22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/03/2017, 12.50

    IRAN - ONU

    Onu: Iran un esempio per l’accoglienza dei rifugiati afghani



    Un milione i rifugiati registrati sul territorio. Fra le politiche elogiate, il decreto per l’accesso all’istruzione che ha portato a 15mila classi in più.

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) – Mentre in Europa e America l’accoglienza dei profughi è al centro di accesi dibattiti politici, l’Alto commissariato per i rifugiati dell’Onu (Unhcr) elogia l’approccio di Teheran, definendolo “esemplare”. Sono quasi un milione gli afghani che vivono in Iran, alcuni sin dall’occupazione sovietica degli anni ‘80.

    Secondo l’Unhcr, lo scorso giugno l’Iran era il quarto Paese per numero di rifugiati, subito dopo la Turchia, il Pakistan e il Libano. Nello specifico, sono circa 950mila gli afghani e 28mila gli iracheni registrati sul territorio. “La leadership del governo iraniano è stata esemplare nell’ospitare i rifugiati e tenere i confini aperti” afferma Sivanka Dhanapala, a capo dell’ufficio iraniano dell’Unhcr. “È una storia di cui non si parla abbastanza spesso.”

    Le Ong stimano che alla cifra vadano aggiunti due milioni di afghani non registrati.

    Padre Giuseppe Moretti, contattato da AsiaNews, dichiara di non essere sorpreso della presenza di afghani di etnia hazara nel territorio iraniano. “C'è legame religioso fra hazara e Iran, perché sono sciiti. Tra le più grandi, l’etnia hazara è la più povera, per questo sono spinti versi l'Iran, che ha fama di essere un paese ricco.” Secondo l’Unhcr, hazari e tagiki sono il 70% dei rifugiati afghani in Iran.

    Dhanapala sottolinea le buone politiche d’accoglienza in Iran, in particolare il decreto del 2015 dell’ayatollah Ali Khamenei, che ha aperto le scuole ai bambini afghani, anche quelli privi di documenti – decisione che ha richiesto la costruzione di un equivalente di 15mila nuove classi. In tal modo, quasi 350mila bambini afghani sono stati inseriti nel sistema educativo nazionale.

    Molti iraniani, provati dalle difficili condizioni economiche dovute ad anni di sanzioni e malgoverno, non sono felici della presenza di tanti profughi bisognosi. P. Moretti, parlando dei rapporti fra iraniani e afghani, ironizza: “C’è un po’ la stessa simpatia che può esserci in Italia fra una persona del nord e una del sud.”

    “All’origine di questa accoglienza – continua – è l’idea dell’umma, della famiglia musulmana. Inoltre, in oriente l’ospitalità è molto importante. Però chi arriva sarà sempre considerato straniero.”

    Molti afghani si lamentano di essere discriminati. Teheran cerca di scoraggiarli dal restare e, al contempo, di riunire quelli senza permesso per rimpatriarli. Una fonte anonima dichiara: “Anche uno come me, che è nato in Iran e ci vive da 36 anni, non è cittadino iraniano e la discriminazione che devo sopportare a scuola e al lavoro è soffocante.” Nonostante la gratitudine, la paura di non ottenere il rinnovo del permesso, che ha durata da sei o 12 mesi, rende la vita difficile.

     “Sono stato mandato indietro qualche volta – ammette un afghano senza documenti, arrivato 14enne negli anni ‘80 – O aspetti un nuovo visto o torni illegalmente con i trafficanti. Io non l’ho mai fatto – è orribile.”

    Un’altra questione spinosa è l’accusa, di alcuni governi stranieri, di reclutare giovani afghani per combattere in Siria. Pur riconoscendo alle famiglie dei caduti dei privilegi speciali, Teheran nega il suo coinvolgimento, affermando che quelli che vanno a combattere sono solo volontari.

    Nonostante le critiche, l’Unhcr e le altre Ong concordano che l’Iran merita più credito di quanto gliene venga dato.

    L’Onu auspica che vengano alleggerite le restrizioni dei lavori accessibili agli afghani e un processo di registrazione formale per quelli non documentati. Tuttavia, “in un mondo che ha molte brutte storie sull’accoglienza dei rifugiati – dice Dhanapala – credo che l’Iran sia una buona notizia.”  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/12/2016 14:48:00 AFGHANISTAN
    Onu: record di sfollati in Afghanistan, sono più di mezzo milione

    Dal 2014 il numero degli sfollati interni più che raddoppiato. Quest’anno ha toccato quota 518mila. Il Pakistan ha respinto oltreconfine più di 600mila rifugiati afghani. Il fondo delle Nazioni Unite ha stanziato solo il 54% dei 152 milioni necessari per garantire beni di prima necessità. 



    13/10/2016 11:39:00 AFGHANISTAN
    UE: rifugiati afghani via dall’Europa. Sacerdote: un controsenso

    Insieme a Pakistan e Iran l’Ue sta discutendo un piano per rimpatriare circa 3 milioni di afghani verso un Paese di fatto ancora in guerra.



    21/07/2017 10:39:00 IRAN
    Parlamentari per l’abolizione della legge di cittadinanza che discrimina le donne

    Solo gli uomini possono dare la cittadinanza ai figli e alla coniuge. In questo modo, migliaia di bambini rimangono privi di cittadinanza. I più vulnerabili sono i figli dei rifugiati afghani.



    19/06/2007 ONU
    L'Iraq fa salire a 10 milioni i rifugiati nel mondo
    Il numero - fornito dall’Unhcr – si riferisce alla fine del 2006 ed è il primo aumento registrato in 5 anni. A determinare la crescita - pari al 14% - il flusso migratorio di iracheni verso Siria e Giordania: 1,5 milioni di persone. Ma il gruppo più consistente rimane quello afghano con 2,1 milioni di rifugiati. In Asia, i Paesi più colpiti dal fenomeno dei profughi interni.

    13/08/2014 SRI LANKA
    Rifugiato pakistano: Non deportateci, se torniamo a casa saremo uccisi
    Un pastore protestante lancia un appello a nome di decine di stranieri che chiedono asilo politico in Sri Lanka. Il governo ha avviato le espulsioni, contravvenendo anche alle richieste dell'Agenzia Onu per i rifugiati. Almeno 84 pakistani, 71 afghani e 2 iraniani saranno deportati.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®