19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/01/2018, 12.07

    HONG KONG-CINA

    Migliaia protestano per ‘proteggere Hong Kong’ dalle interferenze di Pechino



    Al centro delle critiche la decisione della Cina di gestire il controllo dei viaggiatori alla stazione ad alta velocità di West Kowloon. La fine del principio “una nazione, due sistemi”.

    Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) - Migliaia di persone, soprattutto giovani, sono scesi in strada per protestare contro le interferenze di Pechino sulla vita del territorio, che svilisce l’autonomia promessa con la fine del mandato britannico.

    Portando cartelli con su scritto “Proteggi Hong Kong!”, i dimostranti si sono riversati in centro, vicino alla Civic Square, da poco riaperto al pubblico, dopo le dimostrazioni del 2014 per il suffragio universale. Fra i manifestanti, vi era anche Joshua Wong, il giovane leader del movimento Occupy Central.

    La scorsa settimana, l’Assemblea nazionale del popolo, il parlamento di Pechino, ha deciso di estendere l’autorità della Cina su una parte della stazione ad alta velocità che collegherà Hong Kong al resto della Cina. In pratica polizia e doganieri cinesi saranno responsabili del controllo di tutti I viaggiatori in entrambe le direzioni.

    La Cina si è premunita dicendo che tale regola vale solo per un’area specifica della stazione in West Kowloon e non per tutta la città, ma per molta parte della popolazione questo significa ridurre l’autonomia del territorio, che secondo la Basic Law - la costituzione di Hong Kong firmata da Pechino e Londra - dovrebbe essere garantita seguendo il principio “una nazione, due sistemi”. La decisione dell’Anp è stata criticata dall’associazione degli avvocati di Hong Kong, che bollano la mossa come il passo più retrogrado nell’applicazione della Basic Law dal 1997, l’anno in cui Hong Kong è ritornata sotto la Cina.

    Le interferenze di Pechino su Hong Kong sono molto pesanti: tentativi di inserire nel curriculum scolastico ore di storia sui grandi risultati della madrepatria, a fini propagandistici; riduzione della libertà di educazione nelle scuole, anche quelle private; blocco dei passi verso il suffragio universale nelle elezioni; esclusione di parlamentari democratici dal Consiglio legislativo; rapimento e arresto di editori critici nei confronti della leadership cinese.

    Uno dei dimostranti, di nome Wong, intervistato da Rfa, puntualizza: “Non siamo nemmeno a metà del percorso dei 50 anni in cui si diceva che nulla poteva essere cambiato a Hong Kong e vediamo invece che tutto è stato cambiato e divenuto ‘una nazione, un sistema’”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/01/2018 10:38:00 HONG KONG-CINA
    Joshua Wong condannato a tre mesi di carcere

    L’attivista di Occupy Central colpevole, insieme ad altri 14, di aver ostacolato l’ordine della corte di sgomberare il sito delle proteste. Wong potrà presentarsi alle elezioni parlamentari. L’accanimento giuridico voluto da Pechino. “Potete rinchiudere il nostro corpo, ma non potete sigillare le nostre menti”.



    08/11/2017 10:46:00 HONG KONG - CINA
    Anche Alex Chow rilasciato su cauzione. Il grazie al card. Zen per la visita in prigione

    Chow, insieme a Joshua Wong e Nathan Law potranno appellarsi contro la loro condanna alla prigione. Il “grazie” al segretario per la giustizia Rimsky Yuan per “il viaggio” nella prigione, che ha insegnato a Chow il modo (doppio) in cui la giustizia viene attuata ad Hong Kong. Ricucire il movimento democratico. Il card. Zen visita la prigione di Pik Uk due volte al mese. Ogni anno raccoglie fondi per regalare ai prigionieri I “dolci della luna”, simbolo dell’unità familiar.



    29/09/2016 09:06:00 HONG KONG – CINA
    Il card. Zen al Movimento degli Ombrelli: La Chiesa deve denunciare le ingiustizie. Senza scoraggiarsi

    Una messa davanti al parlamento di Hong Kong per ricordare le manifestazioni pro-democrazia di due anni fa. Nella città e in particolare ad Admiralty (dove si radunarono centinaia di migliaia di persone) un altro momento alla presenza di Benny Tai. Tutte le dimostrazioni sono avvenute alle 6 del pomeriggio, quando due anni prima la polizia aveva lanciato il primo gas lacrimogeno. La speranza per il futuro.



    18/08/2017 11:31:00 HONG KONG
    Pene più severe per Joshua Wong e due attivisti pro-democrazia

    L’anno scorso la corte aveva condannato Joshua Wong, Nathan Law e Alex Chow ai lavori sociali, ma la pena era stata considerata troppo lieve dal governo di Hong Kong. La condanna a diversi mesi di prigione comporta l’estromissione dalle elezioni per cinque anni. Per gli attivisti dei diritti umani è una mossa politica per escludere i giovani e scoraggiare nuove proteste.



    21/07/2016 08:43:00 HONG KONG-CINA
    Occupy Central: Joshua Wong, Nathan Law e Alex Chow condannati per raduno illegale

    I tre giovani che hanno innescato le proteste del movimento “degli ombrelli”, rischiano alcuni anni di prigione. Occupy Central era nato per domandare piena democrazia nel territorio. Wong: “Non siamo pentiti di quanto abbiamo fatto”. La minaccia alla libertà di espressione.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®