27 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/10/2005, 00.00

    VATICANO - SINODO SULL'EUCARISTIA

    Lettera del Papa ai vescovi cinesi invitati al Sinodo



    Risponderà di suo pugno a mons. Luca Li Jingfeng, che gli aveva scritto per esprimere il rammarico dei 4 presuli invitati al Sinodo per non aver potuto accettare. Mons. Kondrusiewicz, vescovo a Mosca, parla della situazione dei cattolici russi, che è un pò migliorata, ed esprime la speranza di un incontro tra Benedetto XVI ed Alessio II.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Benedetto XVI risponderà con una lettera di suo pugno a mons. Luca Li Jingfeng, vescovo di Fengxiang (Shaanxi), che gli aveva scritto nei giorni scorsi per ringraziarlo dell'invito rivolto a 4 vescovi cinesi di partecipare al Sinodo dei vescovi sull'Eucaristia. La lettera è giunta in Vaticano il 6 ottobre ed oggi è stata letta dal cardinale segretario di Stato, Angelo Sodano, durante i lavori sinodali. "Oltre al rammarico per l'impossibilità di partecipare ai lavori - ha detto mons. Giorgio Costantino, portavoce italiano del Sinodo dei vescovi - nella lettera si auspica un pronto ristabilimento dei rapporti anche diplomatici tra la Santa Sede e la Cina".

    La lettera del presule cinese e, probabilmente, la risposta di Benedetto XVI dovrebbero essere rese note dal Vaticano nei prossimi giorni.

    La situazione dei cattolici russi ed i rapporti tra Vaticano e Patriarcato ortodosso di Mosca sono stati al centro di un incontro che il vescovo a Mosca, Tadeusz Kondrusiewicz, ha avuto con i giornalisti che seguono i lavori del Sinodo. "Preghiamo sempre – ha detto tra l'altro - perché avvenga un incontro tra il Papa e il patriarca di Mosca Alessio II, non sappiamo se a Roma, a Mosca o in territorio neutrale: le nostre sono le più grandi Chiese nel mondo cristiano, e uniti sarà più facile affrontare le grandi sfide del mondo contemporaneo".

    A proposito della situazione dei cattolici in Russia, mons. Kondrusiewicz, dopo aver negato che essi facciano attività di proselitismo nei confronti degli ortodossi, ma, ha osservato,  "occorre chiarire cosa vuol dire proselitismo: se si intende un modo disonesto di prendere i fedeli da un'altra chiesa, questa non è né la nostra politica né la nostra ambizione", ma ricordando le affermazioni del Vaticano II sulla libertà di coscienza, "se uno viene da me - ha detto - e mi dice 'voglio diventare cattolico', non posso buttarlo via, devo rispettare la volontà di questa persona, e questo non è proselitismo". Il vescovo ha poi ricordato che per ammettere un adulto al battesimo cattolico si richiede un anno di preparazione, che dà il tempo di valutare e decidere liberamente. Egli ha rivelato di aver proposto un incontro tra ortodossi e cattolici "per definire cosa sia il proselitismo, e comportarsi di conseguenza".

    Quanto alla situazione dei cattolici russi, essa è migliorata con le recenti norme sui visti, per cui i religiosi stranieri possono svolgere attività pastorale in Russia.

    Mons. Kondrusiewicz ha infine descritto la situazione pastorale: nel Paese ci sono 220 parrocchie registrate e circa 300 punti pastorali non registrati; secondo le statistiche i cattolici sono 600.000,  ma si parla anche dell'1% della popolazione e questo vorrebbe dire 1.500.000 cattolici. Il 25% delle parrocchie registrate non ha un luogo dove celebrare: "lo si fa in case private e a Mosca nelle ambasciate (statunitense e tedesca) e nelle case delle suore di Madre Teresa". Se a San Pietroburgo i cattolici hanno riavuto indietro tutte le chiese sopravvissute al comunismo (6 sulle 18 originarie), a Mosca invece di tre ne hanno avuta indietro soltanto una.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/09/2005 vaticano - cina
    Vescovi cinesi a Roma: l'ultima parola spetta al governo

    Un portavoce dell'Associazione Patriottica è dispiaciuto dell'invito. Ma i fedeli cattolici sono felici e onorati. Una piccola speranza: il governo potrebbe fare la scelta di smarcarsi dall'AP.



    22/02/2010 VATICANO - CINA
    Mons. Nugent, "delegato" per la Cina: Vorrei visitare ogni vescovo in comunione col papa
    Dopo 10 anni di lavoro, il rappresentante della Santa Sede, lascia Hong Kong per divenire nunzio in Madagascar. Sarà ordinato dal card. Bertone il prossimo 18 marzo. In questa intervista fa un bilancio sul suo lavoro e sulla vita della Chiesa in Cina. La testimonianza dei cristiani perseguitati; l’unità della Chiesa; i rapporti diplomatici fra Cina e Vaticano; l’appello per vescovi e sacerdoti imprigionati; le aperture di alcuni vertici del governo cinese.

    22/10/2005 Vaticano - cina
    Il Sinodo scrive ai vescovi cinesi
    "Profondo dispiacere" espresso dai Padri sinodali in unione con il papa per l'assenza dei 4 presuli cinesi.

    04/08/2005 vaticano - cina
    Sacerdoti cinesi dal Papa: un "dono inaspettato"; un "segno di unione con la Santa Sede"

    Il gruppo della Chiesa ufficiale  ha offerto al pontefice una bibbia in cinese con la firma di tutti loro e una calligrafia di augurio.



    21/03/2008 CINA - VATICANO
    La “doppia faccia” del Vaticano secondo Pechino
    Ye Xiaowen, ministro per gli affari religiosi, si scaglia contro un fantomatico disegno di potere del Vaticano e rifiuta qualunque apertura, proprio mentre a Roma una delegazione cinese si incontra con la Segreteria di stato.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®