08 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/04/2012, 00.00

    CINA

    La sfida del dissidente cieco: “Se il Partito vuole vivere, deve combattere la corruzione”



    Chen Guangcheng sarebbe nell’ambasciata americana a Pechino. Il dissidente, noto per la sua battaglia contro gli aborti forzati, indirizza un video a Wen Jiabao in cui fa i nomi dei suoi persecutori e porta alla luce la corruzione e la violenza imperanti del Partito. Inoltre chiede giustizia per il suo Paese e salvaguardia per la sua famiglia. Nel frattempo, il regime continua ad arrestare i suoi cari.

    Pechino (AsiaNews) - Chen Guangcheng, dissidente cieco che da anni lotta contro gli aborti forzati e la corruzione, sarebbe nell'ambasciata americana a Pechino. Fonti non confermate sostengono che l'uomo sia sotto la protezione di Washington, ma il Dipartimento di Stato Usa per ora non conferma né smentisce. Secondo un altro dissidente, Hu Jia, "è una mossa perfetta. Fra meno di una settimana arriveranno in Cina Hillary Clinton, Segretario di Stato americano, e il ministro del Tesoro Geithner. Il Partito non potrà usare la violenza".

    Secondo Hu, inoltre, "la fuga di Chen è del tutto legale, dato che lui non è sottoposto ad alcun regime detentivo. Chiedere l'aiuto americano in questo periodo è molto intelligente: in vista delle elezioni presidenziali di novembre, sia i democratici che i repubblicani non vogliono fare passi falsi. E consegnare un dissidente al Partito comunista sarebbe un errore terribile. Sono fiducioso per lui".

    Tuttavia, la situazione della famiglia del dissidente non è buona. Chen Guangfu, il fratello maggiore, e suo figlio Chen Kegui sono stati arrestati. Il ragazzo è stato ferito dagli agenti. Sotto la custodia della polizia anche il cugino del dissidente, Chen Guangcun, e suo figlio Chen Yua. Guo Yushan, dissidente che ha aiutato Guangchen a fuggire, è sotto lo stretto controllo di un gruppo di agenti in borghese.

    Subito dopo la fuga, Chen Guangcheng ha registrato un video indirizzato al premier Wen Jiabao in cui chiede giustizia per sé e per l'immagine della Cina. Di seguito il testo completo del messaggio video registrato dall'attivista (traduzione a cura di AsiaNews).

    Caro premier Wen,

    È stato molto difficile per me scappare. E ora sono qui per provare che tutte quelle voci apparse online e le accuse di violenze compiute a Lin Yi contro di me sono vere. E anzi la verità è ancora più terribile di quella che è apparsa sulla Rete. Premier Wen, ora le faccio in maniera formale tre proposte.

    PUNIRE I CRIMINALI SECONDO LA LEGGE

    Come prima cosa, dal mio punto di vista, lei dovrebbe investigare sulla questione in maniera personale, inviando gruppi di inchiesta per trovare la verità attraverso delle indagini. Circa 70 o 80 dirigenti, nessuno in uniforme, ha picchiato la mia famiglia senza alcuna motivazione giuridica e ha impedito loro di avere cure mediche nonostante le ferite riportate.

    Dovrebbe aprire un'inchiesta per capire chi ha emanato questo ordine e trattare questo fatto secondo la legge, dato che quanto è stato fatto è inumano e sporca l'immagine del Partito. Hanno invaso la nostra casa. Più di una dozzina di uomini ha coperto con un tessuto la faccia di mia moglie e l'ha picchiata per diverse ore. A me hanno fatto lo stesso. Zhang Jian...noi conosciamo molte persone nella polizia della contea. He Yong, Zhang Shengsong, altri come Li Xianli, che hanno picchiato mia moglie diverse volte. Oltre a loro Li Xianqiang, Gao Xinjian e un uomo soprannominato Xue: dovrebbero essere trattati in maniera seria. Dato che sono la persona che ha subito tutto questo, rivolgo a queste persone le seguenti accuse.

    Si sono introdotti in casa mia e mi hanno picchiato. In questo periodo, per esempio, Zhang Jian - il vice capo del Partito della contea che ha il compito di mantenere in vigore la legge - ha sostenuto che potevano ignorare il diritto e i regolamenti e fare quello che volevano senza alcuna procedura legale. Hanno rubato in casa mia e hanno picchiato diverse volte la mia famiglia. Li Xianli, insieme a circa 20 uomini, mi ha imposto una detenzione illegale per molto tempo. Era il leader del primo gruppo, quello che si occupava della mia detenzione, e hanno picchiato mia moglie. Una volta ha sgambettato mia moglie, l'ha fatta cadere e l'ha picchiata. Ha picchiato anche mia madre. È un uomo crudele.

    Li Xianqiang ha ferito in maniera molto seria mia moglie il 18 dello scorso mese. Dovrebbe essere il capo dell'ufficio legale della nostra contea, e ha ferito diverse volte il braccio sinistro di mia moglie. All'ingresso del mio villaggio l'uomo che ha picchiato Bale [l'attore Christian Bale, che presentando un film in Cina ha cercato di incontrare Chen ndr] si chiama Zhang Zhenhe: si tratta di un dipendente del governo, o come dicono gli internauti un "uniforme dell'esercito". Lo scorso febbraio quest'uomo ha lanciato delle pietre contro la Cnn. Sono sicuro di non sbagliare.

    So anche che alcune guardie donne hanno picchiato degli internauti. Non sapevo che anche le donne fossero assunte in questi gruppi, ma ora so che la maggior parte di queste bande di donne sono composte dalle direttrici degli Uffici per le donne di diversi villaggi, e che molte sono parenti del capo villaggio. Gao Xinjian e altre persone sconosciute, che però so essere agenti di polizia anche se non indossavano uniformi e non agivano secondo le procedure legali, continuavano a dire: "Ora non siamo poliziotti, siamo stati assegnati a questo caso e lavoriamo per il Partito". Io non ci credo: al massimo, lavoravano per un ufficio illegale all'interno del Partito.

    Secondo diverse fonti, oltre agli 8 rappresentanti di ogni villaggio in ogni gruppo, sono stati aggiunti anche almeno altri 20 uomini. C'erano 3 gruppi, quindi parliamo di un totale di 70-80 persone. Quando lo scorso anno un gruppo di internauti ha iniziato a occuparsi di me, queste persone hanno radunato centinaia di persone: hanno bloccato del tutto il nostro villaggio. Di solito consideravano la nostra casa il centro di tutto. Quindi hanno ci imposto la presenza di un gruppo all'interno e di un altro all'esterno della casa. Il gruppo esterno aveva degli uomini ai 4 angoli dell'edificio e nelle strade vicine. Quindi, hanno stanziato delle persone in tutte le strade che da casa mia portano al confine del villaggio. In alcune situazioni hanno messo degli agenti persino nei villaggi vicino.

    Sul ponte di uno di questi villaggi stavano seduti 7 o 8 uomini. Abusando del proprio potere hanno ordinato ai dirigenti di un altro villaggio di unirsi a loro. Hanno requisito delle macchine per "controlli", arrivando a più di 5 chilometri dal mio villaggio. Hanno dislocato 7 o 8 file di controllo e hanno numerato ogni strada del villaggio. Sono arrivati a 28 strade, in modo da poter compiere meglio il proprio lavoro. Questo controllo è stato imposto a tutto il villaggio: hanno messo poliziotti dappertutto e hanno iniziato a considerare chiunque un nemico. Per quanto ne so io, nell'ultima operazione sono stati coinvolti fra i 90 e i 100 fra agenti di polizia, polizia armata e dirigenti del governo della contea e della municipalità. Mi hanno perseguitato in maniera illegale, in questo modo, per diverse volte. Ora chiedo che venga aperta un'inchiesta su quanto è accaduto.

    SALVAGUARDARE LA MIA FAMIGLIA SECONDO LA LEGGE

    Anche se sono libero, ho ancora molte preoccupazioni. Perché la mia famiglia, mia madre, mia moglie e mio figlio sono ancora nelle loro mani. Sono stati perseguitati per molto tempo e potrebbero soffrire ancora di più a causa della vendetta delle autorità, che potrebbe essere ancora più violenta del solito. L'osso orbitale di mia moglie è anche rotto, e voi potete vederlo. Le hanno massacrato a casa l'addome, con la faccia coperta. Ora si possono vedere delle protuberanze evidenti sulla sua quinta vertebra lombare e sull'osso sacro. La sua decima e dodicesima costola ha subito danni simili. E forse ci sono anche cose nascoste: dopo che l'hanno picchiata, infatti, non le hanno permesso di vedere un medico.

    Nel giorno del suo compleanno la mia vecchia madre è stata spinta via per un braccio e buttata a terra da un membro del Partito. Ha picchiato con violenza la testa sulla porta della stanza orientale, ed è scoppiata in lacrime. Ha detto ai suoi assalitori che erano stati in grado di buttarla a terra soltanto perché sono giovani. E loro senza vergogna hanno risposto: "Siamo giovani e possiamo picchiarti, e tu semplicemente non puoi sconfiggerci". Come è vergognoso, come è inumano, come è orrendo tutto questo!

    Passiamo a mio figlio, che non ha ancora 10 anni. Viene seguito da 3 uomini tutto il giorno, e ogni pagina dei suoi libri viene controllata. Gli viene proibito di muoversi a scuola e, quando ritorna a casa, è confinato all'interno: non può avvicinarsi al cancello. Lo scorso 29 luglio le autorità ci hanno tagliato l'elettricità, che non è tornata fino al 14 dicembre. Dallo scorso febbraio la polizia ha proibito a mia madre di comprare verdure all'esterno, e questo ci ha creato una difficoltà estrema.

    Sono molto ansioso per questa situazione e chiedo agli internauti di porre molta attenzione alla sicurezza della mia famiglia. Chiedo inoltre al governo cinese di assicurare il loro benessere, per la salvaguardia della dignità della legge e del bene comune. Altrimenti non c'è nessuna garanzia per la loro salvezza. Se qualcosa dovesse andare storto con la mia famiglia, continuerò a lottare.

    PUNIRE LA CORRUZIONE SECONDO LA LEGGE

    Qualcuno potrebbe domandarsi perché questa situazione non si è risolta, dato che dura da tanti anni. Ora voglio dire a voi che i politici locali e diversi dirigenti esecutivi non vogliono risolvere questa questione. I politici locali hanno paura che i loro crimini vengano alla luce, quindi non vogliono chiarezza. I dirigenti esecutivi vivono immersi nella corruzione.

    Lo scorso agosto, quando hanno iniziato a perseguitarmi con uno stile simile a quello della Rivoluzione Culturale, mi dicevano: "Nel video sostieni che abbiamo speso 30 milioni, ma quei numeri erano relativi al 2008. Abbiamo speso molto di più di quello, oggi. Non lo sai? E non contiamo i soldi usati per corrompere i dirigenti a Pechino. Se sei in grado, denuncia anche questo". Qualcun altro diceva: "Quanti pochi soldi abbiamo! La maggior parte è già stata presa da altri".

    Per loro è un buon modo per diventare ricchi. Per quanto ne so io, ogni abitante del villaggio spende 100 per assumere delle persone nei gruppi di lavoro. Ma i leader di questi team pagano ogni persona 90, e tengono 10 per loro. La paga giornaliera dalle mie parti è circa 50 o 60 yuan, e c'è poco da lavorare; inoltre, i pasti sono gratuiti. Tutti vogliono lavorare con il governo. Ogni capogruppo assume circa 20 persone e intasca 200 yuan al giorno. Che corruzione.

    Inoltre ho saputo che durante la mia detenzione le guardie addette al controllo di mia moglie hanno piantato delle verdure nella terra della mia famiglia e poi se le sono mangiate: quelle rimaste le hanno vendute e si sono intascati i soldi. Tutti lo sanno, ma nessuno ha fatto nulla. Ho saputo che il "Fondo per il mantenimento della stabilità" è di milioni di yuan, e va dai villaggi alle municipalità: i dirigenti locali dicono che non ne hanno preso molto e che la maggior parte dei fondi è stata presa da altri. È evidente come ci sia corruzione e abuso di denaro e di potere.

    Io voglio che il premier Wen lanci un'indagine e punisca i colpevoli. I soldi delle nostre tasse non dovrebbero essere usati per abusare delle persone e rovinare l'immagine del nostro Partito. Ci sono persone che fanno cose che nessun altro può fare, e dicono di fare tutto in nome del Partito.

    Premier Wen, moltissime persone non comprendono queste attività illegali. Non sanno se si tratta di abusi dei dirigenti locali o se questi hanno il permesso del governo centrale. Io credo che lei debba dare molto presto una risposta chiara al popolo. Se si fa un'indagine seria e si dice la verità alla popolazione, ci saranno benefici ovvi. Ma se continuate a negare questa situazione, allora la gente cosa penserà?

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/04/2012 CINA
    Appello di Chen Guangcheng a Wen Jiabao: Proteggete la mia famiglia contro le vendette
    L'attivista cieco è "sano e salvo" a Pechino, forse nell'ambasciata degli Stati Uniti. In un video diffuso oggi denuncia i capi locali e i poliziotti che hanno torturato lui e la sua famiglia. Al premier chiede sicurezza e protezione per i familiari.

    27/04/2012 CINA
    Chen Guangcheng, l'attivista cieco, fugge dalla prigionia; suo nipote arrestato. Rischi di esecuzione sommaria
    Chen ha denunciato per anni aborti e sterilizzazioni forzate e gli espropri contro i contadini. C'è il rischio di vendette e giustizia sommaria della polizia contro lui e la sua famiglia. Il video della sua prigionia forzata.

    11/02/2011 CINA
    La polizia picchia Chen Guangcheng e la moglie a causa del video sul suo arresto
    Il pestaggio non è stato “mortale”, ma i poliziotti hanno proibito alla coppia di andare a curarsi all’ospedale. L’attivista vive di fatto agli arresti domiciliari pur avendo scontato una condanna di quattro anni. Chen aveva denunciato aborti e sterilizzazioni forzate nello Shandong.

    03/05/2012 CINA - USA
    Chen Guangcheng cerca esilio negli Stati Uniti, teme vendetta per la sua famiglia
    L'attivista cieco ha "cambiato idea" dopo aver incontrato la moglie e i figli che lo hanno messo al corrente delle minacce e violenze subite in questi giorni. In ospedale, a differenza di quanto promesso, non vi sono rappresentanti Usa: Chen è nelle mani della polizia cinese. Gli Usa hanno "abbandonato" Chen Guangcheng. Non è vero che l'attivista abbia lasciato l'ambasciata "di sua spontanea volontà".

    01/05/2012 CINA - USA
    Forse l'esilio per Chen Guangcheng per togliere dall'imbarazzo Usa e Cina
    Gli Stati Uniti non vogliono rischiare i loro interessi economici; la Cina non vuole perdere la faccia, ma occorre garantire sicurezza per Chen e la sua famiglia. Ma l'attivista non vorrebbe essere estradato.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®