01 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/04/2004, 00.00

    vaticano

    Messaggio Urbi et Orbi: Il perdono di Cristo, la vita, l'amore renda vana la cultura di morte



    Africa, Iraq, Terrasanta, terrorismo nella preghiera del Papa

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Un annuncio, una preghiera, un'esortazione perché la resurrezione di Cristo vinca e guarisca tutte le piaghe che sanguinano sulla faccia della terra. La benedizione Urbi et Orbi (alla città di Roma e al mondo) è stata anzitutto l'annuncio del cuore della fede cristiana, la vittoria di Cristo sulla morte, che "rende più salda la nostra speranza". Giovanni Paolo II è passato poi ad enumerare le diverse situazioni bisognose della speranza del Risorto.

    Il Papa si rivolge a Cristo perché trovino "conforto" i "familiari delle tante vittime della violenza",

    Infine il Papa esorta l'umanità a trovare in Cristo "il coraggio di opporsi

    in modo solidale ai tanti mali che l'affliggono", e soprattutto al "disumano …dilagante fenomeno del terrorismo", che "rende torbida e insicura l'esistenza quotidiana di tanta gente laboriosa e pacifica".

    Egli esorta le "istituzioni nazionali e internazionali" e i "responsabili" delle nazioni per trovare – insieme a Cristo – "una soluzione soddisfacente dei persistenti conflitti,

    che insanguinano alcune regioni dell'Africa, l'Iraq e la Terra Santa".

    Ed infine esorta tutti, "uomini e donne di buona volontà" a costruire una civiltà della vita, del perdono, dell'amore: "La tentazione della vendetta ceda il passo al coraggio del perdono; la cultura della vita e dell'amore renda vana la logica della morte; la fiducia torni a dar respiro alla vita dei popoli".

    Tutte queste domande a Cristo ed esortazioni al mondo, diventano un dovere per i cristiani, perché essi siano "tra le contraddizioni del tempo che passa, testimoni convinti e gioiosi del…messaggio di vita e di amore portato nel mondo dal Redentore Risorto".

    Dopo la benedizione, Giovanni Paolo II ha rivolto gli auguri alle chiese orientali ortodosse, ricordando che quest'anno cristiani d'Oriente ed Occidente celebrano la Pasqua nello stesso giorno. A causa dei diversi calendari – giuliano e gregoriano, rispettivamente – i cristiani sono spesso divisi anche nel celebrare questa festa cuore del cristianesimo. Il Papa ha detto che prega "il Signore risorto perché tutti noi battezzati possiamo presto giungere a rivivere ogni anno insieme nel medesimo giorno questa fondamentale festa della nostra fede".

    Al termine del Messaggio Urbi et Orbi il Papa ha rivolto gli auguri di Pasqua ai popoli del mondo in 62 lingue (di cui 21 asiatiche, dall'ebraico all'urdu, all'hindi, al cinese, vietnamita, cambogiano, giapponese).

    Riportiamo qui il Messaggio integrale:

     

    "Resurrexit, alleluia - E' risorto, alleluia!".

    Anche quest'anno l'annuncio gioioso della Pasqua,

    risonato con potenza nella Veglia di questa notte,

    viene a rendere più salda la nostra speranza.

    "Perché cercate tra i morti colui che è vivo?

    Non è qui, è risuscitato" (Lc 24,5-6).

    Così l'Angelo rincuora le donne accorse al sepolcro.

    Così ripete la liturgia pasquale a noi,

    uomini e donne del terzo millennio:

    Cristo è risorto, Cristo è vivo tra noi!

    Il suo nome ormai è "il Vivente",

    la morte non ha più alcun potere su di lui (cfr Rm 6,9).

     

    Resurrexit! Oggi Tu, Redentore dell'uomo,

    dal sepolcro ti ergi vittorioso per offrire anche a noi,

    turbati da tante ombre che incombono,

    il tuo augurio di gioia e di pace.

    A Te, o Cristo, nostra vita e nostra guida,

    si volga chi è tentato dallo sconforto e dalla disperazione,

    per udire l'annuncio della speranza che non delude.

    In questo giorno del tuo trionfo sulla morte,

    l'umanità trovi in Te, o Signore, il coraggio di opporsi

    in modo solidale ai tanti mali che l'affliggono.

    Trovi in particolare la forza di far fronte al disumano,

    e purtroppo dilagante, fenomeno del terrorismo,

    che nega la vita e rende torbida e insicura

    l'esistenza quotidiana di tanta gente laboriosa e pacifica.

    La tua sapienza illumini gli uomini di buona volontà

    nel doveroso impegno contro questo flagello.

     

    L'opera delle istituzioni nazionali e internazionali

    affretti il superamento delle presenti difficoltà

    e favorisca il progresso verso un'organizzazione

    più ordinata e pacifica del mondo.

    Trovi conferma e sostegno l'azione dei responsabili

    per una soluzione soddisfacente dei persistenti conflitti,

    che insanguinano alcune regioni dell'Africa,

    l'Iraq e la Terra Santa.

    Tu, primogenito di molti fratelli, fa che tutti coloro

    che si sentono figli di Abramo

    riscoprano la fraternità che li accomuna

    e li spinge a propositi di cooperazione e di pace.

     

    Ascoltate voi tutti che avete a cuore il futuro dell'uomo!

    Ascoltate uomini e donne di buona volontà!

    La tentazione della vendetta

    ceda il passo al coraggio del perdono;

    la cultura della vita e dell'amore

    renda vana la logica della morte;

    la fiducia torni a dar respiro alla vita dei popoli.

    Se unico è il nostro avvenire,

    è impegno e dovere di tutti costruirlo

    con paziente e solerte lungimiranza.

     

    "Signore, da chi andremo?".

    Tu che hai vinto la morte, Tu solo

    "hai parole di vita eterna" (Gv 6,68).

    A Te noi leviamo con fiducia la nostra preghiera,

    che diventa invocazione di conforto

    per i familiari delle tante vittime della violenza.

    Aiutaci a lavorare senza sosta

    all'avvento di quel mondo più giusto e solidale

    che, risorgendo, Tu hai inaugurato.

    Ci è accanto in questo impegno

    "Colei che ha creduto nell'adempimento

    delle parole del Signore" (Lc 1,45).

    Beata Te, Maria, silenziosa testimone della Pasqua!

    Tu, Madre del Crocifisso risorto,

    che nell'ora del dolore e della morte

    hai tenuto accesa la fiamma della speranza,

    insegna anche a noi ad essere,

    tra le contraddizioni del tempo che passa,

    testimoni convinti e gioiosi

    del perenne messaggio di vita e di amore

    portato nel mondo dal Redentore risorto.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/12/2004 VATICANO
    Il Papa: "cessino le violenze, dappertutto c'è bisogno di pace"


    27/03/2005 vaticano
    Messaggio Urbi et Orbi: Il Cristo risorto porta pace, solidarietà, progresso nei valori spirituali
    Il Papa si è affacciato dalla finestra del suo studio per salutare e benedire i fedeli con un fil di voce. Il Messaggio è stato letto dal card. Angelo Sodano.

    08/04/2007 VATICANO
    Papa: anche oggi l’umanità attende dai cristiani testimonianza della Risurrezione
    Nel messaggio “Urbi ed Orbi”, Benedetto XVI ricorda i mali ed il dolore che affliggono il mondo di oggi per esortare l’umanità a riscoprire il vero volto di Dio, che è amore per l’uomo.

    16/04/2017 12:23:00 VATICANO
    Papa nella benedizione Urbi et Orbi: Il Risorto conforti il popolo siriano, il Medio Oriente, l’Africa, l’Ucraina, l’America latina

    Nel messaggio di Pasqua, papa Francesco ricorda il massacro di profughi bombardati ieri mentre erano in fuga ad Aleppo. “I segni della Passione” di Gesù di attirano “sulla sua via, la via della vita”. “Il Pastore Risorto si fa compagno di strada di quanti sono costretti a lasciare la propria terra a causa di conflitti armati, di attacchi terroristici, di carestie, di regimi oppressivi”. Un ricordo all’Europa che manca di “speranza”.



    05/04/2015 VATICANO
    Papa: Gesù vittorioso allevi le sofferenze dei fratelli perseguitati a causa del Suo nome e di tutti coloro che patiscono ingiustamente
    Nel Messaggio pasquale Urbi et Orbi, papa Francesco ricorda anzitutto i luoghi di persecuzione (Siria, Iraq, Kenia) e domanda la pace per Terra Santa, Libia, Yemen, Sudan, Congo, Nigeria, Ucraina. Apprezzamenti per l’accordo di Losanna fra l’Iran e le potenze mondiali. La comunità internazionale non rimanga “inerte”. I cristiani “sono i germogli di un’altra umanità”, dove domina l’umiltà, il servizio e non orgoglio, arroganza, violenza. La via di Gesù, “l’umiltà, che comporta l’umiliazione”, “non è debolezza, ma vera forza!”.



    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®