17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/10/2017, 12.02

    INDIA

    Missionario: L’attacco alle scuole cattoliche è per colpire il gioiello della presenza cristiana in India



    La testimonianza di p. Carlo Torriani, in India per 50 anni. Gli istituti vengono chiusi per cavilli burocratici. Radicali indù accusano gli insegnanti di conversioni forzate. Lo scopo reale dei nazionalisti è macchiare l’immagine della Chiesa. Gli indù vogliono frenare l’avanzata sociale dei dalit istruiti dai cattolici e perpetuare il sistema delle caste.

    New Delhi (AsiaNews) – Le intimidazioni dei radicali indù “contro le scuole cattoliche hanno uno scopo ben preciso: colpire il gioiello della presenza cristiana in India”. Lo afferma ad AsiaNews p. Carlo Torriani, Pime, per quasi 50 anni missionario in India. Il sacerdote interviene sulla vicenda della chiusura del collegio cattolico che ospitava bambini poveri in Madhya Pradesh. A partire da quell’episodio, p. Torriani mette in luce i continui abusi degli indù contro le scuole cristiane nel Paese. Per il sacerdote, il vero obiettivo di quelle aggressioni, nelle quali gli amministratori cattolici sono anche accusati di conversioni forzate, è “infangare l’immagine della Chiesa cattolica e frenare il suo lavoro con poveri, tribali e dalit”.

    Sulla questione dei dalit interviene un insegnante da Mumbai (che chiede l’anonimato), che aggiunge: “I cristiani sostengono l’uguaglianza tra tutti gli uomini. In India invece da secoli è in vigore il sistema delle caste”. Anche se abolita dalla Costituzione, la discriminazione sociale basata sulla gerarchia di casta è ancora molto forte su tutto il territorio. I dalit vengono relegati ai lavori più umili, gli ex “intoccabili” fanno fatica a trovare impieghi dignitosi e ad essere ammessi nelle scuole.

    Ma qualcosa sta cambiando, grazie alle opere della Chiesa. Proprio questo aspetto, suggerisce p. Torriani, è la chiave di volta per comprendere il tentativo delle amministrazioni locali di chiudere le istituzioni cattoliche. “Eliminando le discriminazioni – afferma – si incrina la gerarchia sociale su cui per anni si è radicata l’India”. Uno studente concorda: “I cristiani si oppongono all’egemonia delle caste e creano consapevolezza del proprio valore tra i popoli oppressi. Ma per il governo centrale, guidato da un partito nazionalista indù Bjp (Bharatiya Janata Party), questa uguaglianza crea scompiglio, mentre esso vuole perpetuare la divisione della società e lo sfruttamento delle caste elevate su quelle inferiori”.

    Colpendo le scuole, continua p. Torriani, “si vuole mettere in discussione il gioiello dell’attività della Chiesa in India. Quasi tutte le parrocchie hanno un centro educativo, con il quale si raggiungono fasce della popolazione molto più ampie rispetto ai fedeli che vanno in chiesa. La richiesta d’istruzione in India è fortissima. Tutti vogliono mandare i figli a scuola perché sanno che il loro futuro deriva dall’istruzione. E le scuole cattoliche sono quelle più rispettate, famose ed efficienti”. Purtroppo, continua, “il governo centrale non fa nulla per frenare gli estremisti. A loro volta questi ultimi si fanno forza della protezione delle autorità”.

    Un ex insegnante di una scuola cattolica spiega che di frequente “le amministrazioni statali mandano dei propri controllori per verificare le condizioni delle scuole. Essi utilizzano futili cavilli burocratici pur di denunciare un malfunzionamento e obbligare alla chiusura. Ma si tratta solo di vendetta”. Poi lancia un invito: “Venite a vedere come sono ridotte quelle governative. Mancano le aule, i banchi, la luce e i ventilatori. Sul totale delle scuole cattoliche, almeno il 75% rispetta tutti gli standard. E quelle che non sono a norma per piccole formalità, sono comunque meglio delle scuole statali”.

    Gli indù delle upper caste (caste superiori), conclude p. Torriani, “si sentono minacciati da questa avanzata di dalit nella scuola, nei lavori, nell’impiego. Vedono in questo progresso sociale dei dalit, reso possibile dall’istruzione, una minaccia economica, di posizione, di privilegi di cui hanno sempre goduto”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/06/2017 12:31:00 INDIA
    India, governo e opposizione candidano dalit alla presidenza, "ma le caste restano"

    Ram Nath Kovind è sostenuto dal Bharatiya Janata Party; Meira Kumar da 16 partiti di opposizione guidati dal Congress. Entrambi hanno più di 70 anni e lunghe esperienze in politica. Lenin Raghuvanshi ritiene che la scelta di esponenti dalit “non scalfisce i mali del sistema delle caste”. Il premier Narendra Modi è riuscito a spaccare le opposizioni.



    18/06/2015 INDIA
    Radicali indù chiedono di bandire le scuole cattoliche dall’India
    Lo propone l’organizzazione di destra Hindu Janajagruti Samiti durante l’All India Hindu Convention. Vescovo ausiliare di Ranchi: “Chi frequenta le nostre scuole lo fa per sua libera scelta, per via dell’educazione eccellente che si riceve in questi istituti”. Global Council of Indian Christians (Gcic): “Anche i familiari per dei radicali indù scelgono le scuole cattoliche”.

    22/04/2015 INDIA
    Jharkhand, radicali indù contro una scuola cattolica: Deve chiudere subito
    Oltre 60 militanti dell’ala studentesca del partito di governo (Bharatiya Janata Party, nazionalista indù) hanno fatto irruzione nell’istituto Holy Cross di Hazaribagh. Dopo aver assistito inerme, la polizia ha arrestato 16 persone. Global Council of Indian Christians (Gcic): “Gli estremisti attaccano le istituzioni cristiane perché non tollerano che aiutino poveri e oppressi”.

    20/10/2004 india
    L'Al Qaeda indù: il fondamentalismo come strumento politico
    John Dayal, leader delle associazioni cristiane: "Vogliamo che il governo condanni le organizzazioni fanatiche. Occorrono leggi per le minoranze".

    06/09/2006 INDIA
    Jharkhand, parrocchie assaltate e derubate dei fondi per i tribali

    Negli ultimi due mesi si sono verificati furti e violenze in sette parrocchie della diocesi di Daltenganj. Sacerdote denuncia: "Vogliono impedire la nostra missione a favore degli emarginati".





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®