22 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/07/2009, 00.00

    ASIA CENTRALE-EUROPA

    Oggi ad Ankara la firma per dare il via al “Nabucco”



    Dovrebbe così passare al piano operativo la realizzazione del gasdotto di 3.300 chilometri che porterà in Occidente l’energia dell’Asia Centrale, in particolare quella di Turkmenistan, Kazakistan e Uzbekistan. Si guarda anche ad Azerbaijan e Iraq, porta aperte alla Russia, mentre Mosca manda avanti il suo South Strema.
    Ankara (AsiaNews/Agenzie) – Sarà firmato oggi ad Ankara l’accordo tra i cinque Paesi coinvolti nel progetto Nabucco, il grande gasdotto che dovrebbe portare in Europa il gas dell’Asia centrale, permettendo all’Europa, oggi largamente dipendente dalla Russia, di diversificare le sue fonti di approvvigionamento.
     
    A firmare l’accordo saranno rappresentanti di Bulgaria, Romania, Austria, Ungheria e Turchia, alla presenza del presidente della Commissione della Ue, Jose Manuel Barroso, e del segretario Usa all’energia, Richard Morningstar.
     
    Sembra definitivamente superato l’ostacolo frapposto dalla Turchia, che pretendeva il 15% del gas che passa su suo territorio. Ankara ha abbandonato la richiesta, avendo avuto in cambio, ha spiegato il ministro turco all’energia, Taner Yildiz, della garanzia che il suo Paese potrà accedere fino al 50% del gas del Nabucco, in caso ne avesse bisogno in momenti di difficoltà. Il gasdotto, cioè, potrà funzionare sia in direzione est-ovest che in quella opposta.
     
    Lanciato nel 2002, il progetto Nabucco prevede la possibilità di trasportare lungo i 3.300 chilometri del gasdotto fino a 31 miliardi di metri cubi di gas all’anno e dovrebbe divenire operativo nel 2014. Il costo dell’opera è stimato in 7,9 miliardi di euro.
     
    A fornire il gas dovrebbero essere Paesi dell’Asia centrale: Turkmenistan, Kazakistan e Uzbekistan, anche se tutti i relativi accordi vanno ancora perfezionati. Si guarda anche ad Azebaijan e Iraq, ma difficoltà per l’Iran, a causa delle sanzioni cui il Paese è sottoposto.
     
    Porte aperte anche alla Russia, che però sta portando avanti un progetto alternativo, insieme all’italiana Eni. Si tratta del South Stream, che passerà sotto il Mar Nero per uscire in Bulgaria.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/01/2008 ASIA CENTRALE
    Uzbekistan e Turkmenistan innalzano il prezzo del gas in pieno inverno
    A dicembre i due governi concordano un’azione per far aumentare il prezzo del gas, minacciando di interrompere le forniture. I poveri Paesi vicini costretti a pagare. Ma l’Iran si rifiuta e medita ritorsioni.

    05/07/2008 RUSSIA - ASIA CENTRALE
    Medvedev in Asia centrale per il monopolio dell’energia
    Il presidente russo visita Azerbaigian, Turkmenistan e Kazakistan per convincerli a far passare il loro gas per la Russia e a rifiutare i gasdotti proposti dall’Europa. Decisiva la posizione di Baku, per cui già passano condotti fino in Turchia.

    14/05/2007 RUSSIA - ASIA CENTRALE
    Putin rinsalda il controllo sull’energia dell’Asia centrale
    Russia, Kazakistan e Turkmenistan concordano un nuovo gasdotto per portare il gas turkmeno in Russia. Deluse le speranze europee di un gasdotto sotto il Mar Caspio. Il presidente turkmeno assicura che, comunque, studia anche altre via. Esperti: è la Cina il vero antagonista della Russia nella zona.

    19/03/2008 RUSSIA - ASIA CENTRALE
    L’accordo Gazprom-Asia centrale scatenerà aumenti del gas
    Esperti prevedono che l’alto prezzo offerto dalla Gazprom per il gas di 3 Stati dell’Asia Centrale farà crescere i prezzi mondiali. A soffrirne saranno soprattutto gli Stati poveri come il Tagikistan, ma anche Europa e Cina.

    24/06/2008 EUROPA-IRAN-ASIA CENTRALE
    L’Europa potrebbe presto comprare energia dall’Iran, contro la volontà Usa
    Il gasdotto Nabucco, dalla Turchia all’Austria, trasporterà energia anche dell’Iran e di ogni produttore. Nel futuro potrà collegarsi con gasdotti attraverso il Mar Caspio e portare in Europa l’energia dell’Asia centrale, aggirando la Russia.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®