07 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/07/2005, 00.00

    vaticano-israele

    La Santa Sede: infondate e pretestuose le accuse israeliane a Giovanni Paolo II



    Città del  Vaticano (AsiaNews) – Durissima replica del Vaticano alle accuse rivolte da Nimrod Barkan, funzionario del Ministero degli esteri israeliano, che di fronte alla "insostenibilità della pretestuosa accusa rivolta al Papa Benedetto XVI per non aver menzionato anche l'attacco terroristico di Netanya del 12 luglio dopo la preghiera dell'Angelus di domenica 24 luglio" ha "inventato" interventi del suo governo per protestare per i "silenzi" di Giovanni Paolo II, cioè del Papa che per la prima volta nella storia è entrato in una sinagoga, ha chiamato gli ebrei "fratelli maggiori", ha voluto rapporti diplomatici con Israele ed ha impegnato la Chiesa contro ogni forma di razzismo, in primo luogo l'antisemitismo.

    Sono tutti fatti che il Vaticano ricorda con una nota diffusa insieme alla dichiarazione della Sala stampa vaticana.

    La dichiarazione del Vaticano fa espresso riferimento alle affermazioni che "il Sig. Barkan, funzionario del Ministero degli Esteri d'Israele, ha rilasciato al Jerusalem Post del 26 luglio".

    "L'insostenibilità della pretestuosa accusa rivolta al Papa Benedetto XVI per non aver menzionato anche l'attacco terroristico di Netanya del 12 luglio dopo la preghiera dell'Angelus di domenica 24 luglio, non può non essere apparsa evidente a chi l'ha sollevata. Forse anche per questo si è cercato di sostenerla, spostando l'attenzione su asseriti silenzi di Giovanni Paolo II circa gli attentati degli anni passati contro Israele, inventando anche che, al riguardo, il Governo d'Israele sarebbe in passato intervenuto ripetutamente presso la Santa Sede, e richiedendo che con il nuovo Pontificato la Santa Sede cambi atteggiamento.

    2.       In merito si fa presente:

    a.       Gli interventi di Giovanni Paolo II contro ogni forma di terrorismo e contro singoli atti di terrorismo nei confronti di Israele sono stati numerosi e pubblici, come appare dall'unita Nota.

    b.      Non sempre ad ogni attentato contro Israele è stato possibile far seguire subito una pubblica dichiarazione di condanna, e ciò per diversi motivi, tra l'altro per il fatto che gli attentati contro Israele talora erano seguiti da immediate reazioni israeliane non sempre compatibili con le norme del diritto internazionale. Sarebbe stato pertanto impossibile condannare i primi e passare sotto silenzio le seconde.

    c.       Così come il Governo israeliano comprensibilmente non si lascia dettare da altri ciò che esso deve dire, nemmeno la Santa Sede può accettare di ricevere insegnamenti e direttive da alcun'altra autorità circa l'orientamento ed i contenuti delle proprie dichiarazioni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/07/2005 vaticano-israele
    Santa Sede: Israele, su Giovanni Paolo II non si può mistificare la storia
    "Penosa" la "dimenticanza" dei tanti interventi di papa Wojtyla contro terrorismo e antisemitismo.

    13/10/2009 VATICANO
    Papa: il 17 gennaio visiterà la sinagoga di Roma
    Benedetto XVI vi si recherà 23 anni dopo la storica visita di Giovanni Paolo II. Non sarà la prima volta dell’attuale papa in un tempio ebraico: nel 2005 a Colonia condannò l’antisemitismo e auspicò un approfondimento del dialogo tra ebrei e cristiani anche per “giungere ad un'interpretazione condivisa di questioni storiche ancora discusse”.

    31/05/2006 vaticano
    Papa: nel ricordo di Auschwitz l'umanità respinga l'odio razziale

    Benedetto XVI, all'udienza generale, ripercorre le tappe del suo viaggio in Polonia. Il motto della visita, "Rimanete saldi nella fede", sia per i cristiani impegno ad evitare che l'umanità conosca ancora orrori come quelli dei campi di sterminio, dove "Hitler fece sterminare oltre sei milioni di ebrei".



    17/01/2016 18:40:00 VATICANO-EBRAISMO
    Papa: Cattolici ed ebrei “fratelli e sorelle”, con “un legame unico e peculiare”

    Nella sua prima visita alla sinagoga di Roma, papa Francesco ricorda i frutti di 50 anni di dialogo fra cattolici ed ebrei, dopo la Nostra Aetate: “’sì alla riscoperta delle radici ebraiche del cristianesimo; ‘no’ ad ogni forma di antisemitismo”. L’invito a lavorare insieme per una “ecologia integrale” e per la giustizia e la pace, difendendo la vita “dono di Dio”. Gli interventi di Ruth Dureghello, presidente della comunità ebraica romana, Renzo Gattegna, presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane (Ucei), di Riccardo Di Segni, rabbino capo di Roma, che hanno chiesto un’alleanza contro il terrorismo. Il ricordo commosso per i sopravvissuti alla Shoah. Il discorso del papa interrotto 16 volte dagli applausi e da una ovazione.



    31/03/2006 giovanni paolo ii - vaticano
    Benedetto XVI ed il mondo intero ricordano la morte di Giovanni Paolo II

    Riti religiosi e iniziative commemorative in Vaticano e nel mondo. In Asia, a Seoul una mostra ed un film ne ricordano i viaggi in Corea, a New Delhi un incontro interreligioso, a Manila torneranno a riunirsi i giovani.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®