12/07/2018, 13.05
CINA
Invia ad un amico

Le ‘attenzioni’ del Partito comunista cinese per il buddismo tibetano mongolo

In atto tentativi di coltivare i lama anziani e sfruttare le divisioni interne per contrastare l'influenza del governo tibetano in esilio. Il Fronte Unito potrebbe tentare di applicare tattiche simili a religioni diverse dal buddismo.

Roma (AsiaNews) - Il buddismo tibetano, un ramo del quale è la religione principale della Mongolia, è divenuto oggetto di particolare attenzione da parte del Fronte unito, nel quadro della “sinicizzazione” delle religioni proclamata dal Partito comunista cinese di Xi Jinping. Che nel suo discorso programmatico sulle religioni del 2016 egli affermava con chiarezza che non vi devono essere attività religiose al di fuori del controllo del Partito.

In proposito uno studio della Jamestown Foundation evidenzia come tale atteggiamento sia da porre in rilievo anche con la scelta del prossimo Dalai Lama.

In Mongolia, l'attenzione del Fronte Unito è stata rivolta al processo di successione di Jebtsundamba Khutugtu - capo spirituale della scuola Gelug del buddismo tibetano in Mongolia - una questione delicata, poiché è percepita come una sfida al sistema di gestione della reincarnazione, che subirà un test importante quando si tratterà della prossima reincarnazione del Dalai Lama.

Nel frattempo, le interazioni condotte dallo Stato con i monasteri mongoli, alcuni non dichiarati nemmeno in Mongolia, rivelano tentativi di coltivare i lama anziani e sfruttare le divisioni interne per contrastare l'influenza del governo tibetano in esilio e guadagnare il "potere del discorso" buddista globale. Sebbene il potenziale della religione come strumento di influenza in Mongolia sia limitato, le tattiche utilizzate illustrano l'espansione del Partito.

La politica religiosa del Partito comunista, infatti, comporta sia la repressione che la cooptazione. La cooptazione delle religioni e di altre forze non appartenenti al Partito, sia all'interno che all'esterno della Cina, è il lavoro del Dipartimento del Fronte Unito (UFWD). Sebbene le tattiche del Fronte siano una creazione leninista, portata negli anni Venti al Partito comunista cinese da consulenti sovietici, il sistema che il Fronte usa per gestire la religione è un'innovazione post-Comintern il cui parallelo più vicino è nella Corea del Nord. Per sopravvivere come strumenti "patriottici" del Partito, le religioni “importate” come il cristianesimo e il buddismo devono subire la "sinicizzazione" (中国 化). La massima "ama il Paese, ama la religione" (爱国 爱 教) riassume ciò che il Partito si aspetta dai credenti.

In tale prospettiva, la China Buddhist Association (CBA), è sta  ufficialmente posta sotto il Partito. Figura significativa è Yinshun (印顺), vice presidente del CBA e presidente del suo capitolo Hainan. Yinshun è l'abate di tre templi: due nel sud della Cina e uno a Lumbinī, luogo di nascita del Buddha in Nepal.  Egli dirige anche l'Accademia del buddismo di Nanhai, aperta nel 2017 per offrire formazione sul buddismo cinese, tibetano e theravada. Secondo Yinshun, l'obiettivo di questo sforzo è offrire al mondo un "sistema buddista sinicizzato" (Xinhua, settembre 2017). Sebbene sia principalmente di natura religiosa, questo sistema non è isolato dalle preoccupazioni politiche. Una tavola rotonda organizzata da Yinshun ha raggiunto quello che ha definito un "consenso" sul fatto che "il Mar Cinese Meridionale è cinese".

Il sistema sembra anche sfruttare le divisioni tra il clero mongolo. Alcuni dei monasteri buddisti più importanti della Mongolia hanno avuto contatti con le strutture statali. Tra questi anche il monastero Ikh Khüree a Ulan Bator, il cui abate Sanjdorj è noto per un'aspra rivalità con il monastero principale della capitale. Sanjdorj ha criticato le visite del Dalai Lama in Mongolia. Nel 2016, si è rammaricato che il Dalai Lama sia stato invitato "senza l'approvazione" dei "vicini" della Mongolia (ora, novembre 2016). Le sue opinioni sulla visita sono state citate in modo favorevole dai media di Stato.

Anche se i successi della politica del Fronte unico in Mongolia non vanno però sopravvalutati l'esempio mongolo mostra un sistema deciso a sfruttare il capitale religioso acquisito attraverso l'appropriazione del buddismo tibetano. Mentre i limiti della sua istanza mongola sono definiti dalle condizioni locali, l'espansione del dominio dell'UF lavora per includere gruppi religiosi all'estero è di importanza globale. Speculativamente, la regola potenzialmente a vita di Xi Jinping potrebbe dare ai quadri UF il tempo sufficiente per applicare tattiche simili a religioni diverse dal buddismo.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
‘Nel dialogo Cina-Vaticano manca la voce dei cattolici cinesi’
21/09/2018 14:03
Chissà se la Cina vuole davvero l’accordo con la Santa Sede
15/09/2018 12:26
Chiesa sotterranea sulla Nona Assemblea: I cattolici cinesi usati come pedine e strumenti delle tattiche politiche
30/12/2016 11:31
Membri del Politburo ricevono i rappresentanti cattolici della Nona Assemblea
29/12/2016 15:32
Sacerdoti ufficiali e sotterranei insoddisfatti dell’Assemblea e dei vescovi che vi partecipano
29/12/2016 13:08