28 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  •    - Kazakistan
  •    - Kyrgyzstan
  •    - Tagikistan
  •    - Turkmenistan
  •    - Uzbekistan
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/12/2016, 15.03

    MONGOLIA - CINA

    Mongolia “pentita” non ospiterà più il Dalai Lama



    Le sanzioni economiche imposte dalla Cina, maggiore partner commerciale della Mongolia fanno cambiare idea al Paese.

     

    Ulaan Bataar (AsiaNews) –Tsend Munkh-Orgil, il ministro mongolo degli Esteri ha espresso rammarico a nome del Paese per aver ospitato il leader spirituale del buddismo tibetano. In un’intervista del giornale nazionale Unuudur, il ministro ha inoltre comunicato che “sotto l’attuale governo, il Dalai Lama non sarà più invitato in Mongolia neppure per motivi religiosi”.

    Il mese scorso, la Mongolia ha deciso di ospitare il Dalai Lama nonostante le severe ammonizioni ricevute dal governo cinese, che vede il leader spirituale come un nemico politico e un separatista. Dopo la visita del capo del buddismo tibetano, il governo cinese ha rimandato gli incontri bilaterali previsti con il vice ministro mongolo ed ha applicato pesanti sanzioni economiche al Paese. Tali sanzioni hanno rappresentato un duro colpo per l’economia mongola, influenzata in modo determinante dalla Cina, primo partner commerciale del Paese. A metà dicembre, il governo indiano si è offerto di stanziare un miliardo di dollari Usa per affrontare le sanzioni politiche imposte dalla Cina.

    Secondo i dati di Trading Economics, la Cina è il destinatario dell’89% delle esportazioni minerarie mongole – in particolare rame, carbone e oro – hanno un volume di 4,93 miliardi di dollari Usa.

    La Mongolia ha già ospitato il Dalai Lama nel 2006 e in risposta la Cina ha cancellato – per un breve periodo – tutti i voli previsti fra Pechino e Ulaan Bataar. Il governo cinese serba rancore per ogni Paese che ospita il monaco vincitore del premio Nobel per la Pace e spera e quasi sempre attua sanzioni economiche contro di loro. Durante la sua visita in Mongolia, il Dalai Lama ha comunicato l’intenzione di visitare il neo eletto presidente degli Stati Uniti Donald J. Trump.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/11/2016 13:02:00 CINA - MONGOLIA
    Dopo la visita del Dalai Lama, Pechino cancella gli incontri bilaterali con la Mongolia

    Annullato anche il vertice semestrale consultivo fra parlamentari dei due Paesi; in dubbio la visita del premier mongolo il prossimo anno a Pechino. Un colpo per l’economia della Mongolia, che conta sui prestiti e gli investimenti cinesi. Ulaan Bataar: la visita del leader spirituale tibetano di natura “religiosa”, il governo “non ha avuto alcun ruolo”. 

     



    22/11/2016 12:44:00 MONGOLIA
    Dalai Lama in Mongolia, verso un’istruzione buddista più moderna

    Durante la sua visita in Mongolia, il Dalai Lama ha annunciato davanti ai membri della comunità buddista mongola il rinnovamento del sistema d’istruzione buddista verso un modello più moderno. 



    21/08/2006 mongolia - tibet - cina
    Il Dalai Lama atteso in Mongolia

    Si teme una reazione violenta della Cina, mentre la popolazione mongola celebra la riconquistata libertà religiosa, dopo gli anni del comunismo.



    26/06/2017 14:37:00 MONGOLIA
    Elezioni presidenziali: economia, rapporti con la Cina e libertà religiosa sul piatto della bilancia

    I due principali candidati sono Mieygombo Enkhbold, del Partito del Popolo mongolo, e Khaltmaa Battulga, del Partito democratico nazionalista. Il voto è un referendum sulla politica economica. Lento tentativo di affrancarsi dall’egemonia cinese. Per quanto riguarda la religione, “tutto invariato per il buddismo, che è tutelato dallo Stato, e per i cristiani che hanno le mani legate”.



    07/09/2015 TIBET – CINA
    Il vero Panchen Lama “sta bene e non vuole essere disturbato”. E' scomparso da 20 anni
    Un funzionario del Dipartimento del Fronte unito della provincia del Tibet ha risposto a una domanda su Gedhun Choekyi Nyima, rapito da Pechino quando aveva 6 anni: “Studia e cresce in salute. Ma il suo riconoscimento da parte del Dalai Lama è stato illegale e invalido”.



    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®