29 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  •    - Kazakistan
  •    - Kyrgyzstan
  •    - Tagikistan
  •    - Turkmenistan
  •    - Uzbekistan
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/05/2017, 11.23

    KAZAKHSTAN

    Mons. Dell’Oro: la Madonna di Fatima a Karaganda, terra dei lager sovietici



    Per il Centenario dalle apparizioni della Madonna di Fatima, le Chiese di Russia, Kazakhstan e degli altri Paesi dell’Asia centrale si incontrano nella città un tempo centro di gulag. L’icona della Madonna ha viaggiato per il territorio, coinvolgendo le famiglie cattoliche, ma anche ortodossi e musulmani. Il Centenario, uno stimolo “alla conversione per la vita”. La consacrazione della Russia e dell’Asia centrale a Maria.

    Karaganda (AsiaNews) – Per la Chiesa kazaka le celebrazioni per il centenario delle apparizioni della Vergine ai pastorelli di Fatima sono “giornate di intenso lavoro” e di devozione a Maria, nel segno della convivenza e del rinnovamento. Un giorno atteso da tutta la comunità cristiana con calore ed entusiasmo. Lo racconta ad AsiaNews mons. Adelio Dell’Oro, vescovo della diocesi di Karaganda.

    La diocesi di Karaganda ha organizzato una serie di conferenze, incontri e cerimonie nella Cattedrale di Nostra Signora di Fatima, nella città di Karaganda. Gli incontri sono iniziati il 9 maggio e culmineranno con la messa la mattina del 13 maggio.

    Per l’occasione le Chiese cattoliche dell’Asia centrale e di Russia si sono ritrovate in un momento di incontro che si ripete ogni anno dopo la Pasqua, e che quest’anno è stato fatto coincidere con le celebrazioni per la Madonna di Fatima.

    Agli eventi partecipano tutti i sacerdoti e suore cattolici dell’Asia centrale e Russia, e non solo: domani interverrà con una sua relazione un vescovo ortodosso, portando la testimonianza della devozione ortodossa alla Madonna. Inoltre, quest’oggi 70 laici parteciperanno al Congresso mariano sui fatti di Fatima. Mons. Paolo Pezzi, arcivescovo di Mosca, parlerà della venerazione a Maria come metodo per vivere la fede: “Perché come Maria, anche noi siamo strumento affinché il Signore si faccia carne”.

    Nel programma è previsto anche il concerto d’organo del musicista senese, Cesare Mancini, e una visita alla fossa comune in cui sono sepolti 20mila caduti della Seconda guerra mondiale.

    Il momento più atteso è la celebrazione del 13 maggio mattina, presieduta dal cardinale Josef Cordes, inviato speciale del papa: “È un modo per la Chiesa di dimostrare la vicinanza alla nostra comunità”. Nell’occasione, le Chiese di Russia e dell’Asia centrale rinnoveranno la loro consacrazione alla Madonna. Per la Chiesa russa, la consacrazione alla Vergine ha un valore importante, poiché fu una richiesta rivolta dalla Madonna stessa ai pastorelli di Fatima, quando lì avvisò che se la Russia comunista si fosse allontanata dalla fede ci sarebbero state gravi conseguenze in tutto il mondo.

    La comunità vive l’esperienza con molto entusiasmo: “L’icona della Madonna di Fatima ha viaggiato per le parrocchie, dove si fermava per 10-15 giorni. Veniva anche portata nelle case delle famiglie durante i momenti di preghiera e le recitazioni del rosario. Ha risvegliato il senso dell’apparizione. Da molte parrocchie ho avuto delle bellissime testimonianze. Ad Almaty una signora anziana, a letto da molto tempo, si è alzata quando è arrivata l’icona. Ad Astana, invece, si sono radunati a pregare insieme cattolici, ortodossi e addirittura musulmani”.

    “La domanda ora è cosa ci chiede Dio, se siamo qui per ‘i nostri’ o per tutti. È un momento ‘positivamente critico’, una vera sfida a mostrare un'esperienza di fede affascinante.”

    Nei pensieri del presule, vi sono i giovani del Kazakhstan: “La sfida è conquistare i giovani, anche loro schiacciati dal peso della globalizzazione, presi dalle manie di soldi e carriera. Io sono arrivato qui per la prima volta nel 1997, al tempo ero con la Caritas. Allora l’università era piena di giovani che avevano una domanda vivissima sul senso della vita, che ora è sotto la cenere”.

    La diocesi di Karaganda è grande due volte l’Italia, e il numero dei fedeli è difficile da definire, come nel resto del Kazakhstan. “Le statistiche sono fatte su base nazionale, quindi i kazaki sono contati come musulmani, i tedeschi cattolici e protestanti, i polacchi cattolici e i russi ortodossi, perciò i numeri sono difficili da dire”. Nella diocesi ci sono circa 20 parrocchie, con circa 8mila fedeli che partecipano in maniera attiva. “Difficile da dire, può capitare di tutto, anche che muoia un nonno ortodosso e che si tengano i funerali in una nostra chiesa”.

    Il cristianesimo in Kazakhstan si è sviluppato con entusiasmo dalla caduta dell’Unione Sovietica: “Prima, 25 anni fa, la fede era comunicata attraverso la persecuzione. Da quando è caduta l'Unione Sovietica, c'è stata libertà di professione di fede, che ha portato un momento di grande entusiasmo per tutti, non solo per i cristiani. Sono arrivati tanti sacerdoti polacchi e tedeschi, che hanno radunato cattolici e cristiani, e sono state costruite tante nuove chiese. Negli ultimi 20 anni molti sono tornati nei loro Paesi, soprattutto per la politica polacca sul rimpatrio”. Molti tedeschi, polacchi e ucraini sono giunti in Kazakhstan con le deportazioni staliniane. Karaganda era il centro maggiore dei lager. “Le nostre comunità – continua il vescovo – rimpiccioliscono. Inoltre, secondo me, durante il periodo sovietico i laici erano più partecipi perché senza sacerdoti si sentivano responsabili”.

    Proprio per questo, conclude mons. Dell’Oro, “mi aspetto che [questa celebrazione] sia uno stimolo di conversione della mia vita per rendere Dio più presente attraverso di me. Come dice la Madonna, ‘il mio cuore vincerà’”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/02/2005 VIETNAM - RUSSIA
    Fatima, la Madonna "controrivoluzionaria" ed "ecumenica"
    In Vietnam e Russia, paesi segnati dall'ateismo comunista, la devozione alla Madonna di Fatima sostiene le speranze dei fedeli.

    15/05/2017 08:38:00 INDIA
    Karjat, 3mila cattolici e non al centenario di Fatima. Card. Gracias: Pregate per la pace (Foto)

    Il santuario nel Maharashtra è il più antico di tutta l’Asia. L’arcivescovo di Mumbai benedice il nuovo altare. Tutti i fedeli rifocillati con il pranzo. Le famiglie consacrate al Cuore Immacolato di Maria.



    04/04/2017 15:20:00 INDIA
    L’arcidiocesi di Goa e Daman si prepara al centenario delle apparizioni di Fatima

    La prima apparizione della Madonna avvenne il 13 maggio 1917; le successive quattro fino al 13 ottobre dello stesso anno. L’arcidiocesi indiana ha organizzato celebrazioni speciali per tutto il centenario, e in particolare nelle cinque date che ricordano le apparizioni. Il messaggio di Fatima è ancora attuale. L’importanza della penitenza per santificare la vita cristiana.



    11/05/2017 08:23:00 VATICANO-FATIMA
    Papa Francesco: Alla Madonna di Fatima i fiori più belli, i fratelli e sorelle di tutto il mondo redenti dal suo sangue

    Videomessaggio del pontefice al popolo portoghese in occasione del suo pellegrinaggio al santuario della Vergine.  Il pellegrinaggio dal titolo "Con Maria, pellegrino nella speranza e nella pace" avrà luogo domani e dopodomani.



    22/05/2017 12:38:00 INDIA
    Hyderabad, devastata la chiesa della Madonna di Fatima (Foto e Video)

    La folla era composta da circa 100 aggressori. Il luogo religioso inaugurato il 13 maggio, nel centenario delle apparizioni. L’assalto dettato da una disputa terriera. Arcivescovo Thumma Bala: “Profondamente addolorati”.





    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®