01 Ottobre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/05/2014, 00.00

    GIAPPONE

    Nagasaki, un museo per celebrare i "cristiani nascosti" rimasti fedeli a Gesù sotto le persecuzioni



    La sede sarà inaugurata il prossimo gennaio in occasione dei 150 anni dalla "riemersione" dei "Kakure Kirishitan", i cattolici rimasti per due secoli fedeli all'insegnamento cattolico pur senza alcun contatto con la Chiesa. La zona non è distante dall'area colpita dal bombardamento atomico, un modo per "preservare e tenere viva" la memoria dei cattolici morti durante la II Guerra mondiale.

    Nagasaki (AsiaNews) - Grazie a una collaborazione fra un'editrice e l'arcidiocesi cattolica, il prossimo gennaio aprirà a Nagasaki un museo per celebrare i "Kakure Kirishitan", i cristiani rimasti fedeli a Cristo e alla Chiesa nonostante una feroce persecuzione e la totale assenza di libertà e pratica religiosa. L'iniziativa è nata grazie a Chiyoko Iwanami (66 anni), che oggi vive a Tokyo e che ha voluto rendere omaggio alla testimonianza dei cristiani perseguitati durante lo shogunato Tokugawa del periodo Edo (1603-1867).

    Il museo verrà aperto nel distretto Heiwamachi di Nagasaki, non lontano dalla cattedrale Urakami e dal Museo del bombardamento che ricorda la distruzione avvenuta dopo lo sganciamento degli ordigni atomici sul Giappone del 1945. Secondo la Iwanami, anche questa tragedia ha influito sulla scelta: "Moltissimi cattolici morirono durante il bombardamento, e questo ha creato una dispersione della memoria dei Kakure Kirishitan. Voglio mostrare alla gente quanto sia difficile proteggere la propria fede se non c'è libertà religiosa".

    La struttura sarà inaugurata nel gennaio 2015, per celebrare i 150 anni dalla "riemersione" dei cristiani in Giappone. Essa coprirà 140 metri quadri al primo piano di un edificio di proprietà della stessa Iwanami, che con la sua casa editrice ha pubblicato diverse opere sulla persecuzione anti-cristiana e sulla storia di Nagasaki. L'arcidiocesi di Nagasaki si occuperà degli oggetti in mostra, soprattutto medaglie religiose e icone oggi presenti al Museo nazionale di Tokyo [nella foto un Buddha con una croce sulla schiena, uno dei manufatti usati dai cristiani per pregare senza farsi scoprire].

    Dopo circa due secoli e mezzo di totale clandestinità, la comunità cristiana sotterranea del Giappone - i "Kakure Kirishitan", convertiti nel XVI secolo e rimasti fedeli alla Chiesa nonostante la totale assenza di missionari, sacerdoti, libertà o pratica religiosa - riemersero dall'oscurità dopo l'inaugurazione della chiesa di Oura (nei pressi di Nagasaki) che il governo di Tokyo aveva concesso ai missionari francesi.

    Mentre pregava all'interno della chiesa, il 17 marzo 1865, il p. Petitjean - missionario del Mep, poi divenuto primo vescovo di Nagasaki - venne raggiunto da un piccolo gruppo di contadini del luogo che gli chiese se "fosse possibile salutare Gesù e santa Maria". Dopo un primo momento di stupore, il sacerdote si fece raccontare la loro storia: una comunità cristiana numerosa e ancora fedele a Roma era presente nel Paese sin dalle persecuzioni del 1500.

    Proprio l'esempio dei cristiani giapponesi è stato spesso ricordato da papa Francesco, che durante l'udienza generale del 15 gennaio ha detto: "La storia della comunità cristiana in Giappone è esemplare. Sentite bene: essa subì una dura persecuzione agli inizi del secolo XVII. Vi furono numerosi martiri, i membri del clero furono espulsi e migliaia di fedeli furono uccisi. In Giappone non c'era più nessun prete, tutti sono stati espulsi. Allora la comunità si ritirò nella clandestinità, conservando la fede e la preghiera nel nascondimento, e quando nasceva un bambino, il papà e la mamma lo battezzavano, perché tutti noi possiamo battezzare. Quando, dopo circa due secoli e mezzo, i missionari ritornarono in Giappone, migliaia di cristiani uscirono allo scoperto e la Chiesa poté rifiorire. Erano sopravvissuti con la grazia del loro battesimo!".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/01/2014 GIAPPONE - VATICANO
    I Rotoli di Marega "importantissimi non solo per la Chiesa, ma per tutto il Giappone"
    L'ambasciatore di Tokyo presso la Santa Sede, Teruaki Nagasaki, commenta ad AsiaNews l'accordo fra Giappone e il Vaticano per tradurre e catalogare i documenti sulla presenza e sulla persecuzione dei cristiani nel Sol Levante: "Atti di enorme rilevanza storica. L'anno prossimo celebriamo i 150 anni dalla riemersione dei 'cattolici nascosti'. Speriamo che il Papa festeggi con noi questo avvenimento!".

    10/03/2015 GIAPPONE
    Vescovo di Niigata: I 'cristiani nascosti', stimolo a vivere con pienezza la fede
    Dal 14 al 17 marzo la Chiesa nipponica onora i fedeli di Nagasaki, sopravvissuti a due secoli e mezzo di persecuzione mantenendo saldo il credo cattolico pur senza sacerdoti o missionari. Ad AsiaNews mons. Tarcisio Isao Kikuchi spiega: "Stiamo cercando di trasportarli fuori dai libri di storia e renderli testimoni vivi ancora oggi". Le difficoltà dell'evangelizzazione del Sol Levante e la necessità di testimoniare in prima persona i valori evangelici.

    29/01/2013 GIAPPONE
    Per la prima volta, il Sol Levante propone all’Unesco di onorare i luoghi cristiani
    I governatori delle Prefetture di Nagasaki e Kumamoto hanno presentato al ministro della Cultura Hakubun Shimomura una lista di 13 siti da presentare come “patrimonio dell’umanità”. Fra questi spiccano la cattedrale di Oura – il “miracolo d’Oriente” di Pio IX – e diversi siti di martirio. Nel Paese l’evangelizzazione ha subìto una delle persecuzioni più dure della storia.

    06/03/2010 GIAPPONE
    Tokyo: 15mila persone in fila per il Festival su Madre Teresa
    Dedicato al centenario della nascita della Beata albanese, un ciclo di sette film sta facendo il giro del mondo. Successo oltre ogni aspettativa in Giappone, dove il tour continuerà fino alla fine di aprile.

    20/11/2008 GIAPPONE
    I 188 martiri, occasione di crescita per la Chiesa giapponese
    Il 24 novembre verranno beatificati quelli che il cardinale Pietro Seichi Shirayanagi, in questa intervista definisce persone normali, “esemplari nell’osservanza dell’ordine sociale, non hanno esitato a rifiutare la sottomissione a decreti dello shogun e dei daimyo quando si opponevano alla fede e alla dignità della persona umana”.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®