16/02/2010, 00.00
IRAQ

Mosul, violenze anticristiane: due omicidi e un sequestro in 24 ore

La comunità cristiana ancora nel mirino delle bande armate, mentre il governo non fa nulla per fermare gli attacchi. In due raid uccisi due commercianti, un terzo uomo è rimasto ferito. Per il cristiano rapito chiesta “una forte somma di denaro”. Leader cristiano a Erbil: legami politici fra la cacciata dei cristiani dall’Iraq e le recenti stragi a Baghdad.
Mosul (AsiaNews) – In poco più di 24 ore due commercianti cristiani uccisi, uno ferito e un quarto rapito, per la cui liberazione i sequestratori hanno chiesto una “forte somma di denaro”. Non si ferma la striscia di sangue e violenze contro la comunità cristiana a Mosul, nel nord dell’Iraq, ancora nel mirino delle bande armate e abbandonata dalle autorità locali che, come testimonia una fonte di AsiaNews, “non fanno nulla per difenderli”.
 
Ieri è morto un commerciante cristiano di verdure nel quartiere 17 Tammouz. L’uomo, Najim Abdullah Fatoukhi di 42 anni, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco davanti al suo negozio. Gli assalitori hanno sparato da una vettura, poi si sono allontanati indisturbati.
 
Il giorno precedente, domenica 14 febbraio, è stato ucciso Rayan Bashir Salem. Il commando armato è entrato nella casa dell’uomo, nel quartiere di Al Mishraq, e gli ha sparato a bruciapelo. Nell’imboscata è rimasto ferito anche il fratello, Thair. La vittima, anch’egli un commerciante, era proprietaria di un negozio di surgelati.  
 
Il 13 febbraio, infine, una banda di malviventi ha sequestrato Sabah al Dahhan, facendo perdere le proprie tracce. Fonti locali riferiscono che i rapitori hanno chiesto “una elevata somma di denaro” per la sua liberazione.
 
Fonti di AsiaNews a Mosul, che chiedono l’anonimato per motivi di sicurezza, parlano di “una persecuzione che prosegue nell’indifferenza generale” e aggiungono che “i cristiani vivono nel panico” e mirano a lasciare la città.
 
I cristiani sono convinti che “non si tratta di criminali normali” e che dietro agli attacchi ci sono “precisi piani politici”: la creazione di un’enclave cristiana nella piana di Ninive e il governo “non fa nulla per contrastarla”.
 
Una personalità politica cristiana di alto profilo a Erbil, nel Kurdistan irakeno, spiega che “anche gli attacchi a Baghdad” del recente passato – che hanno causato centinaia fra morti e feriti – sono legati al “progetto di una zona dove confinare la comunità cristiana”.
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mosul: ucciso uno studente di 20 anni, continua il “Venerdì Santo” dei cristiani
17/02/2010
Mosul: ucciso uno studente cristiano, la comunità denuncia un “massacro politicizzato”
16/02/2010
Ancora un omicidio mirato contro la comunità cristiana di Mosul
18/12/2009
Mons. Sako: a Mosul è in atto una “pulizia etnica” contro i cristiani
16/12/2009
Mosul: ancora omicidi e sequestri di cristiani, per costringerli nella piana di Ninive
07/09/2009