23 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/05/2006
cina
La Rivoluzione Culturale (Scheda cronologica)

I momenti del Grande Caos, cominciato il 16 maggio 1966, con l'annuncio della  Grande Rivoluzione Culturale proletaria, e finito il 6 ottobre 1976, con l'arresto della Banda dei Quattro.



16 maggio 1966 – Il Partito comunista cinese (Pcc) diffonde l'annuncio dell'inizio della Grande Rivoluzione Culturale proletaria.

25 maggio – Un Dazebao (manifesto a grossi caratteri), appeso all'università di Pechino (Beida), denuncia i dirigenti della scuola. Subito si diffonde in altre università e scuole secondarie. Le Guardie Rosse abbandonano le lezioni per unirsi alla rivoluzione e "combattere fino alla morte per proteggere il presidente Mao".

1 agosto – All'11mo Plenum dell'ottavo Congresso del Pcc, Mao Zedong lancia il suo sostegno esplicito alle Guardie Rosse.

5 agosto – Mao pubblica un Dazebao dal titolo "Bombardate i quartier generali": un chiaro attacco al presidente Liu Shaoqi.

8 agosto – Il Plenum termina con un documento sulla rivoluzione, stabilendo alcune linee guida.

Agosto - novembre – Mao accoglie in piazza Tiananmen, in diversi momenti, oltre 11 milioni di Guardie Rosse.

Agosto – La Rivoluzione Culturale condanna ogni forma di religione e proibisce ogni manifestazione esterna della fede: chiusura e distruzione di chiese e templi ancora aperti; credenti imprigionati.

Gennaio 1967 – Guardie Rosse e operai prendono il potere a Shanghai; rivoluzione (e scontri) nell'esercito.

18 luglio – Liu Shaoqi e sua moglie Wang Guangmei sono denunciati pubblicamente. Alcune settimane dopo Liu viene  destituito e il potere passa a Lin Biao e alla moglie di Mao, Jiang Qing. Intanto insurrezioni e scontri scoppiano nelle grandi città

Agosto – L'ottavo Comitato centrale del Pcc approva la Rivoluzione Culturale.

Ottobre 1968 – Liu è espulso dal Pcc.

Dicembre – Decine di migliaia di quadri vengono purgati e inviati nelle campagne o nei lager per rieducazione.

Estate 1969 – Il Pcc ratifica l'espulsione di Liu, bollandolo come un "rinnegato, traditore, rognoso".

12 novembre – Liu muore a Kaifang (Henan).

13 settembre 1971 – Lin Biao, designato successore di Mao, muore in un incidente aereo in Mongolia.

Aprile 1973 – Deng Xiaoping viene riabilitato e diviene vice-primo ministro.

8 gennaio 1976 – Zhu Enlai muore.

Aprile – Hua Guofeng prende il posto di Zhu come primo ministro.

5 aprile 1976 – Circa 2 milioni di persone manifestano in piazza Tiananmen contro la Banda dei Quattro.

9 settembre 1976 – Muore Mao Zedong.

6 ottobre – Hua ordina l'arresto della Banda dei Quattro, ponendo fine alla Rivoluzione Culturale.

Giugno 1981 – Il Pcc adotta una risoluzione in cui si afferma che Mao ha la "maggiore responsabilità" per la Rivoluzione Culturale, che ha portato "la più aspra involuzione e le più pesanti perdite per il partito e per il popolo dalla fondazione dela Repubblica popolare cinese".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/05/2006 cina
Il grande silenzio sulla Rivoluzione Culturale
di Bernardo Cervellera
10/05/2005 Cina
Cina: è morto Zhang Chunqiao, membro della Banda dei 4
07/10/2006 CINA
Celebrato nel silenzio il 30° anniversario della caduta della Banda dei Quattro
19/09/2011 CINA
Con le "sparizioni forzate" il Partito comunista cinese diviene una banda di criminali comuni
di Wei Jingsheng
05/04/2012 CINA
Il revival maoista di Bo Xilai “era peggiore della Rivoluzione culturale”

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate