15/03/2011, 00.00
GIAPPONE
Invia ad un amico

Nuova esplosione a Fukushima, cresce il rischio di radiazioni

Stamane è esploso il reattore n. 2 e si è incendiato il reattore n. 4. Nei giorni scorsi erano esplosi il n.1 e 3. Il livello di radiazioni vicino all’impianto è considerato nocivo per la salute. Innalzamento delle radiazioni anche a Tokyo. L’aiuto dell’Aiea e degli Stati Uniti. La borsa scende del 10%. Nel tardo pomeriggio il livello delle radiazioni è sceso.
Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Una nuova esplosione alla centrale nucleare di Fukushima ha innalzato le radiazioni a un livello pericoloso per la salute umana. Il portavoce del governo, Yukio Edano ha detto che le radiazioni all’impianto sono giunte a 400 millisievert all’ora, migliaia di volte più alte di ieri.
 
Secondo l’associazione mondiale nucleare, una dose di 1000 millisievert produce nausea e vomito; 5 mila millisievert può essere mortale per almeno il 50% dei colpiti.
 
Il premier Naoto Kan ha messo in guardia la popolazione su possibili fughe radioattive e ha domandato ai giapponesi che vivono fino a 30 km dall’impianto di Fukushima di rimanere chiusi in casa.
 
Anche nella capitale si registrano innalzamenti delle radiazioni, fino a 40 volte il normale, che per ora non sono considerate pericolose per la salute.
 
Stamane è esploso il reattore n.2 e si è sviluppato un incendio al reattore n. 4, che è stato spento. Nei giorni scorsi, per un difetto nell’impianto di raffreddamento, causato dal terremoto, erano esplosi il reattore 1 e 3.
 
Il governo ha chiesto all’Aiea, l’agenzia Onu per il nucleare, di mettere a disposizione delle “missioni di esperti”, per stabilizzare i reattori. Gli Stati Uniti hanno inviato due tecnici nucleari per aiutare a far fronte alle difficoltà con gli impianti. Nel tardo pomeriggio di oggi il governo ha comunicato che il livello delle radiazioni nell'impianto di Fukushima è sceso ai livelli prima dell'esplosione del reattore n.2.
 
La borsa di Tokyo ha subito un altro colpo, chiudendo la giornata a meno 10,55%. Ieri era caduta del 7%.
 
A cinque giorni dal terremoto di magnitudo 8.9, continuano le operazioni di soccorso. Le ultime cifre ufficiali parlano di 2400 morti e di circa 10 mila dispersi. Molte zone più remote non sono ancora state raggiunte dalle squadre di emergenza, guidate da circa 100 mila soldati.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tokyo annuncia la riapertura delle centrali nucleari
25/04/2013
Fukushima, per la prima volta un gruppo di tecnici entra nel reattore nucleare
05/05/2011
Cresce il pericolo radiazioni a Fukushima. La Chiesa invia volontari nelle aree dello tsunami
31/03/2011
Nuova esplosione alla centrale nucleare, ma non è come a Cernobyl
14/03/2011
Sendai, il lavoro della Caritas a due anni dallo tsunami
16/03/2013