13/08/2020, 12.28
HONG KONG-CINA
Invia ad un amico

Legge sulla sicurezza: addio alla libertà di stampa (Video)

di Paul Wang

Un’intervista a Nathan Law, esule democratico, ricercato dalla polizia, è stata rimossa da un programma della televisione pubblica Rthk. Chris Yeung: Si scivola verso l’auto-censura. Gli applausi al ritorno di Jimmy Lai all’Apple Daily.

Hong Kong (AsiaNews) – La legge sulla sicurezza, voluta da Pechino per Hong Kong, sta schiacciando la libertà di stampa, considerata una volta il fiore all’occhiello dell’ex colonia britannica.

Proprio oggi, l’Hong Kong Free Press riporta la notizia che la televisione pubblica del territorio, Rthk ha rimosso dal suo sito un’intervista con l’attivista pro-democrazia Nathan Law, fuggito in Gran Bretagna, ricercato dalla polizia. Law, fra i fondatori di Demosisto, un gruppo che rivendicava l’autonomia di Hong Kong, poi dissolto, ha spesso – anche ora dall’esilio – domandato aiuto a Paesi stranieri per garantire la libertà ad Hong Kong. Ma tutto questo è contrario alla legge sulla sicurezza che condanna attività di sovversione, secessione, terrorismo e collaborazione con forze straniere.

L’intervista a Nathan Law faceva parte di un programma diffuso lo scorso 31 luglio che aveva a tema il rimando delle elezioni parlamentari nel territorio. Law era uno fra i tanti intervistati. Da oggi non è possibile rivedere il programma.

Di per sé, nella legge sulla sicurezza non vi è alcuna indicazione che vieta a un mezzo di comunicazione di far parlare una personalità “ricercata” dalla polizia. Ma il modo vago con cui si definiscono “atti” e “attività” contrarie alla legge, fa temere di essere accusati di “apologia”.

Chris Yeung, presidente dell’associazione dei giornalisti, ha fatto notare che l’incidente con la Rthk è un segno che i media rischiano di scivolare sempre di più nell’auto-censura.

Nei giorni scorsi si sono registrate diverse violenze verso i giornalisti, proprio mentre veniva arrestato Jimmy Lai e diversi membri dello staff del suo giornale Apple Daily. La popolazione di Hong Kong ha risposto acquistando centinaia di migliaia di copie del giornale, che di solito ha una tiratura di 70mila copie.

Ieri Jimmy Lai è stato scarcerato su cauzione. Il suo ritorno agli uffici dell’Apple Daily è stato accolto da applausi (v. video).

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mong Kok, quasi 300 arresti nel giorno delle elezioni cancellate
07/09/2020 08:19
Jimmy Lai, i figli e Agnes Chow rilasciati su cauzione. La polizia arresta manifestanti e blocca giornalisti
12/08/2020 11:06
Hong Kong, lo sdegno internazionale per l’arresto di Jimmy Lai
11/08/2020 11:27
Hong Kong, arresto di Jimmy Lai: la popolazione al fianco del magnate pro-democrazia
11/08/2020 09:08
Joshua Wong, Agnes Chow e Ivan Lam si dichiarano colpevoli: rischiano 5 anni di prigione
23/11/2020 09:07