11/08/2009, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Manila, la terra ai contadini poveri. Una battaglia – vinta – dei vescovi filippini

di Santosh Digal
La presidente Arroyo ha firmato l’estensione della riforma che sancisce la distribuzione dei terreni agli agricoltori del Paese. La Chiesa cattolica ha lottato a lungo per l’approvazione della normativa, a dispetto del disinteresse mostrato dai parlamentari. Ora i vescovi vigileranno sulla corretta applicazione.
Manila (AsiaNews) – La battaglia della Chiesa cattolica per i contadini senza terra delle Filippine, con le pressioni esercitate dai prelati sulla classe dirigente del Paese, hanno permesso l’estensione della legge sulla riforma agraria (Carp). È quanto sottolinea ad AsiaNews suor Julie G. Macasieb, della Congregazione delle Suore della Provvidenza e attivista sociale.
 
Il 7 agosto il presidente filippino Gloria Macapagal-Arroyo ha firmato l’Atto della Repubblica 9700 – meglio noto come Carp – con il quale estende per i prossimi cinque anni la legge sulla riforma agraria. Essa permetterà a milioni di agricoltori poveri del Paese di sfruttare i terreni per il proprio fabbisogno e a fine di commercio.
 
Suor Julie spiega che il possesso della terra darà ai contadini quel “senso di identità” come ai tempi della Bibbia; la questione, infatti, da tempo immemore è causa di “perenni conflitti e discordie”. “Il coinvolgimento della Chiesa cattolica per la causa dei contadini – aggiunge la religiosa – era una questione di giustizia sociale e parte del cambiamento della società” filippina.
 
Senza le pressioni esercitate dai vescovi e dagli attivisti cattolici “i parlamentari non avrebbero avuto alcun interesse ad estendere il Carp”, conferma la suora, la quale aggiunge che i vescovi “continueranno a seguire da vicino le modalità di applicazione” perché non vi siano irregolarità.
 
Mons. Angel Lagdameo, presidente della Conferenza episcopale filippina, conferma l’attenzione della Chiesa perché “i 150 miliardi di pesos [poco più di due miliardi di euro] vengano effettivamente distribuiti ai veri beneficiari”. Una somma di denaro che servirà all’acquisto e alla distribuzione di terra. Secondo il prelato la normativa garantirà “una migliore qualità di vita per i contadini poveri”.
 
Gli effetti della legge sulla riforma agraria – promulgata nel 1988 e rinnovata dieci anni più tardi – sono cessati nel dicembre 2008. Il parlamento ha votato la sua estensione fino al giugno 2009 (Risoluzione 19). Gli autori del Carp e gli agricoltori hanno però criticato le modalità di estensione della legge, perché non include una disposizione che obbliga ad “acquisire e distribuire i terreni privati” a favore dei contadini poveri.
 
La Risoluzione 19 prevedeva infatti l’applicazione del Carp ai soli terreni offerti in modo volontario dai proprietari, escludendo così “il 64% dei fondi agricoli” e andando a vantaggio dei grandi latifondisti. Una direttiva bollata come “incostituzionale” dalla Conferenza episcopale filippina, la quale ha ricordato che lo Stato afferma “un’equa ripartizione dei terreni agricoli”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
I cardinali Rosales e Vidal premono su Arroyo per la riforma agraria
09/03/2009
Vescovi e preti filippini, sciopero della fame con gli agricoltori senza terra
16/12/2008
Parlamentari filippini sostengono i vescovi per la riforma agraria
18/03/2009
Manila, 500 contadini in marcia per chiedere la proroga della riforma agraria
10/02/2009
Cardinal Rosales: ridare subito la terra ai contadini di Sumilao
20/12/2007