09/11/2020, 11.19
BANGLADESH
Invia ad un amico

Le minoranze religiose protestano per i continui attacchi subiti

di Sumon Corraya

Rana Dasgupto, segretario generale della BHBCOP ha affermato che almeno 17 persone appartenenti a comunità di minoranze etniche e religiose sono state uccise tra marzo e settembre, mentre gli attacchi continuano anche durante la pandemia.

Dhaka (AsiaNews) - Gruppi delle minoranze religiose hanno protestato per gli attacchi di fronte al Museo Nazionale di Shahbagh di Dhaka il 7 novembre. Circa 500 persone tra cristiani, indù e buddisti hanno preso parte alla manifestazione di 10 gruppi e organizzazioni minoritarie. Il programma è stato condotto da Bangladesh Hindu, Bouddha, Christian Oikya Parishad (BHBCOP) che lavora per proteggere i diritti umani delle minoranze religiose ed etniche del Bangladesh.

I manifestanti hanno affermato che gli islamisti che stanno attaccando gli indù e altre minoranze "feriscono i sentimenti religiosi". Gli attacchi hanno avuto luogo contro comunità minoritarie, compreso l'attacco incendiario contro le case di indù a Muradnagar di Cumilla. I leader delle minoranze hanno affermato di vivere nell'incertezza poiché "il governo non è riuscito a proteggerli".

Rana Dasgupto, segretario generale della BHBCOP ha affermato che almeno 17 persone appartenenti a comunità di minoranze etniche e religiose sono state uccise tra marzo e settembre, mentre gli attacchi continuano anche durante la pandemia. Ha anche detto che il primo ministro vuole che la comunità indù viva in pace e prosperità. Ma dubita di quanti leader al potere della Awami League vogliano lo stesso.

Il leader indù ha detto: “È più difficile fidarsi di qualche ministro del partito al governo e parlamentari: quelli dicono una cosa e ne fanno un'altra. Noi minoranze siamo venuti in strada per mantenere la nostra esistenza. Oggi abbiamo menzionato alcune situazioni di persecuzione delle minoranze, per favore assicurate giustizia a queste".

È degno di nota il fatto che dopo l'incidente della Francia per quanto riguarda attacchi e istigazione contro i sentimenti musulmani e gli insulti del Profeta Maometto, gli attacchi sono aumentati in Bangladesh, dicono i relatori del BHBCOP. Alcuni studenti indù sono stati arrestati per un commento su Facebook riguardante il ferimento del sentimento musulmano e gli insulti del profeta Maometto.

Nella protesta, i manifestanti hanno tenuto cartelli e striscioni che dicevano "Stop al comunalismo: svegliati coraggioso Bangalee" e "Smetti di usare Facebook per l'attacco comunitario", Rilascia tutte le vittime arrestate con la cosiddetta accusa di ferimento del sentimento religioso ", Identifica, punisci gli aggressori ," eccetera.

Christian Nirmol Rozario, presidente ad interim di BHBCOP, ha detto che gli episodi di persecuzione nei confronti di gruppi minoritari sono continuati. “Anche se il governo ci dà speranza per la giustizia, le minoranze vivono nell'ansia. Per fermare la persecuzione delle minoranze, chiediamo di istituire una commissione per gruppi di minoranza e seggi di riserva in Parlamento”, ha detto Nirmol. Ha tristemente detto che se succede qualcosa all'estero, i templi vengono bruciati e distrutti in questo Paese. Le minoranze diventano vittime.

I leader delle minoranze hanno avvertito che condurranno una lunga marcia da Chittagong a Dhaka se gli attacchi non verranno fermati immediatamente.

Cinque case di famiglie indù sono state vandalizzate e date alle fiamme a Comilla dopo che un uomo avrebbe mostrato sostegno alla Francia difendendo le vignette raffiguranti il ​​Profeta Maometto su Facebook. Il primo novembre, l'incidente è avvenuto nel villaggio di Korbanpur sotto Muradnagar di Comilla.

Alcuni studenti indù sono stati arrestati per un commento su Facebook sulla cosiddetta accusa di offendere il sentimento religioso, anche alcuni studenti indù hanno perso la borsa di studio all'università per l’accusa di ferire il sentimento religioso. Anche i manifestanti hanno condannato questi incidenti.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cristiani nepalesi ancora bersaglio degli estremisti indù
30/11/2011
Ancora morti per le vignette, ma c'è chi invita a non coinvolgere "i cristiani"
07/02/2006
Chhattisgarh, ripresi gli attacchi contro i cristiani nel post elezioni
28/05/2019 09:02
Barisal, 17 anni fa l’attacco alla chiesa di Baniarchor. Nessuna giustizia per le vittime
04/06/2018 12:21
Pakistan, invito alla reciprocità del rispetto dei valori religiosi
27/02/2006