18/03/2015, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Mumbai: ritiro spirituale "online", per i lavoratori dell'India

di Nirmala Carvalho
L'iniziativa è di p. Errol Fernandes sj, docente di Sacre Scritture al seminario arcidiocesano di Mumbai. Il "Net Retreat" si terrà dal 23 marzo al 5 aprile 2015. Il gesuita: "Il mio impegno costante è rendere la Parola di Dio quanto più pratica e tangibile possibile".

Mumbai (AsiaNews) - Un ritiro "digitale" rivolto a persone di ogni religione che in Quaresima desiderano partecipare a un esercizio spirituale ma non hanno il tempo di assentarsi dal lavoro. È il "Net Retreat" ("ritiro in rete") ideato e promosso da p. Errol Fernandes sj, docente di Sacre Scritture al seminario dell'arcidiocesi di Mumbai. Il gesuita ha tenuto la prima edizione nel 2003 per una coppia, e da allora l'iniziativa continua a crescere. Per iscriversi è sufficiente inviare una mail all'indirizzo netretreat2015@gmail.com. Per il 2015 il ritiro spirituale online si terrà dal 23 marzo al 5 aprile: in queste settimane, ogni giorno il gesuita invierà via mail il materiale necessario per pregare: un video su YouTube, un file Mp3 e un documento Word. A loro volta, i partecipanti dovranno tenere un diario quotidiano, nel quale annotare le loro emozioni durante il ritiro. Di seguito, l'intervista di AsiaNews a p. Errol Fernandes sj. 

Perché un ritiro spirituale online e quanti si sono già iscritti?

Ho condotto il primo Net Retreat nel 2001 per una coppia che voleva andare in ritiro ma non riusciva a trovare il tempo per incontrarmi di persona. Da allora ne ho organizzati altri cinque e il numero di partecipanti è cresciuto di anno in anno. Nel 2003 c'erano 100 persone, per lo più dall'India. Nel 2005 e di nuovo nel 2011 ho organizzato due ritiri, a cui hanno partecipato persone da tutto il mondo: rispettivamente 300 e 500. Tutti questi erano in "formato Word", nel senso che ogni mattina i partecipanti ricevevano via mail un documento Word contenente le istruzioni per la preghiera. Il materiale era sufficiente per pregare almeno due ore. Nel 2013 ho cambiato e ho suddiviso il materiale inviato in tre formati diversi: un link a un video di YouTube con una mia predica; una registrazione in Mp3; un documento word. I contenuti erano simili, ma ho diversificato i formati per rispondere ai vari gusti e alle esigenze della gente. Alcuni, per esempio, avevano una connessione internet lenta e non riuscivano a vedere e sentire la conferenza su YouTube. Quell'anno ci sono state oltre 1.000 persone registrate, ma il numero effettivo di partecipanti è stato superiore poiché molti mi hanno chiesto di poter girare quelle mail ai loro contatti.

Durante la Quaresima, molti nella Chiesa propongono di "digiunare" da internet e da social media come Facebook. Lei invece usa la rete per predicare il Vangelo.

Il digiuno non può mai essere fine a se stesso. La proposta di digiunare da quello di cui uno è dipendente è nel giusto spirito del digiuno. Serve a mostrare che si è totalmente dipendenti solo da Dio e che le cose esterne non possono prendere il controllo su di noi. Tuttavia, se questi strumenti vengono usati per il bene, allora è possibile utilizzarli. Il punto chiave è "guardarsi dagli idoli". (1 Gv 5:21)

Cosa la preoccupa e quali sono le sfide del suo "Net Retreat"?

La parabola del seme che cresce in segreto mi aiuta a comprendere che devo fare solo tutto quello che mi è richiesto e lasciare il resto nelle mani di Dio. Mi chiede di seminare, dormire la notte, svegliarmi il mattino e assicurarmi che il seme sia cresciuto. È per questo che sono abbastanza rilassato. Tuttavia, riguardo quello che mi si richiede, credo che la sfida più grande sia la pertinenza. Il mio impegno costante è rendere la Parola di Dio quanto più pratica e tangibile possibile. Sono fermamente convinto che le Scritture contengano la risposta a tutte le domande della vita. Il nostro lavoro è trovarle e leggerle in un modo che ci permetta di capire. Questo è quello che cerco di fare con il materiale didattico e con le mie conferenze.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Arcivescovo dell’Orissa: nessuna persecuzione può distruggere la nostra fede
10/12/2012
Un ritiro spirituale a Dubai mantiene viva la fede fra i migranti in Medio Oriente
26/11/2013
Arunachal Pradesh, 600 giovani pregano per la pace (Foto)
30/05/2019 11:47
Orissa, 3mila fedeli al ritiro di Quaresima per il rinnovamento dello spirito
18/03/2017 11:50
Semarang, 418 sacerdoti della diocesi per un ritiro sulla vita consacrata (Foto)
19/04/2019 11:51