18 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/08/2012
INDIA – STATI UNITI
Libertà religiosa: per gli attivisti indiani è in “serio pericolo”
di Nirmala Carvalho
Il Dipartimento di Stato Usa, nel rapporto 2012, inserisce l’India fra le nazioni “sotto osservazione”. Cina, Vietnam e Arabia Saudita Paesi di “particolare preoccupazione”. Presidente Gcic: la Costituzione garantisce i diritti ma è “disattesa”. Attivista ateo a Washington: non servono liste, ma “sostegni concreti” per la pace sociale.

Delhi (AsiaNews) - La Costituzione indiana "sancisce la libertà religiosa", tuttavia nella pratica le minoranze spesso "non godono" dei diritti di base ed a rischio anche il concetto di "laicità" dello Stato. È quanto sottolinea ad AsiaNews Sajan K George, presidente di Global Council of  Indian Christians (Gcic), commentando la recente pubblicazione del Rapporto 2012 della Commissione Usa sulla libertà religiosa nel mondo (clicca qui per scaricare il documento Pdf), elaborato dal Dipartimento di Stato americano. Un'analisi, quella di Washington, che non convince appieno attivisti come Lenin Raghuvanshi, direttore di Peoples' Vigilance Committee on Human Rights (Pvchr), secondo cui la classificazione del governo statunitense "non è di alcun aiuto".

Secondo il documento elaborato dal Dipartimento di Stato Usa, l'India è inserita fra le nazioni "sotto osservazione" per i casi di violazione alla libertà religiosa. Di contro, nazioni come Cina, Vietnam, Egitto, Iraq, Iran, Pakistan e Arabia Saudita destano "particolare preoccupazione" per le repressioni contro le religioni o la privazione della libertà di culto. Una nota per la Corea del Nord, in cui il regime di Pyongyang si conferma scenario in cui la libertà religiosa è pressoché "inesistente".

Per gli attivisti di Gcic nel 2011 si sono registrati 136 episodi di attacchi anti-cristiani, dei quali 49 nello Stato del Karnataka, epicentro delle violenze contro la minoranza anche a causa delle politiche prmosse dal governo locale, dal 2008 nelle mani del partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party (Bjp).

"La Costituzione indiana - spiega Sajan K George ad AsiaNews - garantisce la libertà religiosa". Tuttavia, abbiamo sperimentato che "la realtà è ben diversa" e "non è affatto sbagliato" affermare che in molti Stati, soprattutto "quelli guidati dal Bjp", i cristiani "non godono di tutti i diritti" e di una piena libertà religiosa. Egli sottolinea gli attacchi contro fedeli e luoghi di culto e conferma che l'attuale scenario di "laicità" della nazione viene spesso disatteso nei fatti. A causa di un "crescente nazionalismo" e della "incapacità dello Stato di intervenire", conclude l'attivista cristiano, è possibile affermare che "il carattere laico della democrazia indiana è in serio pericolo".

Di contro, Lenin Raghuvanshi sposta l'attenzione sulle iniziative concrete da promuovere per garantire pace e una piena libertà religiosa. Al riguardo, egli auspica la nascita di movimenti e iniziative a livello locale, che possano aiutare a rilanciare l'obiettivo dell'armonia e della coesistenza pacifica. E non risparmia frecciate agli Stati Uniti, che invece di elaborare documenti dovrebbe "attraverso le varie agenzie di raccolta fondi" sostenere progetti e iniziative di pace. Infine, l'attivista ateo ricorda gli investimenti e i programmi di sviluppo Usa sul territorio nazionale e, proprio attraverso questi investimenti, Washington "dovrebbe sostenere la laicità e l'armonia interconfessionale", garantendo al contempo "la supremazia dello Stato di diritto".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/06/2014 IRAQ - STATI UNITI 

Esperti militari statunitensi in Iraq per contrastare l’offensiva degli islamisti dell’Isis
30/08/2008 INDIA
Orissa: migliaia di sfollati e nuove vittime, continua la strage dei cristiani
di Nirmala Carvalho
29/08/2008 INDIA
Solidarietà di indù e musulmani indiani ai cristiani dell’Orissa
29/08/2008 INDIA
India, chiuse 25mila scuole cattoliche per protesta contro i massacri in Orissa
di Nirmala Carvalho
24/09/2012 PAKISTAN – STATI UNITI
Chiesa colpita nelle proteste contro il film anti-islam. La condanna di leader cristiani e musulmani

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate