27 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/01/2010, 00.00

    MALAYSIA

    Nuovo attacco contro i cristiani in Malaysia: il nono in quattro giorni



    Non si placano le violenze legate alla diatriba sull’uso della parola Allah. Oggi colpita una chiesa nello stato centrale di Negeri Sembilan. Ieri altri quattro assalti contro chiese e scuole cristiane. Nonostante le violenze, i fedeli hanno partecipato in massa alle funzioni della domenica.
    Kuala Lumpur (AsiaNews/Agenzie) – Nuovo attacco contro un edificio cristiano in Malaysia: oggi è stato colpito il tempio di Sidang Injil Borneo, situato nello stato centrale di Negeri Sembilan. Ieri altri quattro luoghi di culto o istituti religiosi erano finiti nel mirino dei fondamentalisti. Dall’8 gennaio scorso sono nove gli edifici cristiani assaltati. Le violenze sarebbero una risposta contro la decisione dell'Alta Corte che il 31 dicembre scorso ha autorizzato il settimanale cattolico Herald a utilizzare la parola “Allah” nell’edizione in lingua malay.  
     
    Il reverendo Eddy Marson Yasir, della chiesa di Sidang Injil Borneo, riferisce di essere stato chiamato da un fedele “che ha visto la porta della chiesa incendiata”. “C’era del fumo – aggiunge – ma siamo stati fortunati, le fiamme non si sono propagate”.
     
    Fonti della polizia confermano altri quattro attacchi, contro luoghi di culti cristiani, avvenuti ieri. Gli assalitori hanno lanciato bombe Molotov contro una chiesa e una scuola gestita da religiosi nello stato di Perak; colpita anche una chiesa a Sarawak, nell’isola del Borneo; una quarta chiesa, nel sud del Paese, è stata imbrattata con vernice nera.
     
    Nonostante le violenze, i cristiani ieri hanno voluto partecipare come d’abitudine alle funzioni domenicali. Circa 1000 fedeli hanno ascoltato la messa alla chiesa cattolica dell’Assunzione di Kuala Lumpur, uno degli edifici attaccati l’8 gennaio scorso. P. Phillis Muthu ha chiesto ai fedeli di essere pazienti. “Non vogliamo incolpare – afferma il parroco – nessun abitante, quartiere o religione. Siamo una comunità pacifica e siamo qui per offrire le nostre preghiere per la nazione. Il sacerdote ha ammesso di essere “spaventato per gli incidenti”, ma aggiunge: “la vita deve andare avanti”.
     
    La Malaysia è un Paese multi-culturale, ha una popolazione superiore ai 23 milioni di abitanti, con una presenza consistente di minoranze etniche, tra cui quella cinese e indiana. Il 60% circa è di religione musulmana: i cristiani sono circa il 10% della popolazione.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/01/2010 MALAYSIA
    Malaysia: attaccate quattro chiese cristiane, nella diatriba sull'uso di "Allah"
    Tre luoghi di culto protestanti e uno cattolico nel mirino dei fondamentalisti islamici. Danneggiati gli uffici amministrativi della Metro Tabernacle Church. Rotti i vetri e le carrozzerie di alcune auto di proprietà dei cattolici. Il direttore del settimanale cattolico Herald conferma “pressioni” su governo e magistratura per “cancellare la sentenza della Corte suprema”.

    12/07/2014 MALAYSIA
    Sepang, parlamentare musulmano: sulla controversia Allah, violati i diritti dei cattolici
    Mohamed Hanipa Maidin chiede giustizia per l’Herald Malaysia e la comunità cristiana, da tempo sotto attacco. La decisione di respingere il ricorso è contro la Costituzione, il caso è di rilevanza pubblica e tocca i principi dello Stato. Egli si chiede quale sia “il valore della libertà religiosa” in Malaysia e conferma che i cattolici non hanno violato alcuna norma o principio.

    06/06/2014 MALAYSIA
    Malaysia, controversia “Allah”: il 23 giugno il tribunale decide sull’appello
    “Cauto ottimismo” fra i cattolici in merito al possibile accoglimento del ricorso alla Corte federale. Si tratta di un giudizio “di merito” e prevale la volontà di mantenere un basso profilo. Vi sono ancora “resistenze e opposizioni”, anche se è in corso un “dialogo costruttivo” per garantire “armonia” fra le confessioni religiose.

    20/01/2014 MALAYSIA
    Controversia “Allah”, vescovo di Kuala Lumpur: con p. Lawrence nella lotta per la libertà religiosa
    Mons. Murphy Pakiam “addolorato e dispiaciuto” per gli attacchi al direttore di Herald Malaysia. Il rogo di immagini che ritraggono il sacerdote equivalgono a “un attacco complessivo” contro la comunità cristiana. Critiche al silenzio della classe politica che non tutela i diritti di tutti e un invito alla comunità cristiana a “essere forti”.

    09/01/2014 MALAYSIA
    Controversia “Allah”: la polizia interroga p. Lawrence, atti dell’inchiesta alla procura
    Consegnati al pubblico ministero i verbali dell’interrogatorio al sacerdote e direttore dell'Herald Malaysia. Egli è sotto inchiesta per “sedizione”; nessuna dichiarazione ufficiale per evitare ulteriori polemiche. La controversia varca i confini nazionali: imam statunitense si appella al governo di Kuala Lumpur, vietare l’uso di Allah ai cristiani è un “tragico errore”.



    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®