Skin ADV
13 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/06/2012, 00.00

    CINA

    Li Keqiang: “Dobbiamo riformare la nostra economia, siamo sbilanciati”



    Il vice premier cinese, che a ottobre dovrebbe divenire primo ministro, sottolinea la necessità di cambiare il sistema economico nazionale: “Basta con gli sprechi, di denaro e di energia”. Ma al Paese oggi serve un vero mercato interno e una riforma del lavoro che metta al centro il lavoratore. Scende di nuovo la stima per il Pil del 2012, che sarà il più basso dal 1990.

    Pechino (AsiaNews) - Il vice premier cinese Li Keqiang, in procinto di diventare primo ministro nel corso del Congresso comunista di ottobre che cambierà la leadership del Paese, ha sottolineato la necessità di mettere in campo un piano di riforme economiche che spinga le industrie nazionali e riduca le spese inutili. Li, considerato un riformista, si mette così in scia con l'attuale governo ma "apre" a chi vede nell'attuale sistema economico cinese un "mostro" in procinto di esplodere.

    Diversi analisti sottolineano infatti che il gigante asiatico sia troppo sbilanciato nelle esportazioni, e aggiungono che senza la creazione di un mercato interno - con il conseguente aumento dei salari e dei diritti dei lavoratori - la Cina rischia di implodere molto presto. Inoltre, l'attuale sistema commerciale costringe il regime a trattare come schiavi i propri cittadini che - sempre di più negli ultimi tempi - iniziano a ribellarsi, con conseguente instabilità sociale.

    Li ha parlato alla prestigiosa Accademia cinese delle scienze e ha messo in luce che il Paese "ha bisogno di velocizzare lo sviluppo di nuovi settori strategici, fra cui la conservazione energetica, la protezione ambientale, la bio-industria e l'hi tech. Pechino deve giocare un ruolo chiave nelle riforme, mettendo da parte inutili progetti di costruzione che costano troppo".

    A causa della crisi finanziaria europea e di quella del mondo del lavoro americano, il governo cinese è stato costretto a rivedere di nuovo al ribasso le stime per il Prodotto interno lordo relativo al 2012. Gli analisti dell'esecutivo ritengono che il dato si assesterà intorno al 7,5 %, il tasso più debole dal 1990.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/07/2013 CINA
    Cina, il manifatturiero cala al livello più basso degli ultimi 11 mesi
    L’indice preliminare conferma un rallentamento generale dell’economia cinese. Cala anche l’occupazione e la ricezione di nuovi ordini. Analisti avvertono: “Aumenta la pressione sul mondo del lavoro”. A rischio la soglia di garanzia del 7 % di crescita nazionale.

    22/01/2009 CINA
    Rallenta l’economia cinese, al minimo da anni. Wen: Il 2009 l'anno più difficile del secolo
    Esperti: il dato indica, in realtà, una contrazione dell’economia rispetto a tre mesi fa. Tutti prevedono risultati peggiori nei prossimi mesi e la perdita di milioni di posti di lavoro.

    22/02/2010 TAIWAN
    Robusta ripresa dell’economia di Taiwan, specie grazie alla Cina
    Nel quarto trimestre 2009, il Pil del Paese cresce del 9,22% rispetto al dicembre 2008, record da 5 anni. La ripresa dovuta soprattutto al forte aumento (+187,8%) dell’esportazione in Cina, mentre rimane debole la domanda di Usa ed Europa. I timori degli esperti.

    20/01/2014 CINA
    L'economia cinese al punto più basso degli ultimi 14 anni
    La crescita del Pil si è attestata nel 2013 sul 7,7%, comunque in rialzo rispetto alle attese del governo. Il rallentamento indica che il governo vuole passare da un'economia basata sugli investimenti a una incentrata sul consumo interno. Per il 2014 si parla ancora del 7,5%.

    03/03/2009 INDIA
    Crollano le esportazioni, a rischio almeno 10 milioni di posti di lavoro
    Negli ultimi mesi il Paese ha subito gli effetti della crisi economica mondiale in misura molto maggiore del previsto. Ora ci si interroga sulle conseguenze per il settore agricolo e per i 220 milioni di persone già sotto la soglia della povertà.



    In evidenza

    CUBA-VATICANO-ORTODOSSI
    L’incontro fra Francesco e Kirill a Cuba: Finalmente! Siamo fratelli, abbiamo tutto in comune



    Atmosfera distesa e fraterna nel primo incontro dopo secoli fra il papa e il patriarca di Mosca. Due ore di colloquio in privato, poi la firma della Dichiarazione comune. Un grazie a Raul Castro: “Se continua così Cuba sarà la capitale dell’unità”. Un impegno per difendere i cristiani nel mondo e sostenere “le fondamenta della morale, della famiglia e della persona”.


    VATICANO – CUBA – ORTODOSSI
    Francesco e Kirill: Ortodossi e cattolici uniti, per i cristiani perseguitati e l’Occidente secolarizzato



    Nella Dichiarazione comune firmata a l’Avana, il papa e il patriarca di Mosca sottolineano i “mali” del mondo e la necessità per i cristiani di dare testimonianza comune. Il matrimonio naturale, composto da uomo e donna; il diritto alla vita; la necessità del dialogo interreligioso; lo scandalo della divisione. Un appello per la fine della persecuzione religiosa, per la pace in Ucraina e per l’unità “fatta di gesti concreti”. Il testo completo della Dichiarazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®