20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/11/2011, 00.00

    EGITTO

    Nuova “marcia da un milione” oggi al Cairo per cacciare il governo dei militari



    Oltre 30 partiti politici e i sindacati nella prova di forza contro il Consiglio supremo delle Forze armate, che conferma le elezioni del 28 novembre e nomina un nuovo Primo ministro. Assenti i Fratelli musulmani, che si riuniranno in un altro luogo.
    Il Cairo (AsiaNews/Agenzie) – Piazza Tahrir si sta cominciando a riempire per una nuova “marcia da un milione” convocata da oltre 30 partiti politici per oggi, dopo la preghiera del venerdì, per chiedere che il Consiglio supremo delle Forze armate (Scaf) e il suo capo, Hussein Tantawi, passino immediatamente i propri poteri a un’autorità civile. Altre richieste secondarie sono la formazione di un governo di “emergenza nazionale”, il rilascio degli attivisti arrestati a Maspero e a Tahrir, il processo per i responsabili delle uccisioni dei manifestanti e una ristrutturazione radicale del ministero degli Interni. I grandi assenti dalla manifestazione sono il partito Wafd (liberale) e soprattutto i Fratelli musulmani, che daranno vita a una manifestazione separata.

    Il Consiglio supremo ha già rigettato le richieste che verranno ribadite in piazza oggi; ha confermato che il primo appuntamento elettorale fra quelli previsti si svolgerà il 28 novembre prossimo; e ha nominato un nuovo Primo ministro, in sostituzione di Essam Sharaf, dimessosi il 23 novembre. Il nuovo premier è Kamal Ganzouri, che ha già ricoperto questo ruolo nell’era Mubaraka, dal 1996 al 1999. La nomina è criticata perché Ganzouri è un esponente delle vecchia guardia, legato ai vertici del regime e ai militari, anche se aveva preso le distanza dal Rais tempo prima che scoppiasse la crisi.

    La protesta di oggi è appoggiata dalla Federazione dell’unione dei sindacati egiziani, mentre un’altra organizzazione sindacale ha proclamato uno sciopero per oggi a sostegno della manifestazione. Nel frattempo il ministero della Sanità ha rivelato che 41 persone sono rimaste vittima degli scontri dei giorni scorsi. Il Consiglio ha espresso le sue condoglianze e promesso che le famiglie delle vittime saranno indennizzate. Ma la situazione è estremamente instabile e piena di rischi, anche per i giornalisti. Alcuni sono rimasti feriti e un gruppo di osservazione ha sconsigliato giornali e televisioni dall’inviare donne giornaliste in Egitto, dal momento che si sono verificati almeno due casi di aggressioni sessuali da parte di agenti della sicurezza in borghese ai loro danni: una francese e una con nazionalità egiziana ed americana.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/06/2012 EGITTO
    Mentre gli islamisti vantano la vittoria alle presidenziali l'esercito si riprende il potere
    I militari varano a sorpresa una legge che limita i poteri del futuro presidente e dà loro la facoltà di scegliere la nuova Assemblea costituente. Leader politici democratici e islamisti gridano al colpo di Stato.

    14/10/2011 EGITTO
    Verità e giustizia sul massacro dei copti, contro la menzogna e la superficialità
    I risultati delle autopsie saranno diffusi il 27 ottobre. Ma da ora vi è una campagna dell’esercito egiziano a tacere, manipolare la verità e accusare i copti di violenza, contro tutte le testimonianze oculari e i video. Shenouda III si schiera contro la versione dei militari. Anche Obama suppone che i copti siano stati violenti. Per non dimenticare, AsiaNews pubblica alcune immagini del massacro, inviateci da organizzazioni copte.

    03/08/2012 EGITTO
    Il nuovo governo egiziano non ha nessun membro della Rivoluzione dei Gelsomini
    Il nuovo esecutivo guidato dal Premier Hisham Qandil ha prestato giuramento ieri pomeriggio. Fra i ministri due donne, di cui una cristiana. Ma sotto Mubarak erano almeno due. Esclusi i leader della Rivoluzione araba e i salafiti. Portavoce della Chiesa egiziana sottolinea la durata limitata del nuovo esecutivo (6 mesi) e critica la nomina di un solo cristiano copto. L'apparente pluralismo mossa dei Fratelli musulmani per tranquillizzare l'opinione pubblica e preparare una nuova ascesa alla prossime elezioni parlamentari.

    03/07/2013 EGITTO
    Scade l'ultimatum dell'esercito. Milioni di egiziani affollano piazze e strade
    I militari hanno occupato la sede della TV nazionale: il Consiglio supremo delle forze armate organizza i colloqui fra delegati governativi e manifestanti, boicottati per il momento dai Fratelli Musulmani. La al-Gamaa al Islamiya abbandona il presidente.

    19/09/2011 EGITTO
    Esercito e Fratelli musulmani pericolosi protagonisti del voto del 21 novembre
    Preoccupa il silenzio dei militari sul futuro del Paese. I ragazzi di piazza Tahrir troppo divisi e disorganizzati per incidere nel dibattito politico.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®