23/04/2018, 15.08
PAKISTAN
Invia ad un amico

Lahore, muore una cristiana sfigurata con l’acido. Aveva respinto un musulmano

di Shafique Khokhar

Asma Yaqood aveva 25 anni e lavorava come estetista. Ha respinto la proposta di matrimonio di Rizwan Gujjar, che voleva anche che si convertisse all’islam. Negli ultimi mesi, cinque aggressioni con l’acido contro le minoranze.

Sialkot (AsiaNews) – Una ragazza cristiana di 25 anni, Asma Yaqoob, è morta a Lahore dopo essere stata sfigurata con l’acido. La sua unica colpa era aver respinto le avances di un uomo musulmano di 30 anni di nome Rizwan Gujjar. La giovane, originaria di Sialkot, si è spenta ieri per le ferite riportate, dopo due settimane di agonia.

Ad AsiaNews Aila Gill, coordinatrice della Commissione nazionale Giustizia e pace, lamenta: “Le donne delle minoranze religiose subiscono una doppia discriminazione, o se preferite, vari livelli di pregiudizio. Il governo deve prendere subito coscienza di questi atti d’intolleranza nei confronti delle minoranze, che sono in aumento. Le conversioni forzate delle minoranze religiose devono essere criminalizzati e l’Acid Control and Acid Crime Prevention Bill deve essere applicato in modo da prevenire queste violenze”.

Asma lavorava come estetista da due anni ed era orgogliosa del proprio impiego. Suo fratello Nabeel, 23 anni, lavora come operaio di macchine per la stampa Panaflex. In azienda ha stretto amicizia con Rizwan, di religione musulmana. Da qualche mese quest’ultimo era diventato un frequentatore abituale della casa dei Yacoob, e aveva buoni rapporti anche con Asma, di cui a poco a poco si era invaghito. Circa tre mesi fa la svolta: Rizwan chiede in matrimonio la giovane ragazza e la sua conversione all’islam, ma essa rifiuta entrambe le richieste. Per non creare problemi al fratello, non dice nulla alla famiglia. Ma dopo quel rifiuto, il comportamento del musulmano diventa aggressivo e violento, tanto che Asma inizia ad evitarlo e ignorarlo anche quando lui viene a far visita alla famiglia.

Il 10 aprile scorso la rabbia e la frustrazione di Rizwan, accecato dall’onta di essere stato respinto, esplodono. Egli si presenta nella città di Pak Pura a casa di una futura sposa che Asma stava truccando e acconciando per le nozze. Finge di essere il fratello e fa chiamare la ragazza. La giovane cristiana, pensando di incontrare Nabeel, esce nel cortile della casa: ad attenderla trova il musulmano, che appena la vede le getta addosso dell’acido e le dà fuoco. Poi fugge via. Le grida disperate di dolore di Asma attirano i parenti della futura sposa, che la trasportano d’urgenza al più vicino ospedale. In seguito viene trasferita nel reparto per ustionati del Mayo Hospital di Lahore. I medici però non riescono a salvare la giovane, che presenta bruciature sul 90% del corpo.

La signora Gill denuncia che l’aggressione subita dalla ragazza “è il quinto episodio di questo tipo contro le minoranze del Pakistan negli ultimi mesi. Assistiamo ad un preoccupante aumento delle violenze e di incidenti d’intolleranza ed estremismo nel nostro Paese. È così strano che una donna possa dire di ‘no’ ad una proposta di matrimonio”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Karachi, 15enne cristiana convertita con la forza e data in sposa ad un musulmano
16/05/2019 08:59
La storia di Sima, sfigurata con l’acido dal padre a 10 mesi
15/11/2011
Bangladesh, arrestati cinque musulmani: volevano tagliare la gola a un pastore protestante
14/10/2015
Punjab, il governo vuole cambiare la legge sul matrimonio cristiano "per tutelare le donne"
09/03/2017 12:40
Ragazze afghane rischiano la vita per andare a scuola
15/01/2009