06/10/2009 ARABIA SAUDITA
    Sauditi: Non è vero che vogliamo abbandonare il dollaro
    Leggera perdita della moneta americana dopo la pubblicazione di una notizia, secondo cui i Paesi del Golfo e i loro maggiori clienti (fra cui Cina e Brasile), vogliono scambiare il petrolio senza più usare il dollaro come moneta di riferimento.

    10/06/2008 ARABIA SAUDITA
    L’Arabia Saudita convoca un incontro di produttori e consumatori di petrolio
    Riyadh vuole discutere le cause degli aumenti di prezzo, che ritiene “ingiustificati”. Assicura che aumenterà la produzione per soddisfare ogni richiesta. Le reciproche accuse per gli aumenti di prezzo e la crescente crisi nei Paesi asiatici in via di sviluppo.

    19/06/2008 CINA - STATI UNITI
    Pechino e Washington soddisfatti di “fare affari” e “rinviare” le decisioni
    I due Paesi vogliono concordare un trattato bilaterale sul commercio e sviluppare energie alternative e rispettose dell’ambiente. Elogi reciproci e soddisfazione per la rivalutazione dello yuan. Intanto sono stati conclusi affari per 13,8 miliardi e Pechino annuncia la presenza di Bush alle Olimpiadi.

    17/03/2017 08:40:00 CINA- A. SAUDITA
    Contratti per 65 miliardi di dollari fra Pechino e Riyadh

    Firmati 14 contratti su energia, educazione, scienza spaziale, finanza. Da quest’anno l’Araba saudita è tornata ad essere il primo fornitore di petrolio per la Cina. Riyadh all’interno del progetto “One belt one road”. I timori verso l’Iran e la Siria.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®