25 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 10/10/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Malala Yousafzai, giovane attivista pakistana, è “fuori pericolo”



    I medici hanno estratto il proiettile che si era conficcato nella testa e giudicano le sue condizioni stabili. La ragazza, 14 anni, è rimasta vittima di un attentato talebani; i fondamentalisti le hanno sparato all’uscita di scuola. Dal 2009, con l’apertura di un blog sulla Bbc, è un simbolo della lotta contro gli estremisti e per l’istruzione femminile.

    Islamabad (AsiaNews) - I medici hanno definito un "successo" l'operazione cui è stata sottoposta Malala Yousafzai, 14enne attivista per l'istruzione delle ragazze in Pakistan, che ha permesso la rimozione di un proiettile conficcato in testa. Ieri la giovane è rimasta vittima di un attentato talebano nella Swat Valley, area montagnosa della provincia di Khyber Pakhtunkhwa, al confine con l'Afghanistan roccaforte degli estremisti islamici contrari all'istruzione femminile. Dopo l'intervento chirurgico del mattino, i sanitari giudicano "stabili" le sue condizioni di salute ed è ora "fuori pericolo"; tuttavia, si è deciso il trasferimento all'ospedale di Peshawar - in elicottero - per sottoporla a ulteriori trattamenti.

    Il portavoce dei talebani Ehsanullah Ehsab, raggiunto dalla versione urdu della Bbc, ha rivendicato il gesto, sottolineando che il gruppo estremista ha inteso colpire la ragazza perché "contraria ai talebani" e dallo stile di vita "laico". Il suo lavoro per l'istruzione delle donne, ha aggiunto, è bollato come una "oscenità". Egli ha infine chiarito che, se ance riuscirà a sopravvivere all'attentato, "non verrà risparmiata".

    Intanto i principali governi al mondo e i leader politici a Islamabad hanno espresso una ferma condanna per l'assalto a Malala Yousafzai, raggiunta da due proiettili alla testa e al collo. Nell'assalto è rimasta ferita anche una sua compagna, le cui condizioni sono stabili e non dovrebbe essere in pericolo di vita. Per Washington si è trattato di un atto "barbaro e codardo", ma è soprattutto in rete che si è scatenata la protesta per la violenza fondamentalista; attraverso i social media, in poche ore migliaia di persone hanno voluto inviare messaggi via web di sostegno e solidarietà alla ragazza.

    Malala Yousafzai (nella foto) è stata colpita mentre si trovava a bordo dello scuolabus che l'avrebbe accompagnata a casa, dopo aver concluso le lezioni del mattino. La giovane era diventata famosa nel 2009 all'età di 11 anni, per aver tenuto un blog sul sito in lingua locale della Bbc in cui denunciava gli attacchi dei fondamentalisti islamici pakistani contro le ragazze e gli istituti scolastici femminili, per impedire loro di studiare ed emanciparsi. All'interno del suo diario virtuale, Malala denunciava infine la crudeltà dei talebani e le violenze attraverso cui mantengono il potere, terrorizzando le popolazioni locali.

    La frontiera nord-occidentale è considerata una roccaforte dei talebani, tanto che in alcune aree vigono la Shariah e le Corti islamiche, chiamate a giudicare controversie, oltre che comportamenti e regole di morale. Sono centinaia le scuole - anche cristiane - chiuse nella sola Swat Valley, mettendo in pericolo l'istruzione di decine di migliaia di studentesse e il lavoro di circa 8mila insegnanti donne. L'educazione delle nuove generazioni è una delle vie che il governo deve percorrere per vincere la povertà e garantire un vero sviluppo alla nazione, come sottolineato in un dossier (cfr. L'educazione può fermare i talebani in Pakistan). Tra le poche realtà presenti per qualche tempo nell'area, un gruppo di suore carmelitane singalesi dedite all'istruzione femminile (cfr. AsiaNews 22/06/2012 Carmelitane singalesi per educare le ragazze in Pakistan); tuttavia, le religiose hanno dovuto abbandonare dopo un anno e mezzo per le minacce dei fondamentalisti islamici.

     

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/10/2012 PAKISTAN – GRAN BRETAGNA
    Malala Yousafzai verrà curata in Inghilterra. Condizioni critiche, cristiani in preghiera
    La 14enne attivista pakistana riceverà un trattamento sanitario più specifico. Resta ancora alto il timore per la sua vita, dopo un iniziale cauto ottimismo. Tutto il Paese si stringe attorno alla ragazza. Nella cattedrale di Lahore si è tenuta una fiaccolata. Vescovo di Islamabad: l'attentato contro di lei, atto codardo, segno di profonda debolezza e paura.

    19/01/2009 PAKISTAN
    Swat: Talebani fanno esplodere cinque scuole. Minacce di morte per le studentesse
    Le vacanze invernali hanno scongiurato una carneficina. Il governo si impegna a riprendere le lezioni ai primi di marzo. A rischio la sicurezza di decine di migliaia di studentesse. Gruppo fondamentalista pakistano chiede ai talebani di “riconsiderare la decisione” e garantire “l’istruzione alle ragazze”.

    06/03/2009 PAKISTAN
    Colpito un mausoleo sufi per “talebanizzare” il Pakistan
    Profanata la memoria del poeta Rehman Baba simbolo di “pace e tolleranza” per tutto il Paese. A scatenare la violenza degli estremisti islamici è stato il libero ingresso delle donne al mausoleo. Oggi la popolazione locale ha tenuto una manifestazione di protesta.

    16/06/2011 AFGHANISTAN
    Afghanistan, il luogo peggiore dove essere donna
    Uno studio tra esperti lo considera il Paese più “pericoloso” per le donne, seguito da Repubblica democratica del Congo, Pakistan e India. Ma esperti di AsiaNews non sono d’accordo e vedono anche grandi cambiamenti in atto.

    19/03/2012 PAKISTAN
    Diritti e potere alle donne, per lo sviluppo della società pakistana
    Cristiani e musulmani, uniti, rivendicano maggiore attenzione all’universo rosa, per combattere estremismo e discriminazioni. Nel Sindh create Commissioni incaricate di valutare l’applicazione della legge contro le violenze. Avvocato musulmana: cancellare le discriminazioni. Attivista cristiana: attenzione alle aree rurali.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®