29 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 31/12/2009, 00.00

    NEPAL - CINA

    La svolta nepalese: il Tibet fa parte della Cina, basta proteste

    Kalpit Parajuli

    Il nuovo primo ministro di Kathmandu arriva a Pechino e garantisce al presidente cinese Hu Jintao che non saranno permesse attività secessioniste sul territorio del Nepal. In cambio, accordi commerciali e di sviluppo.
    Pechino (AsiaNews) – Il Nepal “farà di tutto per fermare le attività anti-cinesi sul proprio territorio, e riconosce il Tibet e Taiwan come parti inalienabili del territorio governato da Pechino. Per questo, non sarà permesso a nessuno di usare il territorio nepalese per danneggiare gli interessi cinesi”. Lo ha detto ieri il primo ministro di Kathmandu Madhav Kumar Nepal al presidente cinese Hu Jintao, nel corso della sua prima visita ufficiale a Pechino. Il premier in visita ha incontrato anche il primo ministro Wen Jiabao e il membro del Politburo Wu Bangguo.
     
    Per la delegazione nepalese era presente anche il ministro per le Risorse idriche, Prakash Sharan Mahat, che ha aggiunto: “In meno di mezz’ora di colloqui, i due leader hanno riconosciuto la grande cooperazione che si è formata fra i due Paesi sin da quando, 54 anni fa, sono nati i rapporti diplomatici bilaterali. Il presidente cinese ci ha assicurato del suo sostegno totale”. il consigliere politico Raghuji Panta ha aggiunto che Hu Jintao “ha definito il Nepal un amico molto importante per la Cina”.
     
    La visita del gruppo nepalese è durata sei giorni ed è iniziata da Lhasa, la capitale del Tibet. Arrivato a Pechino il 28 dicembre, Nepal ha incontrato Wen Jiabao. I due hanno firmato un accordo per lo scambio di studenti fra le due nazioni e diversi contratti di cooperazione economica. In un incontro separato, il ministro nepalese degli Esteri Sujata Koirala e la sua controparte cinese Yang Jiechi hanno siglato due diversi memorandum di intesa commerciale del valore di 1,5 miliardi di rupie.
     
    Nel corso degli ultimi sei mesi, la Cina ha raddoppiato il proprio sostegno economico al Nepal. Secondo i nuovi accordi, Pechino si impegna a migliorare l’esportazione dei prodotti nepalesi nel proprio territorio, e incoraggia le ditte cinesi a partecipare ai progetti di costruzione di infrastrutture nella zona montuosa. Secondo Wen Jiabao, inoltre, “la Cina rispetta e sostiene il sistema sociale e quello di sviluppo scelto da Kathmandu, e farà il possibile per assicurarne la stabilità”.
     
    La nuova posizione ufficiale del Nepal segna un duro colpo per la diaspora tibetana, che aveva trovato rifugio politico nel territorio governato da Kathmandu. L’esilio è iniziato nel 1959, quando il Dalai Lama fu costretto a scappare da Lhasa per trovare rifugio in India. Da allora, circa 20mila tibetani si sono stabiliti in Nepal, e proprio qui manifestano spesso contro la repressione cinese del Tibet. L’accordo politico fra i due Paesi mette un freno a tutto questo.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/11/2009 INDIA - TIBET - CINA
    Premier tibetano: “Sul Dalai Lama, la Cina è sempre più nervosa”
    Samdhong Rinpoche spiega ad AsiaNews che le critiche di Pechino contro il leader buddista in visita allo Stato indiano dell’Arunachal Pradesh “non vanno neanche prese sul serio”. Pechino: Il Dalai Lama è un bugiardo. Il primo ministro indiano Singh: “Il Dalai Lama è un capo religioso, non politico, ed è un ospite d’onore per l’India”.

    09/03/2009 NEPAL – CINA – TIBET
    Cina e Nepal uniti per reprimere le manifestazioni dei tibetani nepalesi
    Samdhong Rinpoche , premier tibetano in esilio, ricorda che il Nepal è una “nazione sovrana” e indipendente; esso non dive sottostare a direttive di “potenze straniere”. Il governo maoista assicura Pechino che non vi saranno dimostrazioni anti-cinesi e discute di un nuovo “trattato di pace e amicizia”.

    15/09/2016 10:14:00 TAIWAN – TIBET – CINA
    Taiwan invita il Dalai Lama e Pechino esplode: Conseguenze gravissime

    Un deputato di Taipei chiede al leader del buddismo tibetano di visitare l’isola per una serie di conferenze di carattere religioso. La Cina reagisce promettendo “disastri” sullo Stretto e avverte: “Chiunque sostenga il ‘lupo vestito da monaco’ e i suoi separatisti è un nostro nemico”.



    03/02/2005 nepal - cina
    Il potere al re, mossa pro-Cina e anti-occidente


    02/10/2012 TIBET – CINA
    Ancora condanne contro i tibetani, Dharamsala invita il popolo alla prudenza
    Il regime cinese non sembra disposto a cercare un accordo con la popolazione del Tibet e continua ad emettere durissime sentenze contro manifestanti e oppositori. Nel frattempo, la diaspora tibetana conclude il Summit sulle auto-immolazioni accusando Pechino per la situazione attuale e invita il popolo a “cercare la Via di Mezzo insegnata dal Dalai Lama”.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®