18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/07/2011, 00.00

    RUSSIA

    Mosca, vietato pubblicizzare l’aborto senza avvertire le donne dei rischi

    Nina Achmatova

    Lo prevede un disegno di legge approvato alla Duma. Il governo continua a combattere contro il calo demografico: ogni anno oltre 1,5 milioni di interruzioni di gravidanza.
    Mosca (AsiaNews) – Preoccupata del costante calo demografico che affligge il Paese più grande del mondo, la Duma (la Camera bassa del parlamento) ha approvato un disegno di legge secondo il quale, tutte le pubblicità relative a pratiche di aborto dovranno contenere avvertimenti sui possibili rischi per la salute della donna. La bozza è passata in terza lettura lo scorso 1mo luglio; ora si attende il via libera del Consiglio federativo (il Senato) e poi la firma – praticamente scontata - del presidente Dmitri Medvedev, da sempre paladino dei valori della vita e della famiglia.

    Secondo quanto riporta la stampa russa, si tratta di un emendamento alla legge sulla pubblicità, in cui si stabilisce che il 10% dello spazio usato per pubblicizzare l’aborto dovrà informare le donne anche sulle possibili conseguenze negative, come l’infertilità. “La pubblicità per l’aborto non deve contenere affermazioni sulla sicurezza di tali servizi sanitari”, si legge nel testo del disegno di legge, diffuso dalle agenzie stampa. “Queste pubblicità - spiega Viktor Zvagelsky, deputato del partito di maggioranza Russia Unita - fanno credere alle giovani che non avranno problemi nell’interrompere una gravidanza”. E motiva la proposta della nuova legge con la situazione “deprimente” degli aborti in Russia.

    La Federazione ha uno dei tassi di aborto più alti del mondo e da tempo gli esperti parlano di “coma demografico”. Stando alle cifre pubblicate dal sito della Duma, nel 2007 le interruzioni di gravidanza sono state 1,5 milioni. L’Unione sovietica è stato il primo Paese nel 1920 a legalizzare l’aborto, bandito di nuovo da Stalin (dal 1936 fino alla sua morte nel 1954) interessato a incentivare le nascite. Allo stesso scopo, il Partito comunista ha poi elargito riconoscimenti e denaro alle coppie più prolifiche, ma subito dopo il crollo dell’Urss il calo demografico è diventato inarrestabile: dal 1992 al 2008 la popolazione è scesa di oltre 12 milioni di individui fino a circa 143 milioni. Le Nazioni Unite prevedono che per il 2050 la Russia perderà un quinto della sua popolazione, arrivando a 116 milioni. Il fenomeno è dovuto a una dieta alimentare povera che provoca problemi di cuore, all’alto tasso di alcolismo tra gli uomini, alla diffusione dell’Hiv/Aids e all’elevato numero di morti violente.

    Per combattere quella che Mosca vede come una vera guerra per la sopravvivenza, il governo si appoggia anche alla Chiesa ortodossa che da anni chiede interventi più severi per ridurre il numero di aborti. Secondo dati dell’Università sociale russa, le interruzioni di gravidanza sono annuali sono ben superiori alle cifre ufficiali e si attesterebbero tra tre e quattro milioni.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/06/2012 RUSSIA
    L'icona della Madonna di Czestochowa a Vladivostok: "da oceano ad oceano" si prega per la vita, contro l'inverno demografico
    Cattolici e ortodossi uniti nella devozione alla Madre di Dio e contro l'aborto. L'icona viaggerà dall'oceano Pacifico fino all'Atlantico, passando per 22 Paesi. Polonia e Ungheria subiscono pressioni dal parlamento europeo e da organizzazioni anti-famiglia per attuare legislazioni abortive. La Russia, prima nazione al mondo a legalizzare l'aborto, lo vede ora come una piaga sociale.

    05/02/2013 CINA
    Bambino di 13 mesi sfracellato contro un auto: superava la quota del figlio unico
    L'auto è quella del funzionario per il controllo sulla popolazione. I genitori del piccolo venivano trasportati nell'ufficio per essere multati. La legge sul figlio unico è criticata da demografi perché contribuisce al rapido invecchiamento della popolazione e alla diminuzione di forza lavoro. Ma il governo continua a mantenerla.

    24/01/2011 RUSSIA
    Il presidente ceceno sostiene il codice d’abbigliamento del Patriarcato di Mosca
    L'ortodossia russa lancia l’idea di un dress code nazionale contro il malcostume delle donne, ma raccoglie l’appoggio solo del presidente ceceno Kadyrov. L’opinione pubblica critica l’ingerenza della Chiesa nella sfera privata.

    27/08/2004 filippine
    Mons. Capalla: "Legge sui 2 figli: sistema coercitivo contro le coppie"

    La Conferenza episcopale filippina condanna la legge sul controllo della popolazione



    13/10/2004 india
    Licenziato per aver violato le norme sul controllo della popolazione
    Mons. Fernandez: "A rischio tutti i diritti individuali". Anche gruppi femminili giudicano le norme "discriminatorie".



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®