30 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/05/2006
cina
La Rivoluzione Culturale (Scheda cronologica)

I momenti del Grande Caos, cominciato il 16 maggio 1966, con l'annuncio della  Grande Rivoluzione Culturale proletaria, e finito il 6 ottobre 1976, con l'arresto della Banda dei Quattro.



16 maggio 1966 – Il Partito comunista cinese (Pcc) diffonde l'annuncio dell'inizio della Grande Rivoluzione Culturale proletaria.

25 maggio – Un Dazebao (manifesto a grossi caratteri), appeso all'università di Pechino (Beida), denuncia i dirigenti della scuola. Subito si diffonde in altre università e scuole secondarie. Le Guardie Rosse abbandonano le lezioni per unirsi alla rivoluzione e "combattere fino alla morte per proteggere il presidente Mao".

1 agosto – All'11mo Plenum dell'ottavo Congresso del Pcc, Mao Zedong lancia il suo sostegno esplicito alle Guardie Rosse.

5 agosto – Mao pubblica un Dazebao dal titolo "Bombardate i quartier generali": un chiaro attacco al presidente Liu Shaoqi.

8 agosto – Il Plenum termina con un documento sulla rivoluzione, stabilendo alcune linee guida.

Agosto - novembre – Mao accoglie in piazza Tiananmen, in diversi momenti, oltre 11 milioni di Guardie Rosse.

Agosto – La Rivoluzione Culturale condanna ogni forma di religione e proibisce ogni manifestazione esterna della fede: chiusura e distruzione di chiese e templi ancora aperti; credenti imprigionati.

Gennaio 1967 – Guardie Rosse e operai prendono il potere a Shanghai; rivoluzione (e scontri) nell'esercito.

18 luglio – Liu Shaoqi e sua moglie Wang Guangmei sono denunciati pubblicamente. Alcune settimane dopo Liu viene  destituito e il potere passa a Lin Biao e alla moglie di Mao, Jiang Qing. Intanto insurrezioni e scontri scoppiano nelle grandi città

Agosto – L'ottavo Comitato centrale del Pcc approva la Rivoluzione Culturale.

Ottobre 1968 – Liu è espulso dal Pcc.

Dicembre – Decine di migliaia di quadri vengono purgati e inviati nelle campagne o nei lager per rieducazione.

Estate 1969 – Il Pcc ratifica l'espulsione di Liu, bollandolo come un "rinnegato, traditore, rognoso".

12 novembre – Liu muore a Kaifang (Henan).

13 settembre 1971 – Lin Biao, designato successore di Mao, muore in un incidente aereo in Mongolia.

Aprile 1973 – Deng Xiaoping viene riabilitato e diviene vice-primo ministro.

8 gennaio 1976 – Zhu Enlai muore.

Aprile – Hua Guofeng prende il posto di Zhu come primo ministro.

5 aprile 1976 – Circa 2 milioni di persone manifestano in piazza Tiananmen contro la Banda dei Quattro.

9 settembre 1976 – Muore Mao Zedong.

6 ottobre – Hua ordina l'arresto della Banda dei Quattro, ponendo fine alla Rivoluzione Culturale.

Giugno 1981 – Il Pcc adotta una risoluzione in cui si afferma che Mao ha la "maggiore responsabilità" per la Rivoluzione Culturale, che ha portato "la più aspra involuzione e le più pesanti perdite per il partito e per il popolo dalla fondazione dela Repubblica popolare cinese".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/05/2006 cina
Il grande silenzio sulla Rivoluzione Culturale
di Bernardo Cervellera
10/05/2005 Cina
Cina: è morto Zhang Chunqiao, membro della Banda dei 4
07/10/2006 CINA
Celebrato nel silenzio il 30° anniversario della caduta della Banda dei Quattro
19/09/2011 CINA
Con le "sparizioni forzate" il Partito comunista cinese diviene una banda di criminali comuni
di Wei Jingsheng
22/01/2015 CINA
Shanxi, lotta alla "superstizione": è caccia alle streghe e al fengshui

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate