11/04/2013, 00.00
NEPAL

La tribù più povera del Nepal rinasce grazie a una scuola cattolica

di Kalpit Parajuli
Per decenni i Chepang hanno vissuto di stenti nelle foreste del distretto di Chitwan (Nepal centrale). Dal 2011 una scuola cattolica istruisce i bambini e offre opportunità di lavoro per gli adulti. Leader tribale: "La nostra gente è pronta a votare un cattolico se si candiderà alle elezioni per l'Assemblea costituente".

Kathmandu (AsiaNews) - "I cattolici hanno acceso una luce di speranza nella nostra vita". È quanto afferma ad AsiaNews Govinda Bahadur, membro dell'etnia tribale Chepang e leader della Nepal Chepang Association (Nca). "Per decenni - racconta - noi e i nostri figli abbiamo vissuto al buio, dimenticati da tutti. Per noi era impossibile mandare i nostri figli a scuola. Nel 2011 i cattolici hanno aperto un istituto per la nostra tribù e da allora la nostra esistenza è cambiata".

Fondata il 12 novembre 2011, la Navodaya School ospita centinaia di studenti. L'istituto è stato realizzato grazie al contributo di associazioni locali e straniere. Fra i donatori anche diverse associazioni italiane fra cui il Centro di Cooperazione Sviluppo Italia (CCS Italia). Oltre ad educare i bambini, la scuola sostiene le famiglie aiutandole nella ricerca del lavoro e sviluppando progetti per piccole aziende agricole.

In vista delle elezioni dell'Assemblea costituente, programmate per giugno, tutti i Chepang sono pronti a dare il loro voto a un cattolico se essi presenteranno dei candidati.  Molti partiti stanno visitando le aree più remote del Paese, cercando di accaparrarsi i voti delle minoranze etniche, per poi dimenticarsi di loro una volta eletti. Siddha Bahadur, del villaggio di Siddhi, dice che nel 2008 ha votato per i maoisti, ma "una volta saliti al potere tutto quello che avevano promesso non si è mai realizzato". Per Bhakta Bahadur Chepang di un abitato vicino a Siddhi, aggiunge che "la comunità spesso non ha cibo, vestiti adeguati, elettricità, acqua. Nessuno si è mai curato di noi in questi anni. Solo i cattolici hanno dato un aiuto alla nostra gente".     

Concentrati nel distretto di Chitwan nella regione di Madhyamanchal (Nepal centrale) i Chenpang sono uno dei 59 gruppi indigeni presenti in Nepal. La popolazione è di circa 52mila persone ed è di religion indù e buddista. Le comunità vivono in aree inaccessibili a 1200 metri di quota, lontane dai centri abitati e dalle vie di comunicazione. La loro principale fonte di sostentamento è la foresta e i suoi prodotti. Negli anni solo poche famiglie hanno abbandonato la vita nomade, trovando lavoro come braccianti agricoli. Purtroppo, a causa della morfologia del territorio e il clima della regione e i raccolti sono sufficienti solo per sei mesi. Per il resto dell'anno i Chepang si cibano di frutti spontanei, pesca e selvaggina. Spesso i bambini aiutano i genitori nella campagne e non possono andare a scuola, oltre il 70% abbandona la scuola.

 

 

 

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Una scuola cattolica per gli indigeni emarginati
14/11/2011
Dhaka, i diritti degli indigeni da iscrivere nella costituzione
10/08/2017 13:09
Nepal, politico indù convertito al cristianesimo si batte per la libertà religiosa
09/01/2014
Elezioni, cristiani nepalesi rispondono con la preghiera agli attacchi maoisti
18/11/2013
L’attacco alla moschea, segnale intimidatorio sulle prossime elezioni
31/03/2008