27/11/2013, 00.00
SIRIA - LIBANO
Invia ad un amico

Libano, oltre 800mila profughi siriani vivono in baracche o all'aperto

In dicembre i siriani emigrati in altri Paesi saranno almeno 3 milioni. Per la Catholic Near East Welfare Association la situazione rischia di precipitare con l'arrivo dell'inverno. In Libano la maggior parte dei rifugiati vive dislocata in 960 campi abusivi. La situazione più grave è nella valle della Bekaa. Su 800mila persone 400mila hanno meno di 17 anni. Al via la Missione sanitaria di Cor Unum, Caritas Lebanon e ospedale Bambin Gesù per aiutare i bambini siriani rifugiati.

Beirut (AsiaNews) - La guerra in Siria continua a costringere centinaia di migliaia di persone a varcare i confini con Libano, Giordania, Iraq e Turchia. Entro la fine del 2013 il numero di profughi in fuga dal conflitto potrebbe salire a oltre 3 milioni con l'avvicinarsi dell'inverno. Dal rapporto stilato in novembre dalla Catholic Near East Welfare Association (Cnewa), inviato oggi ad AsiaNews, emerge che la situazione più drammatica è quella del Libano.

Secondo la Banca Mondiale, dal 2011 l'emergenza profughi è costata al governo del Libano almeno 2,6 miliardi di dollari. Oggi Najib Miqati, premier libanese, si è recato a Doha (Qatar) per discutere con le autorità e i Paesi arabi impegnati nel sostegno ai ribelli islamisti, la proposta di realizzare una zona dedicata agli sfollati all'interno del confine siriano. Tale strategia dovrebbe evitare il collasso economico e politico della società libanese, sempre più in balia degli scontri fra sunniti (pro-ribelli) e sciiti favorevoli al regime di Bashar al-Assad. Le stime Onu parlano di 812mila rifugiati in Libano, ma per il governo essi sarebbero oltre 1,3 milioni, circa un terzo della popolazione libanese (4 milioni di persone). Essi provengono soprattutto da Homs, Idlib, Damasco, Aleppo e sono sparsi in 960 campi non ufficiali tra le aree più povere e impervie del Paese. Il 53% dei rifugiati risiede nel nord del Libano, il 42% è concentrato invece nella Bekaa. Il resto dei profughi è distribuito fra Beirut (1%), la zona del Monte Libano (2 %) e il sud del Paese (2 %).

Beirut ha scelto di non realizzare campi profughi nel Paese, preferendo ospitare i siriani in abitazioni private o in strutture caritatevoli. A chi è in possesso dei necessari documenti viene riconosciuto lo status di rifugiato, ma secondo le statistiche raccolte dalla Cnewa chi fugge appartiene alle fazioni ribelli ed entra in Libano come clandestino. L'associazione denuncia che queste persone vivono in condizioni disperate, senza riparo o ammassati in tende e baracche.

Nella valle della Bekaa la maggior parte delle famiglie non ha nemmeno servizi igienici e la possibilità di cucinare un pasto. I nuovi arrivati si sono stabiliti in radure fangose e hanno costruito le loro baracche da zero, utilizzando i rifiuti. Prima della guerra molti rifugiati lavoravano come medici o insegnanti: ora per sopravvivere raccolgono patate e ortaggi spartendosi le poche aziende agricole della zona in grado di offrire un salario o una paga in natura. La situazione rischia di precipitare con l'arrivo dell'inverno e la Cnewa sta raccogliendo fondi per la distribuzione di materassi, coperte, vestiti caldi, stufe e carburante.

Su 2 milioni di siriani rifugiati circa il 52% è composto da bambini e ragazzi di età inferiore ai 17 anni, nel solo Libano sono oltre 400mila.

Per offrire aiuto ai rifugiati, soprattutto i minori, il Pontificio Consiglio Cor Unum in collaborazione con l'ospedale pediatrico Bambin Gesù e Caritas Libano ha lanciato la Missione sanitaria per i bambini siriani rifugiati in Libano. L'iniziativa è stata presentata oggi in una conferenza stampa presieduta dal card. Robert Sarah, presidente di Cor Unum. All'incontro sono intervenuti p. Simon Faddoul, presidente di Caritas Libano, Giuseppe Profiti , presidente dell'ospedale Bambin Gesù e May El Hachem, capo progetto della Missione. Il progetto prenderà il via nei prossimi giorni a Deir el-Ahmar, cittadina a maggioranza cristiana nella valle della Bekaa. La zona è circondata da varie tendopoli e villaggi musulmani e qui verrà costruito il primo nucleo ambulatoriale dedicato ai bambini.   

Nel suo intervento il card. Sarah ha ripreso l'invito del papa ad "aiutare la popolazione siriana, al di là delle appartenenze etniche e religiose per offrire un contributo diretto alla edificazione di una società aperta a tutte le componenti". Il porporato sarà in Libano dal 4 all'8 dicembre per incontrare i vescovi e i vari organi caritatevoli. Descrivendo le attività della Caritas Libano, p. Simon Faddoul ha sottolineato che dall'aprile 2011 la Chiesa ha aiutato circa 160mila persone: fra queste il 90% è musulmano, mentre i cristiani sono circa il 5%.     

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il card. Sarah "un padre" per i profughi siriani musulmani e cristiani
09/11/2012
Zarqa, centinaia di rifugiati siriani accolgono il card. Robert Sarah
20/02/2013
Giordania, il card. Sarah visita i profughi siriani
18/02/2013
Cor Unum dona 100mila dollari alla Chiesa siriana colpita dalla guerra
31/03/2012
Caritas Libano: cresce il flusso disperato dei profughi siriani
24/07/2012