27 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/07/2012
INDIA - VATICANO
Mons. Machado: Anche l'India è materialista e ha bisogno dell'Anno della Fede
di Nirmala Carvalho
Il vescovo di Vasai ha tradotto in Marathi la Lettera del papa e l'ha distribuita a tutti i fedeli della diocesi. Con il materialismo, che si ferma alle apparenze, la vita diventa un peso enorme. L'esempio di Madre Teresa per una testimonianza di fede che ravvivi anche il dialogo interreligioso e l'ecumenismo.

Mumbai (AsiaNews) - "Porta Fidei, la lettera apostolica di Benedetto XVI sull'Anno della Fede interessa in modo diretto l'India e la sua crisi di fede che io vedo attorno a me": è quanto afferma mons. Felix Machado, vescovo di Vasai in un'intervista ad AsiaNews che definisce "il dono dell'Anno della fede come una risposta al clima di mancanza di fede e un impeto per il dialogo interreligioso".

Mons. Machado spiega che "Ogni famiglia della mia diocesi riceverà fra breve due libretti: il Credo di Paolo VI e la lettera Porta Fidei. In essa il papa indica nella crisi di fede l'origine di ogni problema e perciò rimane vitale per noi ritornare alle radici della fede".

"Intorno a me - aggiunge il prelato - vedo segni di crisi perché la gente vive solo secondo le apparenze. Sono d'accordo nell'assicurare i beni materiali per la propria vita, ma enfatizzarli come l'unica preoccupazione crea tensioni e lotte e la vita diventa un peso enorme".

"Il significato delle nostre vite dovrebbe essere basato non solo su ciò che appare e su ciò che vediamo. In tal modo la gente è divenuta più materialista. Il materialismo ha portato le persone a dimenticare che esiste anche una realtà al di là degli elementi fisici. E questa è la crisi di fede".

"Questo Anno della Fede - aggiunge - è un dono del Cilo per rivitalizzare la nostra fede. Per questo ho radunato tutti i sacerdoti della mia diocesi e presentato loro il messaggio contenuto nella Lettera Porta Fidei. La lettera è stata tradotta in Marathi e viene distribuita a tutti i fedeli della diocesi".

Mons. Machado è anche il presidente della Sezione Ecumenismo e dialogo interreligioso per la Conferenza episcopale indiana. A questo proposito, egli afferma che nella Porta Fidei vi sono importanti indicazioni anche per il dialogo interreligioso.

"L'Anno della Fede rafforzerà il dialogo e l'ecumenismo. Se ognuno di noi vive con integrità il messaggio della fede cristiana, in modo inevitabile attrarrà altre persone a questa fede".

"Come cristiani dobbiamo permettere alla luce di Cristo di risplendere: tutti siamo chiamati ad accendere la nostra lampada della fede".

"Madre Teresa ha dato una profonda impronta al dialogo interreligioso attraverso il suo essere testimone di Cristo. Madre Teresa è stata amata e rispettata da gente di ogni religione e perfino dagli atei. Ella è sempre stata una viva testimonianza della fede e ha di continuo sottolineato che il suo servizio ai poveri era motivato dal proprio amore a Gesù.

In Porta Fidei  il Santo Padre cita Madre Teresa. Questa donna non ha mai annacquato la sua fede e attraverso le sue opere di amore, ha radunato insieme gente di ogni provenienza. Perfino alla sua morte, ai suoi funerali si sono uniti persone di tutte le religioni, in numero enormemente superiore ai cristiani presenti."

"Questo Anno della Fede - conclude il vescovo - è il tempo opportuno per una riconferma e un rafforzamento della nostra fede, per dare alla vita un nuovo orizzonte e un preciso orientamento".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/09/2012 VATICANO - ASIA
Riscopriamo la fede, riscopriamo il Concilio
di Piero Gheddo
01/10/2012 INDIA
Vijayawada: centinaia di sacerdoti e suore si preparano per l’Anno della Fede
di Benigna Mezenes*
21/05/2012 VATICANO - CINA
"Porta Fidei": la Lettera apostolica del Papa per l'Anno della fede ora anche in cinese
07/10/2012 VATICANO
Papa: Gesù il Cristo, punto centrale e terminale dell'evangelizzazione
01/04/2012 VATICANO
Papa: Inizia la Settimana Santa. Domandiamoci chi è per noi Gesù di Nazaret

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate